Vai a Team World Shop
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 16
Like Tree13Likes

Discussione: Baciami ancora

  1. #1
    Supporter


    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    233
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Baciami ancora

    Baciami ancora
    Eccomi qui , un nuovo anno mi aspetta . Mi chiamo Alessia , ho 15 anni tra poco 16 e vado in terza superiore scientifico al Galilei e sono in un super ritardo , pantaloni stretti, maglia dei Beathles , converse bianche , zaino in spalla saluto i miei e corro più veloce che posso.
    ‘’ Ma dove eri finita?’’ questa è la voce della mia migliore amica Chiara , e come sempre mi ricorda che sono in ritardo, come se non lo fosse -.-‘’
    ‘’ Scusa mi dispiace , ma mi sembra che questa volta anche tu sia in ritardo’’ dico mentre iniziamo a camminare verso la scuola
    ‘’ Lo so , ma mio padre non mi faceva uscire se non mettevo a posto la camera’’
    ‘’ Va bene, comunque hai fatto Storia?’’ dico speranzosa
    ‘’ Certo per chi mi hai preso’’ dice ridendo e io con lei.
    Dovete sapere che noi siamo così prima ci mandiamo al quel paese per poi finire a ridere, siamo pazza quindi ATTENZIONE .
    Eccoci davanti a quella specie di scuola che secondo me è un carcere , entriamo in classe è subito viene la professoressa di Storia.
    ‘’ Bene , ragazzi spero abbiate studiato, interrogazione’’ disse seria
    ‘’ Bastarda’’ dico ad bassa voce, facendo ridere tutti.
    Per fortuna non mi ha interrogato , e passiamo le due ora ad annoiarci
    Triinnnnnn , ricreazione .
    Come al solito andiamo al nostro solito posto , la palestra .
    ‘’Comunque che culo che abbiamo avuto ‘’ disse chiara sospirando
    ‘’ Si davvero se mi interrogava la sputavo in un occhio’’ dissi ridendo con lei
    ‘’ Per la precisione ho fame andiamo a prendere qualcosa’’ disse chiara ancora ridendo , ci alziamo e ci avviamo.
    Siamo ancora in coda quando un’idiota mi viene addosso
    ‘’ Ma sei scemo, stai più attento’’ dissi arrabbiata , lui si girò e non mi chiese nemmeno scusa .
    ‘’ Ehi, non si chiede scusa?!’’ disse fulminandolo
    ‘’ Ah, certo scusate , bella fanciulla ‘’ disse prendendomi in giro
    ‘’ Senti occhi verdi vedi di andartene a prendere in giro qualcuno altro và’’ disse mandandolo direttamente a *******. Pensa te che Cafone , Tzè
    ‘’ Chiara hai fatto?’’ dissi impazziente , sentivo che ero osservata
    ‘’ Si andiamo, comunque chi era quello che hai mandato al quel paese?’’ disse dando un morso al panino
    ‘’ Niente un cafone maleducato del *****’’ dissi irritandomi al solo pensiero
    ‘’ Però non era niente male , l’amico ricciolino’’ disse sorridendo
    ‘’ Ahahahah sei incorreggibile davvero, andiamo in classe và’’ fece un alzatina di spalle e andammo a rinchiuderci in classe .
    E le altre ore come sempre : NOIA MORTALE.
    Trinnnnnnn si va a casa.
    ‘’ Ma porca pupazza , neanche il tempo di ritornare che subito ci fa la verifica quella di Matematica’’ disse sedendosi sul muretto della fermata sbuffando
    ‘’ Lo so, che ci vuoi fa….. Oh no ‘’ dissi vedendo chi avevo di fronte
    ‘’ Eh?’’ disse non capendo finchè non vide quello che aveva davanti , ma al contrario di me mi nascondevo , lei era paralizzata davanti al ricciolino, le diedi un pugno sul braccio
    ‘’ Ehi ma sei fuori , non vedi che ero impegnata’’ disse dolorante
    ‘’ Ma come puoi sbavare dietro a loro , ma dai’’ Mi alzai e mi sedetti vicino a lei.
    Sentivo che ero osservata ma non so da chi. Il cafone mi vide e mi sorrise , oh poverino pensa veramente che casco hai suoi piedi , neanche morta se lo scorda . Visto che non lo calcolavo , ci rimase male ,
    ‘’ Eh caro mio io non ci casco’’ pensai tra me e me
    Arrivò l’autobus e durante il tragitto Chiara non staccava gli occhi di dosso al ricciolino fino a quando non venne da lei
    ‘’ Ti devo dire una cosa ‘’ dissi sorridendo
    ‘’ Si dimmi ‘’ disse diventando rossa
    ‘’ Sei brutta non vali nemmeno per una scopata , non vali niente’’ , in quel momento non capivo più niente vedevo solo lei con gli occhi pieni di lacrime , il cafone che se la rideva , gli occhi degli altri addosso e lo sguardo del ricciolino sorridente di aver vinto una stupida scommessa
    ‘’ Eh no , ciccio bada a come parli, tu non pensi a ciò che dici? Non vedi che hai fatto sentire male una persona che non conosci nemmeno solo per una ******a scommessa? Ma qui se ce qualcuno che non vale niente sei tu e il tuo amico cafone che è ancora peggio di te, quindi se non vuoi che ti butto da finestrino vedi di andare a ******* insieme alla tua banda di amici e impara a ragionare prima di parlare’’ disse rossa dalla rabbia
    ‘’ Dai ale basta non ne vale pana’’ disse la voce di chiara , scossi la testa e mi sedetti al mio posto abbracciando la mia amica
    ‘’ Dai marco non darle retta , sono solo delle secchione’’ disse il cafone
    ‘’Hai ragione Ka’’ quindi aveva anche un nome quella scimmia.
    Appena il bus si fermò scendemmo e andammo a casa mia
    ‘’ Ale grazie mille , giuro che quando lo rivedo glie ne dico quattro , pensavo fosse simpatico ma mi sbagliavo’’
    ‘’ Non ti preoccupare, trattalo come lui tratta te’’ disse diabolica .
    Scoppiammo a ridere e andammo fare shopping come sempre.


    Ciao ragazze, questa Ficci è mia e di Chiara , faremo un capitolo a testa , spero che vi sia piaciuta e vorremo dei commenti vi prego , GRAZIE
    http://forum.teamworld.it/forum1743/...mi-ancora.html
    nadietta likes this.

  2. #2
    V.I.P


    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    1,261
    Inserzioni Blog
    4

    Predefinito Re: Baciami ancora

    Ed eccomi qua
    Ora è il mio turno

    *Chiara
    Mi sono appena svegliata. Mi preparo di corsa, perchè sono in ritardo e corro alla fermata del bus, dove Alessia mi aspetta impaziente.
    Al: Hei, sempre in ritardo tu, eh?
    Io: Non parliamone và, che ho sbagliato a mettere la sveglia...
    Alessia se la ride, le chiedo cosa ci trovi di tanto divertente nel vedere una che rimette la spazzola in borsa.
    Al: Niente, solo che sei sempre la solita, e quando sei di corsa fai morire dal ridere!
    Non potevo farci nulla, il vizio di arrivare in ritardo è un difetto di famiglia. Ridemmo insieme, e poco dopo arrivò il bus. Salimmo e c'erano due soli posti liberi, purtroppo non erano vicini. In uno c'era il tipo dagli occhi verdi che si era scontrato ieri con Alessia, dall'altra il ricciolino cafone che ieri mi ha fatta sentire una m°°°a.
    Io: Ale, io sto in piedi...
    Al: Sì, di stare accanto a uno di quei due proprio no, neanche morta.
    Disse, facendo la linguaccia ad entrambi, che non la videro. Alcuni ci videro e scoppiarono a ridere. Il ricciolino, che se ne stava con le gambe su un sedile e la schiena posata sullo zaino, e l'altro, che batteva il ritmo di quello che ascoltava con l'iPod con la mano sui jeans si guardarono attorno, non capendo.
    Io e Alessia ci calmammo e ci aggrappammo a dei sedili per stare in piedi. Poco dopo sentì una mano posarsi sulla mia spalla. Mi voltai e mi scontrai con due occhi color nocciola, un tonfo al cuore.
    Il ragazzo ricciolino mi guardava, con un leggero sorriso che lasciava scoperti i denti bianchissimi, da pubblicità del dentifricio.
    X: Se vuoi il posto accanto al mio è libero...
    Guardai Alessia, che mi diceva con lo sguardo di accettare. Anche perchè con l'autista scalmanato che ci avevamo quella mattina, era una missione impossibile mantenere l'equilibrio.
    Io: Ok, va bene. - Mi limitai a dire. Il ragazzo si sedette e posò la cartella sulle ginocchia. Mi sedetti accanto a lui, guardando nella direzione opposta in cui guardava lui. Anche se mi ha fatta sedere, non vuol dire che mi sia passata per ieri, anzi, il suo modo di fare mi da sui nervi, non mi ha nemmeno chiesto scusa.
    Alessia parla con il ragazzo biondo cenere, quello dagli occhi verdi con cui ha avuto un movimentato dialogo ieri.
    Li osservo.
    Y: Scusa, davvero per ieri, non volevo essere scortese.
    Al: No, figurati. Anche io non sono stata molto educata...
    Le brillano gli occhi. Non si è fatta ripetere due volte le scuse. Direi che gli sta simpatico.
    Ka: Piacere, comunque, io sono Carmine. Ma sarebbe meglio Ka.
    Al: Io invece mi chiamo Alessia. -Disse, sorridendo.
    Poco dopo arrivammo a scuola, il ricciolino si era addormentato e dormiva beato con la faccia spiaccicata sul finestrino.
    I suoi capelli erano davvero stupendi, e le labbra socchiuse. Gli mollai un pugno su una spalla, cercando di fargli male, come a vendicarmi di ciò che mi aveva detto ieri.
    X: Ma che c°°°o!
    Io: Svegliati, che devi scendere, rimbambito!
    Detto ciò mi voltai e scesi, mentre lui raccoglieva le sue cose e si affrettava a raggiungermi. Alessia mi aspettava a terra, ridendo.
    Al: Dammi il cinque Chià, gliele hai cantate a quel galletto!!!
    Lo vidi scendere, presi Alessia per un braccio e la trascinai a scuola, non volevo essere riconosciuta e non volevo che mi seguisse. Ci rifugiammo in classe, dove posammo le cartelle e riprendemmo a ridere, più forte di prima.

    Allora, spero davvero di non essermi dilungata troppo!!!
    Lascio la tastiera a voi, e ad Alessia, che posterà il prossimo capitolo
    http://forum.teamworld.it/forum1743/...mi-ancora.html
    Un bacione
    nadietta and @ale like this.

  3. #3
    Supporter


    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    233
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Baciami ancora

    Passammo le prime ora a ridere senza fermo , era troppo comica la cosa .
    Trinnnnnn ricreazione.
    Andiamo fuori dove ci aspetta una nostra cara amica Serena
    ‘’ Ciao belle fanciulle’’ disse baciandoci le guancie
    ‘’ Beh ale ti devo dire una cosa: sei la finezza fatta in persona proprio’’ disse ridendo abbracciandomi
    ‘’ Lo so , grazie troppo buoni’’ dissi vantandomi e subito ricevette una gomitata dalla chiara che sorrise innocente
    ‘’Sempre gentile tu vero?!’ dissi e come risposta ricevetti una linguaccia.
    Durante la ricreazione potei intuire che a Sere piaccia un amico del Cafone , è un po’ pallido con la cresta e credo suoni il basso, lei non gli toglie gli occhi di dosso.
    Feci un colpo di tosse volontario
    ‘’ Terra chiama Sere, ci seiiiii’’ disse urlando facendola spaventare
    ‘’ Ma sei fuori , stavo sognando’’ disse fantasticando
    ‘’ Se se va beh adesso andiamo ‘’ le baciammo le guancia e andammo in classe.
    Durante le lezione vidi fuori che c’era una classe che faceva educazione fisica , ed era la classe di Ka .
    Eccolo lo vedo, sta facendo il giro della scuola. Si abbassa per allacciarsi una scarpa e…. mamma mia che culooooo glie lo bacerei , sono talmente concentrata che non mi accorgo nemmeno che mi sono alzata sulla sedia e che la prof mi stia mettendo una nota.
    Suonata anche l’ultima campanella , eccoci fuori dal cancello a prendere il pulman con sere che non smette di palare del famoso ‘’ Ivan’’
    ‘’ E’ così dolceeeeeee , sembra un cucciolo’’ disse arrossendo
    ‘’Te lo dico io sei cotta cara mia’’ dissi baciandole la guancia lei mise il broncio e così salimmo sul pulman.
    Era pienissimo , ma potevo vedere che chiara si guardava sempre intorno
    ‘’ Ehi che cerchi’’ disse non capendo
    ‘’ Marco anche se mi ha tratta na ****a è bellissimo mi attrae , ma oggi è andato in motorino ‘’ disse delusa, l’abbracciai.
    Tutte e due pensavano hai loro ‘’uomini’’ , anch’io , non riuscivo a non pensare a quei occhi cos’ verdi e profondi , ma non potevo farmi fregare così da un ragazzo , prima devo conoscerlo. Pensando questo andammo a casa di Chiara a mangiare e a fare i compiti.
    Mentre stavamo a fare i compiti mi arrivò un messaggio ‘’ Stasera 23 mia beach festa con dj set , non mancate’’ , ‘’ A bello certo che non manchiamo’’ pensai.
    ‘’Ragazze stasera ci si fa belle e si va a ballare e a cuccare alla mia beach ’’ dissi tutta sorridente
    ‘’ Ma non lo so’’ disse sere , sapevo che i suoi non lascerebbero andare
    ‘’ Chià possiamo dormire da te no?’’ disse sorridendo
    ‘’ Ovvio serè non ti preoccupare tu verrai e basta ‘’ disse saltando e sorridendo
    ‘’ Allora è ufficiale , stasera si va, ma dobbiamo comprare dei vestiti’ e ecco che arriva chiara
    ‘’ Con la carta di credito di mio fratello , che bellooo’’ disse diabolica
    ‘’ Che diabolica di amica che abbiamo serè ahahahaha’’ e così finimmo i compiti e andammo in giro per negozi
    ‘’ No , no no no ….’’ Disse chiarà , mi dovevano trovare un vestito dato che volevo venire non i jeans , ma ‘’ Mai contraddire le sagge guro della moda Chiara e Serena’’ U.U
    ‘’ Ma ragazze basta vi prego’’ dissi implorandole
    ‘’Trovatooooo , ale vai a provartelo ‘’ dissero emozionata.
    Sbuffai e andai a provarlo .
    Era un tubino rosso fuoco con la schiena completamente nuda e scarpe con il tacco, invece quello della Chiara è come il mio ma lilla , e invece quello della Serena è come il mio ma blu elettrico.
    Soddisfatte andammo a prendere un frappè , e iniziammo a parlare del più e del meno , quando arrivò ‘’Alessandra, Federica e Caterina’’ e sapete chi sono? ‘’ Le regine supreme del Galilei’’ alias’’ Le ******* che la danno a tutti’’ , ecco chi sono .
    ‘’ Ma eccovi , ciao ragazze belle , verrete alla mia beach stasera?’’ disse Alessandra con finta-gentilezza
    ‘’Falsa’’ dissi sottovoce facendo scoppiare a ridere la serena e chiara
    ‘’ Come scusa?’’ disse federica anche lei *******
    ‘’ Niente dicevo che verremmo di sicuro ‘’ disse sorridendo
    ‘’ A h bene, sapete ci saranno anche i nostri ragazzi che faranno i dj set’’ disse caterina
    ‘’ Bene ma adesso dobbiamo proprio andare’’ disse chiara prendendomi prima che le facessi male ma proprio MALE
    ‘’ Ma vedi te questa che me ne fotte dei loro ragazzi, ma dico io . Tzè zoccola’’
    ‘’ Si infatti , poveri i loro ragazzi’’ disse serena disgustata solo all’idea
    ‘’ Ahahahah bella questa’’ disse chiara battendogli il cinque
    ‘’ Bene adesso andiamo a prepararci ragazziole mie.’’
    E a braccetto andiamo verso casa mia a prepararci.
    Le 21 si avvicinano senza che nemmeno che ne accorgessimo , ed eccoci davanti alla porta della discoteca , entriamo e subito la musica a tutto volume ci travolse .
    Andammo al bancone quando andai a sbattere contro qualcuno , che non tardò a chiedere scusa e a provarci
    ‘’ Scusa balla fanciulla , ti va di ballare’’ disse appoggiandomi un braccio sul fianco
    ‘’ Senti bello …’ mi girai e mi ritrovai davanti dei paglia d’occhi verdi

    Ciao ragazze bella , dato che sono a casa posto spero vi sia piaciuto , chiaraaaaa tocca a te , Ah e Sereeeeee hai visto ci sei anche teeeeee. Yeeeeeeeeeeee
    http://forum.teamworld.it/forum1743/...mi-ancora.html
    nadietta likes this.

  4. #4
    V.I.P


    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    1,261
    Inserzioni Blog
    4

    Predefinito Re: Baciami ancora

    Eccomi!!!!

    *Chiara
    Ero andata a prendere da bere, Serena era con me.
    Stavo prendendo i bicchieri con i mojito e Serena mi prese per un braccio.
    Se: Guarda Chiara! E' lui, è lui!!!- Mi disse euforica, indicando i DJ.
    Subito mi tornarono alla mente le parole delle tre oche che in pomeriggio ci erano venute a parlare. A meno che quella non fosse stata tutta una enorme balla, quello era il fidanzato di una delle tre.
    La presi per un braccio, mentre ci bevevamo i nostri mojito e ci avvicinammo al DJ. Non appena raggiungemmo la nostra postazione, il ragazzo, Ivan, chiamo un'altro ragazzo. Si chiamava Marco. Salì sulla postazione e si mise le cuffie, mentre Ivan scendeva e si buttava tra la folla. Serena era sparita, la vidi buttarsi tra la folla e dimenarsi per attirare l'attenzione di Ivan. Restai impalata a guardare Marco, quel cafone arrogante del quale, lo sentivo, mi ero già innamorata. Accanto a lui faceva il Dj un altro ragazzo, con i capelli biondi e leggermente lunghi, le sue labbra erano carnose. Danilo. Iniziai a ballare dopo avere finito il coctail e con la coda dell'occhio osservavo Marco. Poco dopo abbandonò la sua postazione, e anche lui si buttò tra la folla. Io mi dimenavo a ritmo, tra la folla, senza più rendermi conto di quello che facevo mentre venivo spinta dalla folla e dalla musica ad alto volume.
    Poco dopo sentì due mani posarsi dolcemente sui miei fianchi, mentre ballavo. Mi girai di scatto, spaventata. Ma quando incontrai i suoi occhi nocciola subito tutto passò. Senza bisogno di chiederlo, iniziammo a ballare. Finito il pezzo, mi resi conto che ero ancora infuriata con lui, e che di certo non gliela potevo dare vinta così.
    Lo lasciai in mezzo alla pista, imbambolato. Mi raggiunse poco dopo, dove seduta ad un tavolino mi riprendevo. Si sedette di fronte a me, senza chiedere ancora una volta. Lo guardai, era bellissimo.
    Prese parola.
    Pe: Allora, prima balli con me e poi mi lasci in pista come un'idiota???
    Io :E' quello che sei mio caro.
    Pe: Scusa?
    Io: Non valgo niente, nemmeno per una scopata,no?
    Pe: Scusami, era solo una scommessa tra amici...
    Io: Non mi importa cos'era! Sei un'idiota, almeno delle scuse me le dovevi, non mi sembra di pretendere molto!
    Detto questo mi alzai. lasciandolo ancora una volta come un'ebete.
    Intravidi Ivan e Serena ballare, decisamente vicini.
    Mi avviai all'usicta, chiedendomi dove si fosse cacciata Alessia.

    Ale, che fine hai fatto????
    Ti lascio il prossimo capitolo
    http://forum.teamworld.it/forum1743/...ml#post8291713
    Grazie alla Sere, che segue e commenta sempre e anche a tutti quelli che leggono
    nadietta and @ale like this.

  5. #5
    Supporter


    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    233
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Baciami ancora

    In un attimo non capisco più niente , in un attimo tutto si è fermato tutto , in un attimo mi ritrovo fuori a baciare quelle labbra così morbide , così succose e dolci alla stesso tempo.
    Sembra non finire mai, non abbiamo nemmeno bisogno di ossigeno, ma dopo un po’ l’aria reclama.
    Mi guarda dolce , mi accarezza il viso e strofina il suo naso con il mio
    ‘’ Sei bellissima’’ disse a bassa voce come se qualcuno ci possa sentire
    ‘’ Anche tu’’ dissi diventando rossa
    Mi ribaciò e ancora le stesse emozioni , le stessa farfalle nello stomaco, ma poi penso che stiamo sbagliando, ha una fidanzata , e io non posso farmi abbindolare da degli occhi verdi bellissimi .
    Mi stacco veloce , e senza dargli retta lo lascio lì come un ebete , ma già mi manca , come è possibile?
    Vado dentro e davanti a me una scena che non avrei mai immaginato , la Sere che balla come una dannata lanciando sguardi a Ivan e lui non è da meno.
    Mi giro e mi ritrovo davanti a Chiara
    ‘’ Ma dove eri finita?’’ disse confusa
    ‘’ Ero.. ero fuori’’ disse agitata
    ‘’ Ah , e con chi?’’ disse sorridendomi , facendo riferimento a Carmine che era dietro di me e non mi staccava gli occhi di dosso nemmeno un secondo
    ‘’ Con nessuno , con chi dovevo essere’’ disse balbettando
    ‘’ Bugia’’ disse ridendo
    ‘’ Se va beh, andiamo a prendere Sere che ho se no quella tra poco fa fuori la ragazza di Ivan da come la sta guardando male’’ Andammo da lei , la portammo via , quel posto stava diventando soffocante .
    Continuava a dimenarsi , diceva cose senza senso
    ‘’ No aspettante la devo uccidere, li devo uccidere , non è giusto questo , non è giusto, io lo amo , e anche tanto ma lui non mi calcola mai’’ disse piangendo e questo mi fece male anzi ci fece male, guardare la nostra migliore amica piangere così per un ragazzo fa male, anche se è ubriaca , i suoi occhi non mentono , sono tristi e vuoti .
    ‘’ Sere non fare cos’, ti prego ci fa male vederti così’’ dissi abbracciandola nei sedili posteriori mentre chiara ci portava a casa.
    Nel mentre si addormentò eravamo già arrivati, la facemmo scendere , arrivati in camera la feci stendere e si addormentò subito con gli occhi ancora velati di lacrime.
    Intanto io e Chiara eravamo in cucina parlare di cosa era successo
    ‘’Io non ci credo che eri da sola fuori’’ disse decisa
    ‘’ Invece sì , devi credermi’’
    ‘’ Allora perché mancava anche lui ‘’ disse sfidandomi con lo sguardo
    ‘’ Lui chi?’’ disse facendo la tonta
    ‘’ Non fare la stupida , Carmine’’ disse sorridendo
    Abbassai lo sguardo e subito mi abbracciò
    ‘’ Sono così felice, allora state già insieme?’’ disse sorridendo a 32 denti
    ‘’ Ehi, non corriamo , comunque mi sono staccata quando mi ha ribaciata’’ dissi triste
    ‘’perché?’’ disse confusa
    ‘’ Dai chià, lui è fidanzato, passerei per una ******* , che io non sono , ha la ragazza e poi non posso farmi prendere in giro’’ dissi decisa
    ‘’ Come vuoi , ma secondo me stai sbagliando’’
    ‘’ Comunque signorina , tu e Marco , racconta’’ disse cambiando discorso
    ‘’ E io e Marco niente, ci ha provato , ma non ci sono cascata, cos’è prima mi dice di tutto per offendermi e poi ci prova , oh cosa crede? Che dimentico, no caro mio , e lo ho lasciato come un ebete ‘’ disse sospirando
    ‘’ Secondo me hai fatto bene ma una seconda possibilità è concessa tutti , comunque vado a dormire , buonanotte chià’’ dissi baciandole la guancia.
    Non riuscivo a chiudere occhio, pensavo e ripensavo a lui, alle sue labbra , al suo profumo che mi manda sempre in tilt anche solo se si avvicina , al fatto che mi manca tanto, anche se in realtà non so niente di lui, ma voglio scoprirlo , amarlo , e baciarlo sempre.
    E con questo pensiero mi addormento.
    Il mattino seguente vengo svegliata dalla vibrazione del mio cellulare , un nuovo messaggio, lo apro
    ‘’ Non cosa ho fatto di male, ma non so cosa pensare , non so cosa pensi tu, ma ho una certezza e quella sei TU , ho voglio di scoprirti , di amarti e di baciarti, per stanne certe quel bacio di ieri sera non sarà l’unica, quando voglio qualcosa me lo prendo ‘’
    Rilessi più volte il messaggio e non potevo credere hai miei occhi, lui vuole me , ma devo sapere della sua ragazza , io non voglio mettermi in mezzo a nessuno , ma sento che tutto finirà per il meglio , sorridendo scesi in salotto a fare colazione con le mie fanciulle,
    Serena sta meglio , ci ha chiesto più volte scusa , ma non ci servono le sue scusa è una cosa naturale , ma la cosa che voglio di più è che sia felice con o senza Ivan e vale anche per Chiara io voglio il meglio per loro, le voglio vedere sorridenti , ci lavammo e raggiungemmo la scuola a piedi parlando di tutto .
    Appena arrivati, mi sentì ad disaggio , lo guardavo e lui guardava me , ma oggi era senza la sua cozza era da solo , si avvicinarono Marco e lui
    ‘’ Chiara posso parlarti?’’ disse serio senza nemmeno un briciolo di emozione
    ‘’ Certo’’ disse sbuffando e si allontanarono
    Carmine mi prese per un braccio , entrammo in un aula , mi prese in braccio mi posò sopra la cattedra si mise in mezzo alle mia gambe e mi baciò dolcemente , poi sempre con più passione.
    ‘’ Aspetta Carmine, non possiamo , non posso’’ dissi staccandolo
    ‘’ Perché?’’ disse affannato
    ‘’ Ma sei stupido o cosa sei fidanzato’’ dissi
    ‘’ Non lo sono più l’ho lasciata’’ disse sorridendo
    ‘’ Perché’’ dissi sorridendo
    ‘’ Perche voglio te e non lei’’ disse baciandomi ancora e ancora
    ‘’ Sei un villano mammut’’ dissi mordendogli labbro inferiore
    ‘’ E tu una perfetta puffa e sei mia’’ dopo un altro bacio andammo fuori facendo finta di niente , finchè non saremi sicuri , meglio non dire niente , ma già mi manca.
    Intanto Chiara e Marco


    Chiaraaaaaaaaaa, tocca a te , mi sa cosa succede , ahahahahah spero vi sia piaciuto , commentate , e un GRAZIE a serena che ci segue e commenta sempre e anche a voi che leggete sempre.
    Ciao

    http://forum.teamworld.it/forum1743/...-ancora-2.html

  6. #6
    V.I.P


    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    1,261
    Inserzioni Blog
    4

    Predefinito Re: Baciami ancora

    Eccomi qui
    Vediamo cosa riesco a scrivere

    *Chiara
    Ho lasciato soli Alessia e Carmine; la cosa, se devo essere sincera, mi preoccupa parecchio, perchè Alessia ormai è innamorata persa, e quando perde la testa per qualche ragazzo la perde in tutti i sensi.
    Io invece sto seguendo Marco, che cammina rapido davanti a me e ogni tanto si gira per vedere se sono scappata o se lo sto ancora seguendo.
    In effetti vorrei davvero scappare, sono due giorni che mi ha insultata davanti a tutti, due giorni che non mi chiede scusa, due giorni che non riesco a levarmelo dalla testa. Non posso nemmeno dirgli che è tardi e che devo rientrare a scuola, visto che oggi entriamo alle 9, dato che manca il prof di disegno.
    So già dove mi sta portando: in quel parchetto vicino a scuola, quello dove gli innamorati vanno per sbaciucchiarsi dopo scuola. Lui si accomoda su una panchina, e mi fa un certo effetto vedere il parchetto deserto, nemmeno un'anima viva.
    Mi guardo attorno e poso a terra il mio zaino. Marco mi guarda, e sorride. Non posso negare che con il suo sorriso, insieme ai suoi occhi, mi ipnotizza sempre.
    Pe: Mi spieghi perchè sono un'idiota?
    Io: Se è di questo che mi devi parlare, beh, allora me ne vado...
    Pe: Come? No, adesso mi spieghi per bene.- Dice, sorridendo e prendendomi per un braccio.
    Io: Ma come, devo pure spiegarti adesso? Ma dimmi, il cervello l'hai lasciato sul finestrino del bus? -Dico, iniziando a perdere la pazienza. Come se non si rendesse conto di quello che mi ha detto due giorni fa...
    Io: Sei un'idiota, punto. Prima mi sf°°°i davanti a tutti, poi ci provi spudoratamente, solo perchè sai di essere figo!- Mi pento immediatamente del 'perchè sai di essere figo!', ma quel che è detto è detto. Sorride, aveva già capito che lo trovo carino, e ora ne ha la conferma.- E per di più sei fidanzato! Ma dico, vergognati!
    Dico, incamminandomi rapidamente verso la scuola. Sto per girare, ma mi rendo conto che non gli ho detto un cosa.
    Io: E poi, gradirei delle scuse per quello che mi hai detto in bus!- Gli urlo dietro, mentre lui mi guarda ridendo.
    No, davvero, non lo sopporto, mi chiedo perchè sono qui a perdere tempo con lui, a parlare con un cafone strafott°°°e, quando invece potrei starmene in classe a giocare a 'Uno' con Alessia o ascoltare l'iPod a tutto volume. Sto solo perdendo tempo.
    Cammino spedita, ormai son quasi arrivata al Galilo Galilei quando mi raggiunge, correndo con la cartella in spalla. Mi passa davanti e si blocca davanti a me, sbarrandomi la strada. Lo guardo in cagnesco e scendo dal marciapiede e gli giro intorno per poi risalire sul marciapiede e riprendere il cammino. Mi blocca nuovamente la strada.
    Sbuffo e lo guardo.
    Io: Dunque, cos'hai da dir...
    Ma lui mi interrompe, lascia cadere a terra la cartella, e, prendendo il mio viso tra le sue mani calde, mi bacia. Si stacca, lasciando me come un'ebete stavolta, e sorride.
    Pe: Scusami per l'altro giorno. Ci vediamo a scuola.
    E parte verso la scuola. Resto inebetita per qualche secondo. Evidentemente il bacio era parte delle scuse. Prendo la rincorsa e lo raggiungo, senza lasciargli il tempo di parlare gli salto al collo e lo bacio rapidamente.
    Io: Scuse accettate. Ci si vede. - Dico sorridendo, riprendendo a correre verso la scuola. Scappo in classe, chiudendomi la porta alle spalle, dove trovo Alessia e Carmine intenti a baciarsi, proprio sulla cattedra.
    Facendo finta di non vederli, mi avvicino al mio banco e mollo la cartella per terra, facendo più rumore possibile. Si staccano immediatamente, come sospettavo nessuno dei due si era accorto della mia presenza.
    Io: Piccioncini, adesso tolgo il disturbo, non vi preoccupate.
    Ka: Beh, in effetti io devo andare.-Dice, mentre la campanella annuncia l'inizio delle lezioni. Lascia un bacio rapido ad Alessia e, rimettendosi in spalla lo zaino si avvia alla porta.
    Io: Salutami Marco. -Gli dico sorridendo.
    Ka: Sarà fatto. -Dice, sorridendo anche lui e salutando Alessia.
    Alessia mi si avvicina.
    Al: Per fortuna che abbiamo un'ora vuota, ho come l'impressione che tu abbia qualcosa da raccontarmi.- Dice, sedendosi accanto a me sul banco e facendomi l'occhiolino. Le racconto tutto e lei mi racconta tutto di lei e Ka.
    Io: Beh, vedi, almeno lui prima l'ha mollata, invece quell'idiota ci sta ancora insieme...
    Al: Dai, vedrai che già oggi la mollerà, non ti preoccupare. Guarda cosa ho rubato prima allo scimmione!
    Mi esibisce un plettro blu elettrico, con un foro in cima.
    Al: Adesso lo ricatto!- Dice, mentre scoppiamo a ridere. Prende la collana che ha al collo, quella che abbiamo uguale delle migliori amiche, e ci infila il plettro.
    Al: Sono curiosa di vedere la sua faccia quando lo vedrà!
    Le ore che ci separano dalla ricreazione passano in fretta, e come al solito ci avviamo al bar per prenderci da mangiare.
    Scendiamo le scale e chi ci ritroviamo davanti?
    Proprio Marco, mentre bacia molto passionalmente Caterina. Alessia molla un colpo di tosse e subito i due si staccano, incenerisco con lo sguardo Marco, mentre gli occhi mi si riempiono di lacrime e faccio impossibile per trattenerle.
    Caterina mi guarda, con un sorrisetto soddisfatto, sfoggiando per bene la sua sfacciataggine.
    Cat: Hey, bambine, lui è il mio ragazzo, Marco.
    Io: Sì, va bene, ce lo presenterai un'altra volta, adesso dobbiamo andare.
    Al: Dopo dobbiamo andare in laboratorio di biologia e dobbiamo muoverci perchè dobbiamo prepararci.
    Cat: Va bene, allora ciaoooo. -Dice, soffermandosi sulla lettera o del 'ciao' finale con quella sua voce acuta e nasale da vera oca.
    Lei lo prende a braccetto e salgono le scale, mentre io inizio a piangere.

    Alessia, che cosa succederà ora???
    Mah... Adesso tocca a te scrivere
    http://forum.teamworld.it/forum1743/...-ancora-2.html
    @ale likes this.

  7. #7
    Supporter


    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    233
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Baciami ancora

    La vedo piangere , anzi la vediamo piangere, per lui, colui che prima gli aveva detto di tutto, che poi l’ha baciata e adesso se ne va a zonzo con quella ******* di fidanzata, e lei? Lei gli aveva dato tutto, il cuore , il tempo , e soprattutto la sua attenzione,e lui ha spazzato via tutto solo con un misero bacio, che per molti non ha significato, ma che per una come Chiara sensibile, dolce e gentile anche con chi se lo merita, e fidatevi lui non la merita e questo lo deve capire. Devo parlare con lui.
    Sono vicina a lei, la vedo tirare su col naso e le stringo la mano e come risposta ricevo un sorriso, vuole far vedere che non gliene frega , ma non è cosi.
    Serena invece oggi ha un appuntamento con il famoso IVAN , eh già , adesso ci fa una testa tanto su come si deve vestire, tra poco gli rifilavo un tappo in bocca se non stava zitta ahahahahah.
    E passando a me e a Carmine beh, le cose vanno bene , è naturale stiamo insieme da oggi, io non lo so se saremo così , non lo so se dureremo per sempre ma so solo che è lui il mio presente.
    Trinnnnnnnn
    Andiamo verso i ragazzi, dato che sono la ragazza di Carmine, sto con lui tutto il giorno e con gli altri.
    I suoi amici sono simpaticissimo, il più simpatico è Danilo, dolce , solare ma allo stesso tempo parla troppo, poi ce Ivan che adesso sta parlando con Serena e non gli stacca gli occhi di dosso , poi Marco che mentre è abbracciato alla sua ragazza non stacca gli occhi di dosso a Chiara e lei abbassa lo sguardo .
    Sento il suo respiro sul collo, le sue labbra sulle mie che le modella sempre di più, la sua lingua che piano avanza fino ad incrociare la mia e insieme ballano una danza lenta, quando ci stacchiamo ci sorridiamo , mi accarezza la guancia e mi sorride , e io muoio sul serio.
    Ma adesso devo parlare con Marco
    ‘’ Senti marco , puoi venire con me un attimo?’’ dissi sorridendo
    ‘’ Certo’’ disse anche lui col sorriso
    ‘’Senti Marco, casa hai intenzione di fare con chiara? ‘’ disse seria
    Abbassò lo sguardo
    ‘’ Non lo so, ma so che se la vedo la voglio vedere di più, se parla la voglio sentire di più , ecco io non lo so , ma so che voglio lei’’ disse scuotendo la testa rassegnato
    ‘’Senti marco io non lo so, ma so che lei ti ha dato tutto e tu la ripaghi così , baciando la tua ragazza davanti a lei, dopo quello che è successo, dopo che l’hai baciata, ma sappi che se la ferisci ti spezzo in due capito, quindi sorridi e fai finta di niente ‘’ disse abbracciandolo
    ‘’ Beh di cha parlavate’’ disse sorridendo carmine abbracciandomi e baciandomi
    ‘’ Niente fatti i fatti tuoi tu,’’ dissi ridendo alla sua faccia di disapunto
    ‘’Ciao piccola’’ disse baciando con passione
    ‘’ Ciao ‘’ disse sorridendo e ricambiando il bacio
    E dopo 2 ore eccoci fuori , saluto le mie amiche , faccio un in bocca a lupo a Serena , do un bacio a Chiara che mi sussurra un GRAZIE e vado via con la macchina di Carmine.
    Siamo a casa sua sdraiati sul suo letto , a ridere come pazzi ad conoscerci piano piano.
    Faccio fatica a non guardarlo, è bello , bellissimo, un dio greco e ancora non riesco a capire come siamo finiti dall’odio all’ amore in così poco tempo , sarà colpo di fulmine? Mah chi lo sa , ma non mi importa adesso mi vivo lui più che posso.
    ‘’ Lo sai, sei la cosa più perfetta che io abbia mai avuto’’ disse abbracciandomi e baciandomi
    ‘’ Anche tu’’ dissi arrossendo
    ‘’ Vorrei stare così per sempre , io e te a basta senza distrazioni’’ disse sorridendo
    ‘’ Secondo te sarà per sempre?’’ dissi guardandolo negli occhi
    ‘’ Non ti dico che sarà per sempre, ma sei l’unica certezza che ho’’ disse guardandomi serio.
    Lo baciai prima piano e poi con più passione, mi accarezzò una coscia e in un attimo lui è sopra di me , in un attimo non capisco niente più ,
    Sento che mi accarezzo da sotto la maglietta , sento la sua eccitazione preme contro di me, lo sento che mi vuole
    ‘’ Ti voglio’’ disse con voce roca
    ‘’ Anch’io’’ dissi con voce bassa soave
    Ma mi vennero delle domande
    Lui mi vorrà ancora , o mi lascerà , ha fatto sul serio o mi ha preso in giro, e io sono pronta, non lo so, non so ho mille dubbi, cioè io mi concedo a lui, concedo tutta me stessa , gli dono la cosa più preziosa che ho : La mia prima volta .
    Sento che piano mi alza la maglietta ma lo blocco mi guarda strano
    ‘’ Mi dispiace ma non me la sento’’ dissi triste
    ‘’ Non ti preoccupare quando sarai pronta io sono qui’’ disse sorridendo
    ‘’ Grazie ‘’ dissi baciandoli il petto e poco dopo ci addormentammo uno stretto all’altro .


    Eccomiiiiiiiiiiiii, scusate per il ritardo , che ne dite? Secondo me fa schifo , adesso tocca a voi e a Chiara quindi vi lascio alle vostre tastiere .
    Che sarà succeso tra marco e Chiara? Adesso tocca a te sorèèèè
    Ciao
    http://forum.teamworld.it/forum1743/...-ancora-2.html

  8. #8
    V.I.P


    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    1,261
    Inserzioni Blog
    4

    Predefinito Re: Baciami ancora

    Eccomiiiii
    No, comunque Ale non sei in ritardo!
    E adesso vediamo cosa riesco a buttare giù!

    *Chiara
    Scesi dal pullman e mi avviai a casa, mangiai in fretta e mi misi a fare i miei compiti.
    Cavolo, che pazienza. Un'esercizio di matematica non voleva sapere di venire, ma poi dopo un pò è finalmente riuscito.
    Prendo l'iPod e sulle note dei Nickelback mi butto sul letto, guardando il soffitto. Canto a scquarciagola 'How You Remind me', quando il campanello suona con insistenza.
    Non ho proprio voglia di alzarmi, ho appena trovato una posizione comoda... Ma chi è dall'altra parte è cocciuto quanto me.
    Sbuffo e mi alzo, apro la porta e al cancello d'entrata c'è Marco, con in mano un girasole. Lo guardo e resto a bocca aperta, intanto cosa ci fa lui qui? Poi, come fa a sapere che i miei fiori preferiti sono i girasoli?
    Il destino vuole che lui sia qui, con un sorriso da dio dell'olimpo, appena velato da un filo di barba che gli cresce sul viso, e i capelli ricci scompigliati che cerca, invano, di sistemare.
    Io invece abbasso lo sguardo, ho una maglia dei Green Day, che mi sta larga e mi copre anche la vita, e i jeans chiari strappati sulle ginocchia. Cosa che più detesto, ho la coda e i capelli di fianco scompigliati, che ricadono giù.
    Vorrei richidermi dentro casa e sistemarmi un attimo, sistemare almeno i capelli.
    Ma la tentazione di saltargli al collo adesso è fortissima, e per quanto io mi vergogni in queste condizioni, gli apro il cancello.
    Tutto quello che sto facendo mi sembra uno sbaglio enorme, voglio dire: lui sta con Caterina, e io dovrei essere arrabbiatissima con lui... ma proprio non ce la faccio. E' più forte di me. Quei suoi occhi color nocciola, i suoi capelli al vento e la sua mano calda che li sposta, il suo sorriso... No, non riesco ad essere arrabbiata con lui.Proprio non ci riesco.
    Ed eccolo che mi sfodera uno dei suoi sorrisi più belli, una bomba a mano che mi colpisce in pieno petto. Il cuore si ferma, preso da una granata.
    Percorre tutto il vialetto e si avvicina a me. Non so che dire.
    Pe: Io volevo, ehm, chiederti scusa per oggi... Insomma... Non volevo... Caterina... - E abbassa lo sguardo. -Io non la amo più. Tu con quel tuo sorriso mi hai conquistata dal primo giorno... Non so spiegare quello che provo per te. Posso dirti solo che tu mi fai stare bene, che tu mi dai la carica e l'energia che mi serve, insomma sei speciale. -I suoi occhi brillano, il suo sorriso risplende. Non avrei saputo esprimermi meglio.
    Non riesco a stare ferma, lui mi porge il girasole e io gli salto al collo e raggiungo le sue labbra.
    Sono sempre soffici e calde, è solo da stamattina che non le sfioro, eppure mi sembra di non sfiorarle da tutta una vita. Stringo in una mano il girasole e metto le braccia attorno al suo collo, lui mi cinge i fianchi. Me ne infischio di Caterina e di tutti gli altri. Lui mi vuole, lo sento, e io lo voglio.
    Ci stacchiamo dla bacio e ci scambiamo uno sguardo intenso, carico di emozioni. Sorride.
    Io: Come facevi a sapere dei girasoli?
    Pe: Alessia ti conosce meglio di chiunque altro. Avrei voluto regalarti delle rose, per farti capire quanto bella sei, ma Alessia mi ha detto che tu ami i girasoli.
    Stavolta sono io a sorridere.
    Io: Grazie. -Dico, abbracciandolo. Mi bacia in fronte e mi stringe a sè.- E adesso che farai con Caterina?
    Pe: Non la amo più. Non ha un senso quello che sto vivendo con lei. Non sento più nulla per lei, non mi da più alcun brivido, nessuna sensazione, niente. La lascierò non appena troverò il momento adatto.
    Io: Come sarebbe a dire 'Non appena troverai il momento adatto'? Scusami eh, ma se tu non la ami più non ti serve il momento adatto!
    Scuote la testa, in segno di disapprovazione.
    Pe: Chiara, sono quasi 2 anni che stiamo insieme, non è facile come pensi.
    Io: No! E' solo che ti fa comodo stare con lei, è adulta lei, non è solo una ragazzina del secondo anno, no? Cosa può darti una ragazzina del secondo anno?
    Detto questo, col suo girasole in mano, gli sbatto la porta in faccia. Ogni nostro dialogo finisce sempre male. Non riusciamo a sistemare le cose con uno e subito ci facciamo altri problemi. Uffa.
    Butto il girasole sulla scrivania, anche se la tentazione di buttarlo nel cestino sarebbe forte. Mi ributto sul letto, con l'iPod a tutto volume.
    Intanto Serena e Ivan...

    Ok, ho fatto Ale
    Vabbè, non mi convince, ma sono stanca e l'ispirazione è già andata a dormire... -.-''
    Spero comunque vi piaccia
    Fateci sapere cosa ne pensate qua: http://forum.teamworld.it/forum1743/...-ancora-2.html

    Grazie mille a chi ci segue

    P.s: Ale, prova adire un'altra volta che i tuoi capitoli fanno schifo e ti mangio!!!! No, sul serio, era stupendo
    @ale likes this.

  9. #9
    Supporter


    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    233
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Baciami ancora

    *Serena
    Tra pochi minuti sarà qui, sono pronta , almeno fisicamente sì mentalmente no, ho indosso un vestito lilla , senza spalline ,che se giri su te stessa si alza, con i tacchi dello stesso colore.
    Dlin-Dlon
    Eccolo è lui, saluto i miei e apro la porta , e come se dietro di lui ci fosse una luce bianca che canta l’alleluja , torno nella realtà quando lui mi bacia una guancia
    ‘’ Sei stupenda’’ disse dolcemente , e prendendomi la mano mi aprì la portiera e mi fece salire, mise in moto e partì per una meta ancora sconosciuta.
    Lo guardo mentre guida , mazza se è bello, è tutto vestito di bianco , con tanto di capello, porca vacca è così sexy >.<
    Dopo un po’ mi accorgo che siamo arrivati in centro, andiamo in un ristorante molto carino per lo più e da lì sembra che il tempo si sia fermato, come se non ci fosse nessuno solo io e lui.
    Parliamo parliamo di tutto, su di noi è come ci conoscessimo già da tempo.
    Sto benissimo con lui, mi sento in paradiso , sto in pace col mondo in questo momento.
    Abbiamo finito, paga e andiamo mano nella mano a fare un giro.
    Siamo di fronte al duomo , entrammo e andammo fino su in cima .
    Era uno spettacolo , tutta Milano illuminata era un sogno, cioè il ragazzo che da sempre mi è piace è qui dietro di me che mi tiene stretta a se come che per paura potessi scappare , ma non ho nessuna intenzione, questo , lui è il mio rifugio .
    ‘’Ti piace?’’ disse sotto voce per paura di rompere quell’atmosfera , baciandomi il collo.
    ‘’ Sì è bellissimo’’ dissi girandomi verso di lui.
    Mi sorrise dolce, mi spostò una ciocca dei capelli dietro l’orecchio , mi si avvicinò e subito colmò quello spazio che ci divideva , era dolce e sensuale allo stesso tempo, piano la sua lingua avanzava verso la mia, la incontrò e iniziarono a ballare una danza lenta per tempo infinito.
    Si staccò e mi disse all’orecchio
    ‘’ Vuoi essere la mia fidanzata?’’ disse dolcemente
    ‘’ Si che lo voglio’’ disse tra poco in lacrime.
    E ci ribaciammo allo stesso modo di prima .
    Adesso avevo capito , era lui la mia CASA ero al sicuro con lui.
    *Io
    Beh che dire le cose vanno abbastanza bene ,tra me e lo Scimmione va tutto a gonfie vele, Ivan e Sere più innamorati che mai , e tra Chiara e Marco, invece tutto il contrario , lui aveva lasciato Caterina , ma comunque continuavano a litigare per qualunque cosa , giuro non li sopporto.
    I ragazzi adesso sono diventati famosi , si fanno chiamare i FINLEY vanno alla grande e oggi ci ritroviamo come tutti i giorni in saletta a parlare del più e del meno, ed è anche uno dei giorni che Chiara e Marco che se non litigano si sentono morire -.-‘’
    ‘’ Sei una ******a quel pezzo di pizza era mio’’ disse marco arrabbiato
    ‘’ Poverino ‘’ disse chiara ridendo falsa
    ‘’ Adesso bastaaaaaaaaa’’ dissi urlando più di loro , si girarono
    ‘’ Seduti’’ disse Carmine
    ‘’ Allora cosa succede’’ dissi esasperata
    ‘’ Succede che la tua amica non capisce niente , dico una cosa e la interpreta in un altro modo’’disse serio Marco guardando in faccia Chiara
    ‘’ Io , non capisco niente? Guarda te, sei solo un’ uomo senza palle ‘’ disse disgustata
    ‘’ Io adesso ti faccio vedere io se ce le ho’’ la preso per un braccio e uscirono.
    Scossi la testa , sentì delle braccia stringermi forte , e delle labbra baciarmi dolcemente
    ‘’ Ciao piccola’’ disse fissandomi dolcemente
    ‘’ Ciao’’ dissi anch’io sorridendo , mordendogli il labbro inferiore dolcemente.
    ‘’ Stasera ti va di andare al cinema?’’ disse dolcemente
    ‘’ Sì tantissimo’’ dissi baciandolo
    ‘’ Voglio passare tutto il tempo con te, sai tra poco andremo in tour’’ disse triste
    ‘’ Ehi guardami, spacca tutto , sappi che sono sempre con te, nel tuo cuore’’ dissi strofinando il mio naso con il suo.
    M sorrise e mano nella mano andammo a pranzare da qualche parte.
    Intanto Marco e Chiara….



    Che succederà? Mah chi lo sa, adesso tocca a te sorèèèè , e mi dispiace di aver scritto un capitolo schifosissimo , ah e Sere spero ti sia piaciuto
    Ciaooo
    http://forum.teamworld.it/forum1743/...mi-ancora.html

  10. #10
    V.I.P


    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    1,261
    Inserzioni Blog
    4

    Predefinito Re: Baciami ancora

    Ora è il mio turno

    Marco mi prese per un braccio e mi trascinò, per lo più a forza, fuori dallo studio.
    Ultimamente non andiamo d'accordo neanche un pò, siamo cone cane e gatto. Da quel giorno in cui lui è venuto a casa mia e abbiamo litigato non ci siamo più rivolti la parola. Ha lasciato Caterina, è vero, ma dubito che a lui importi davvero qualcosa di me. Io, che stupida, sono caduta tra le sue braccia come una pera, che stupida che sono stata. Il girasole però l'ho tenuto, anche se adesso inizia ad appassire. Non so che mi succede, ma anche se ci litigo di continuo la voglia di baciarlo e di saltargli al collo e sempre più forte di giorno in giorno; sembra quasi che i nostri litigi continui alimentino la mia attrazione verso di lui.
    Mi tine e stretta per un braccio e mi porta fuori, mi guarda, uno sguardo arrabbiato, ma allo stesso tempo dolce.
    Si avvicina pericolosamente a me, i nostri nasi a pochi centimetri di distanza. Mi allontano da lui, vorrei girarmi e darmela a gambe, ma il suo sorriso e il suo sguardo mi tengono ipnotizzata e mi fanno venire interi sciami di farfalle nello stomaco. Indietreggio, ma ben presto mi ritrovo spalle al muro. Lui mi tiene ferma, la mia shiena poggiata sul muro. Non mi lascia il tempo di aprire bocca che già le sue labbra si posano sulle mie, ancora più morbide di quanto non ricordassi, desiderate come non mai. La sua lingua cercava la mia, ballava una danza lenta e piena di passione con la mia. La sua mano raggiunse la mia guancia e avvicnava il mio viso al suo. Non mi sarei certo staccata da lui tanto facilmente; nessuno dei due sembrava volerlo fare.
    Ci baciammo ancora per un bel pò, e poi ci guardammo intensamente negli occhi.
    Pe: Dunque io sono un uomo senza palle... Ne sei proprio sicura?
    Stavolta lo spinsi io spalle al muro, e dolcemente gli morsi il labbro inferiore per poi baciarlo ancora e ancora, mentre lui mi stringeva ancora più forte a sè.
    Pe: Sei sicura di essere ancora arrabbiata con me?
    Io: No, non lo sono più. Però la pizza era mia, c'è poco da fare.
    Pe: Ah, sì? Non credo proprio!
    Esclamò, prendendomi in spalla mentre io mi dimenavo. Qunado mi rimise a terra riprese a baciarmi; il suo petto contro il mio e la sua mano che teneva stretto il mio viso contro il suo.
    Per troppo tempo, anche se solo per pochi giorni, le nostre labbra erano state lontane e si erano aspettate, ora dovevamo recuperare tutto il tempo perso. Mi prese le mani e mi baciò ancora. Mi guardo, per poi mordermi il labbro inferiore, dolcemente. Le sue labbra poi si distesero in un sorriso.
    Pe: Vuoi diventare la mia ragazza? Lo so che forse sei ancora arrabbiata con me per la storia di Caterina, ma poi ho capito che nulla era più importante di te, e che tu non meritavi di aspettare e io non ti dovevo perdere... Ti prego scusami.
    Lo baciai ancora.
    Io: Si. Si e si.
    Mi prese stretta a lui e mi bacio, sorridendo. Mi prese in braccio e mi bacio ancora.
    Mi riportò in studio, tenendomi stretta, quasi temesse che volessi scappare. Ma nulla mi avrebbe fatta scappare da lui.

    Aleeeee, forse mi son lasciata prendere la mano
    Ti lascio il prossimo capitolo, come sempre
    http://forum.teamworld.it/forum1743/...mi-ancora.html
    Grazie a chi ci segue
    Un bacio
    @ale likes this.

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •