Vai a Team World Shop
Risultati da 1 a 4 di 4
Like Tree4Likes
  • 2 Post By {Iris*
  • 1 Post By {Iris*
  • 1 Post By {Iris*

Discussione: Ti Guardo Per L’Ultima Volta Mentre Vai Via.

  1. #1
    Backstage Addicted


    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    337
    Inserzioni Blog
    47

    Predefinito Ti Guardo Per L’Ultima Volta Mentre Vai Via.

    Salve ragazze .. questa è la prima FF che pubblico spero vi piaccia.. l'ho scritta molto tempo fa ma non ho mai avuto il tempo di organizzarla e finirla.. e nemmeno adesso.. infatti ho solo i primi capitoli... ma forse postandola avrò un motivo in più per finirla.. io comunque farò il possibile per portarla termine... ..

    questa parte l'avevo postata anche come One Shot..


    Prologo

    12 Dicembre

    <<devo parlarti >> disse serio.
    Quell'espressione mi faceva paura,era troppo seria per un ragazzo come lui..un ragazzo spericolato,sempre con la voglia di divertirsi e con il sorriso stampato sul volto.
    <<che hai? Sei strano…>> -<<ecco vedi… non so come dirtelo>> - <<cosa??,c’è qualcosa che non và?>>.
    Non rispose,rimase in silenzio per un po’ ,mentre camminavamo sul riva della spiaggia,la quale era diventata il nostro "Nido", dove poterci rifugiare quando cercavamo un pò di tranquillità lontano da tutto il caos della città e dai nostri problemi.
    Il mare era nero,a causa di quel cielo grigio di dicembre,che avrebbe chiamato pioggia da lì a poco.
    Quei minuti di silenzio mi mettevano ansia non l'avevo mai visto così e questo mi turbava molto.
    cercavo un punto, un qualcosa che mi facesse distrarre mai i miei pensieri finivano sempre su di lui, avevo un brutto presentimento.
    Finalmente si decise e iniziò a parlare.
    <<Prima volevo dirti che.. bhè non è facile….a fine mese parto...>>
    << ah,e quanto tempo rimarrai via? una settimana, due?>>
    <<No>>
    <<Allora un mese>>
    <<Neanche, mi trasferisco al Nord.. Papà ha trovato lavoro lì e quindi ci trasferiamo>>
    Sentendo quelle parole mi bloccai,pensai fosse uno scherzo,che avevo capito male, ma il suo viso tradiva qualsiasi malinteso.
    Quelle parole continuavano a girami in testa, non volevo credergli,non riuscivo a pensare che il mio migliore amico sarebbe partito lasciandomi da sola,non sarei più riuscita a condurre la vita di sempre senza di lui al mio fianco, per me era tutto,era il mio porto sicuro dove potevo sempre trovare affetto,calore e protezione.
    Ma tutto questo oramai non potevo averlo più.
    Ero immobile di fronte a lui…iniziai a piangere.
    Le lacrime,iniziarono a scendere sul mio volto infreddolito,che ormai non tradiva nessuna emozione,mi aveva sconvolto,e se ne rese conto.
    Il mio istinto mi diceva di scappare, scappare da quella situazione che stava diventando troppo pesante per me.
    Mentre il mio cuore mi diceva di rimanere lì e parlare con lui,e di stargli accanto fin quando era possibile.
    Feci vincere l’istinto,scappai,lasciandolo da solo sulla spiaggia.
    correvo,correvo lontano, volevo scappare da quella situazione troppo grande per me o semplicemente ero troppo codarda per poterla affrontare.
    Il cielo iniziò a tuonare segno che il temporale era vicino.
    Il mio corpo oramai non ce la faceva più colpa della sabbia che rendeva i passi pesanti,avevo le gambe che mi facevano male e il respiro affannato mi fermai,riuscivo ancora a vederlo anche se era solo un punto lontano.
    Era seduto per terra con la testa fra le gambe, piangeva.


    Ti guardo per l’ ultima volta mentre vai via.





    Commenti.
    Claire. and @ale like this.

  2. #2
    Backstage Addicted


    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    337
    Inserzioni Blog
    47

    Predefinito Re: Ti Guardo Per L’Ultima Volta Mentre Vai Via.

    allora ci sono un paio di cose che devo dirvi u.u
    punto 1: Grazie Mille a Chiara e Kia per i commenti *-* ragazze siete fantastiche
    punto 2: questa ff sarà un pò un casino xD... d'altronde cosa poteva mai uscire da una mente contorta ed incasinata come la mia? u.u
    punto 3: sappiate che sto finendo di scrivere il capitolo 3 e 4 u.u
    punto 4: vi avverto questo capitolo sarà un pò mieloso



    ****

    Capitolo 1.
    Questo capitolo lo dedico ai miei genitori,colonna portante della mia vita.




    Orfanotrofio Santa Rita.
    I Sottoscritti qui presenti dichiarano di aver preso visione delle pratiche per l’avvio dell’ adozione della qui presente bambina nata il 1 Luglio 1992, impegnandosi a mantenere gli accordi prestabiliti.

    Napoli,Il 15 Agosto 1992.



    20 Anni Dopo.
    Ore 13.00.. Stazione Centrale di Napoli.
    << Il treno IC 727 con destinazione Milano stazione centrale è in partenza dal binario 3>> la voce metallica dello speaker interruppe i miei pensieri, mi diressi verso il binario e aspettai.
    Era una fresca mattinata di Settembre, ma si respirava ancora l’aria estiva appena conclusa,alla banchina con me c’era un gruppo di ragazzi che magari come me , era in partenza per vacanze, anche se le mie non erano vere e proprie vacanze, stavo per trasferirmi a Milano da Alessia, una ragazza che avevo conosciuto durante la stagione estiva, lavoravamo entrambe nello stesso villaggio turistico ed essendo le due ragazze più piccole, anche se avevamo entrambe 20 anni, avevamo creato un bel rapporto d’amicizia, nonostante le coccole ricevute dal resto dei colleghi.
    Il giorno della partenza ci promettemmo che un giorno ci saremmo ritrovate, ed infatti ebbi solo il tempo di ritornare a casa, disfare i bagagli, che ricevetti una sua chiamata, aveva trovato un bilocale nel centro di Milano ad un prezzo bassissimo e mi chiese di trasferirmi da lei, ed io non ci pensai su due volte,rifeci le valigie ,spiegai ai miei la situazione e stranamente mi lasciarono partire senza alcun problema,anche se abituati alle mie continue partenze, so che soffrono molto e che si preoccupano in continuazione ma devo ringraziarli perché non me l’hanno mai fatto pesare.
    Mi hanno lasciato sempre una grande libertà di scelta, soprattutto se riguarda il mio futuro.
    Sono qui di fronte a me, e quasi mi viene da piangere , per come sono belli,mamma con una delle camicie che ricade perfettamente sul quel corpo da cinquantenne tenuto in grandissima forma, l’ho sempre invidiata per questa cosa,lei è come mia sorella, possano mangiare dolci per giorni, ma non metterebbero su nemmeno un Kilogrammo, avendo sempre un fisico perfetto e tonico,io invece solo sentendone il profumo metterei su Kili, e devo fare diete su diete per mantenere quel poco di peso-forma che sono riuscita a conquistare negli anni.
    Mio padre,al contrario ha il solito bermuda e la solita canotta, con quel pancione che da come ricordo ha sempre avuto, e che a Natale si trasformava in un ottimo Babbo Natale, ho sempre avuto una grande stima di lui, anche se non gliel'ho mai dimostrato.
    Inoltre amo la sua grande passione per la musica, amo la sua chitarra acustica che custodisce gelosamente e che nessuno può toccare, e amo quando il pomeriggio lo passa suonandola, trasmettendo una grande armonia in casa, quante volte sono rimasta li incantata a guardarlo per ore,la cosa di cui mi pento e che non gli ho mai chiesto di darmi delle lezioni, a causa della mia timidezza.
    Il solo pensiero che tutto questo non ci sarà più una volta arrivata a Milano mi fa rabbrividire.
    Rimango intenerita per come fissano in continuazione quel tabellone che riporta i minuti di ritardo del treno, di come li vedo sospirare quando vedono quei minuti aumentare, come se volessero temermi con loro il più a lungo possibile, come se volessero che quel treno non arrivasse mai.
    <<Vale, Il treno sta arrivando >> mi avverte mia madre, facendomi riemergere dai mille pensieri, All'arrivo salì e presi posto nella mia cabina,abbassai il finestrone e comunicai alla mia famiglia che era tutto apposto e che come promesso li avrei chiamati appena sarei arrivata, poco a poco il vagone si riempì e mi trovai con i ragazzi che vidi sulla banchina,almeno avrei passato il viaggio in buona compagnia.
    Poco dopo il treno partì e lasciai alle spalle la mia Napoli, che poi tanto mia non l’avevo mai sentita, avevo sempre avuto il desiderio di andrai via, ed adesso che ne avevo la possibilità, non mi sembrava vero.
    Presi l’Ipod dalla borsa misi le cuffie e mi lasciai andare alla musica,nemmeno a farlo apposta la prima traccia fu Il Meglio Deve Ancora Venire di Luciano Ligabue.



    COMMENTI ♥
    Claire. likes this.

  3. #3
    Backstage Addicted


    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    337
    Inserzioni Blog
    47

    Predefinito Re: Ti Guardo Per L’Ultima Volta Mentre Vai Via.

    Scusate il ritardo ma ho avuto un bel pò da fare... tutta colpa della scuola guida..
    ma rieccomi qui.. u.u
    ah cmq ho fatto uno sbaglio nel capitolo precedente... la data di nascita è '87 non '92.. purtroppo non me lo fa più modificare .-.

    Capitolo 2.
    “Mi Sono vista dare degli obbiettivi E gridare entusiasta " Ci Sono Riuscita". Ho visto realizzare i miei sogni Credo che non ci sia cosa più bella.”


    Ore 20.00
    Stazione Centrale di Milano.
    Il treno finalmente dopo ore estenuanti di viaggio sta per arrivare,riesco a vedere il solito cartello Blu con scritto “Milano Centrale” e in contemporanea squilla il cellulare leggo il nome sul display “ Alessia” e mi si stampa un sorrisone.
    <<Ale?>>
    <<Dove Sei? Io Sono Appena Arrivata In Stazione>>
    <<Sono Ancora In treno siamo appena entrati in stazione un minuto e scendo>>
    <<Va Bene, Com’è andato il viaggio?>>
    <<Tutto Tranquillo, Ale adesso stacco devo scendere >>
    <<va bene a fra pochissimo>>
    Presi la Valigia dallo scompartimento e mi avviai alla porta.. mi avvicinai e aspettai che il treno si fermasse e che quelle maledette porte si aprissero.
    Scesi dal treno ma non vidi nessuno ad aspettarmi con tutta quella folla era impossibile trovare Alessia, mi sedetti su una panchina li vicino aspettando che si sfollasse quando sentì un urlo provenire dalla mia destra.
    <<AAAAAAAAAAAAAAAAAHHHHH Tesorooo!!>> e vidi una pazza correre verso di me, ci misi un millesimo di secondo a riconoscerla,lasciai i bagagli accanto alla panchina e iniziai a correrle contro, ci fu un abbraccio lunghissimo misto a pianti e urla con una stazione intera che ci guardava allibita, ma poco mi importava,ero di nuovo con lei e tutto questo mi bastava.
    Non ci vedevamo da due settimane, ma sembrava fosse passata una vita.
    <<Mi Sei mancata Tanto>>
    <<Anche tu. . . Dai Andiamo, ho tante cose da farti vedere,partendo dalla città, la nostra casa e soprattutto i nostri vicini>>
    <<Non mi piace il tono, cos’hanno di così speciale?>>
    <<Lo scoprirai presto>> e le si disegnò un sorriso a trentadue denti, odio quando mi nasconde le cose, perché già so che dovrò preoccuparmi.
    Recuperammo le mie valigie e ci dirigemmo verso l’uscita della stazione, e fu amore a prima vista, la Milano di notte,con tutte quelle luci, quei pub e locali stracolmi di persone, la movida Milanese, quella che avevo sempre immaginato da quando avevo dieci anni, finalmente era li d’avanti a me, e non mi aveva affatto delusa.
    Ci dirigemmo verso la macchina, posai le valigie nel cofano e salimmo.
    Facemmo un piccolo giro turistico della città in macchina, finalmente potevo vedere il Duomo dal vivo e non più attraverso fotografie o immagini trovate su internet, fu un qualcosa di stupendo, soprattutto per una che come me ha sempre amato l’arte.
    Arrivammo finalmente a casa, e devo dire che mi piaceva molto, perché somigliava alla prima casa che ho avuto a Napoli, quella in cui sono cresciuta, era una villetta con solo due piani, e quattro appartamenti, due dei quali dovevano essere ancora sfitti, un vasto terrazzo, e un ampio giardino ben curato.
    <<Qual è il nostro appartamento?>>
    <<Il primo sulla sinistra>>
    <<Che Carinoooooo, e questi famigerati vicini dove abitano?>>
    <<Il primo sulla Destra, praticamente sullo stesso pianerottolo, quelli al secondo piano sono ancora sfitti, non vedo l’ora di farteli conoscere sono simpaticissimi,peccato che adesso siano in studio>>
    <<Studio? Cosa sono? Avvocati?, manager?, dottori?,Architetti?>>
    <<ahahahahhaha no no,hanno semplicemente una band con cui stanno cercando di sfondare nel mondo della musica>>
    <<bhè spero solo che non si mettano a provare in casa, perché avranno vita breve>> solo il pensiero di poter sentire batterie,chitarre e quant’altro, alle otto di mattina mentre dormo mi snerva un pochino come idea.
    <<No no tranquilla .. più di qualche festa non fanno>>
    <<Se mi invitano Apposto, se non lo fanno sarà guerra e meglio che lo sappiano>>.
    <<Tranquilla, te l’ho detto sono molto socievoli non avrai nessun problema con loro>>
    Alessia prese le chiavi dalla borsa e aprì la porta, e neanche l’interno deluse le mie aspettative, l’entrata dava su un corridoio, la prima stanza sulla sinistra era un piccolo salottino e con cucina ed un balcone all’esterno,su cui si affacciavano anche le atre stanze, la seconda era la stanza di Alessia e la terza la mia, ed un piccolo bagno in fondo al corridoio.
    Portammo le valigie in quella che divenne la mia nuova camera.
    <<Bene,adesso ti lascio disfare le valigie,se hai bisogno di una mano chiamami, intanto preparo la cena.>>
    <<Ok Grazie>>
    Aprì le valigie e iniziai disfarle, ancora non potevo credere a ciò che stavo vivendo,finalmente ero nella città dei miei sogni, con la mia migliore amica e non potevo chiedere di meglio.



    COMMENTI ♥
    Ultima modifica di {Iris*; 29-01-2013 alle 09:46
    @ale likes this.

  4. #4
    Backstage Addicted


    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    337
    Inserzioni Blog
    47

    Predefinito Re: Ti Guardo Per L’Ultima Volta Mentre Vai Via.

    Eccomiii quiiii !!! tranquille non vi ho abbandonate.... xD anche se faccio pena a postare dopo più di una settina.. ._. .. cmq grazie sempre alle Chiarette che commentano ogni capitolo ..
    questo fa un pò schifo ... anche xke nn avevo molta fantasia.. xD.. ma spero vi piaccia lo stesso... e siccome la sto postando dal cellulare nn ho la minima idea .. di come me lo posterà xD


    Capitolo 3

    Finito di sistemare le valigie mi spostai in cucina, aiutai Ale con la cena e preparai la tavola.
    << Devi apparecchiare per 5 persone.>>
    <<ma sai contare? Siamo solo due .. >>
    << si ma ci saranno anche i ragazzi a cena.. sai da quando mi sono trasferita qui di conseguenza loro si sono trasferiti nella mia cucina, almeno mangiano sano>>
    << bhè certo se cucini tu! ahahahah>>
    <<La simpatia proprio!>> disse Ale con un tono ironico.
    Ad interrompere le nostre frecciatine fu il cellulare di Ale che iniziò a squillare..
    <<Pronto? Ciao Carmine .... >>
    << stiamo arrivando .. siamo dietro l'angolo>>
    Ale: <<Va Benissimo>> staccò la chiamata
    <<Chi è Carmine?>> le chiesi con un tono interrogativo
    <<è uno dei ragazzi di cui ti ho parlato>>
    <<e quei occhi a cuoricino? Direi che ti sei presa una bella cotta o sbaglio? >>
    <<Ti sbagli..siamo solo amici .. c’è una bella amicizia fra di noi e…>>
    <<e ti piace!>>
    <<Un po’>>
    <<si vabbè .. ti sto credendo>> dissi con tono ironico.
    Il nostro battibecco fu interrotto dal campanello, andai ad aprire e mi ritrovai di fronte un ragazzo poco più alto di me, capelli marroni e ricci e occhi dello stesso colore.
    <<Piacere Marco… tu devi essere Valentina vero?>> accompagnato da un grandissimo e bellissimo sorriso.
    << Si , sono io Piacere>> risposi ricambiando il sorriso.
    <<io invece sono Danilo, Piacere>> e si fece avanti un ragazzo con capelli biondo cenere, occhi marroni e delle bellissime labbra carnose.. che quasi gli invidiavo.
    << Piacere Carmine... >>
    e subito capì perché Ale gli andava dietro... è il ragazzo più affascinante dei tre... capelli castani e due occhi verdi che vanno nell’azzurro..simili ai miei.
    I: << ma non dovevate essere in quattro?.. dov’è l’ultimo?>>
    << Ste ha un impegno che non ha potuto rimandare, ma tranquilla ha detto che non vede l’ora di conoscerti >> mi informò Ka.
    I: << Addirittura?>>
    Ka: << sai Ale ci ha parlato così tanto di te.. che ci ha incuriosito.>>
    per fortuna arriva Ale a troncare questa discussione al quanto imbarazzante informandoci che la cena è pronta.
    Il resto della serata passa serenamente.. i ragazzi ci raccontano di come si sono conosciuti, di come hanno avuto l’idea di mettere su una band.. lasciando l’università e mettere in gioco tutto.
    Nei loro occhi riesco a cogliere tutta la passione che nutrono verso la musica, di come brillano quando parlano del loro futuro, dei concerti, dei dischi, e di come stanno facendo il possibile per far arrivare a chiunque la loro musica, dai mille provini inviati alle case discografiche a cui non ancora non hanno avuto risposta, ai lavoretti extra che si trovano per pagarsi lo studio e la sala prove.
    Essendo arrivata a Milano solo da poche ore ancora non ho avuto l’opportunità di sentirli suonare ma sono più che sicura che questi ragazzi spaccano e se troveranno l’ aggancio giusto potranno fare molta strada nel mondo della musica, lo si nota anche dall’amicizia che li unisce .. prima di essere una band sono degli ottimi amici e dei bravi ragazzi anche se a primo impatto sembrano una banda di pazzi.
    Finita la cena i ragazzi si spostano in salone dando inizio ad un torneo di Pes mentre Ale ed Io finiamo di mettere in ordine in cucina.
    I:<< Da quando hai una Playstation?>>
    Ale:<< è la loro.. hanno una da me e una a casa loro… è meglio che inizi a farci l’abitudine perché sarà cosi tutte le sere.>>
    I: << e ancora non li hai sbattuti fuori?>> risposi… del tutto sbalordita da quella situazione.
    Ka: << Lei ci ama troppo per sbatterci fuori . . . a differenza tua..>> era entrato in cucina per prendersi una birra.. e aveva ascoltato il nostro discorso.
    I:<< Fossi in te abbasserei un pochino la cresta.. >>
    Ka: << perché cosa vorresti fare?>> disse con tono alquanto altezzoso, e chiedendomi cosa ci trovasse Ale di bello in uno Scimmione senza cervello come questo.
    Io:<< Sai se voglio non ci metto niente ad umiliarti . . . Scimmione!>>
    Ka << Ehy nessuno mi da dello Scimmione Intesi?.... e poi come vorresti umiliarmi? Una come te non ci riuscirebbe mai>>.
    lo fulminai col sguardo.. non ero li nemmeni da un paio di ore e già un cretino mi si metteva contro .. peccato non si rendi conto della persona che ha di fronte.
    Io:<< Ok .. . se è una sfida l’accetto volentieri… una sola partita alla Play .. te contro me .. . chi perde paga pegno.>>
    Ka:<< Ci sto.. preparati a perdere >>
    con una stretta di mano Ka accetta la sfida . . . e il salotto si trasforma in un Ring... da un lato Ale che fa il tifo per me..e dall’altra i ragazzi che fanno il tifo per il loro amico.
    Per fortuna tutti gli anni passati a giocare alla play con i miei cugini e con il mio migliore amico d’infanzia portano i loro risultati …. Anche se Carmine è un avversario tosto.. quasi alla fine del primo tempo riesco a segnare un Goal e a portarmi in vantaggio. . . e vedo il volto di Ka passare da divertito ad incredulo.
    Pedro:<< Ajia amico… una ragazza che ti batte a PES.. questa si che è una novità>>
    Ka:<< c’è ancora il secondo tempo ... è poi è solo fortuna>>
    Io:<< aahahahahaha dai Carmine non accusare..è solo un gioco ahahahahaha >>
    Ka<< fortuna della principiante...>>
    Iniziammo il secondo tempo .. e dopo numerose palle goal e tiri in porta mancati.. vedo Carmine accusare ancora di più man mano che ci avviciniamo al 90° minuto, a fine partita il risultato è di 1 a 0 per me.
    Io:<< ahahahahahahshahhahaha uno Scimmione che perde contro una ragazza alla Play ahahahha. >>
    Ka:<< Smettila>>
    Io:<< per niente... te lo rinfaccerò a Vita ahahahahha >> e alle mie risate si aggiunsero anche quelle degli altri.
    Ka: << ok.. pagherò pegno... dimmi cosa devo fare... >>
    Io:<< ah no per quello devi aspettare perchè devo pensarci su ... >> e non ti renderò per niente la vita facile ... caro il mio Ka.
    Ultima modifica di {Iris*; 07-02-2013 alle 01:00

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •