Vai a Team World Shop
Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 31
Like Tree9Likes

Discussione: Lascia che sia il cuore a condurre i tuoi passi.

  1. #1
    Roadie


    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    830
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Lascia che sia il cuore a condurre i tuoi passi.

    Oddio, da quanto tempo non scrivo una fan fiction. Sicuramente più di due anni! Qualche settimana fa, stavo rileggendo tutte le mie fan ficiotn e mi sono messa a ridere dall'imbarazzo!!!! Ahahahah, che mongola!
    Comunque posto questa nuova ff, spero vi piaccia! Non so ancora quanto sarà lunga perchè non ho ancora finito di scriverla.

    Iniziamo..

    CAPITOLO 1

    “Brucia sul viso come gocce di limone..”


    Due centimetri. Solo due centimetri dividono le mie labbra dalle sue, il suo viso pian piano si sposta verso il mio collo. Sento il suo respiro caldo su di me, brividi. Esito un attimo ma ho deciso: questa volta lo bacio succeda quel che succeda!
    -Ragazzi siete qui? - Ecco comparire Pedro sulla porta della cucina
    -S..si arriviamo – Risponde Ka con un filo di voce
    Pedro ci fissa come imbambolato e poi se ne torna in salotto dagli altri, mente io e Ka rimaniamo immobili. Non ci spostiamo di mezzo centimetro, la voglia di andare oltre questa volta ha superato il limite anche se sappiamo entrambi che è la cosa sbagliata.
    “Dai Gio, cazz°! Bacialo e falla finita!” dice il diavoletto che c'è in me.
    “Gio, ricordati che è fidanzato” dice l'angioletto che c'è in me.
    -Forse è meglio che torniamo di là, si staranno chiedendo tutti che fine abbiamo fatto – dico io.
    Ka non dice una parola, mi prende per mano e ce ne torniamo dagli altri.

    E' il 4 dicembre e siamo tutti nella casa in montagna di Dani, precisamente siamo sul Monte Brè, vicino a Lugano in Svizzera. I ragazzi passano qui tutti gli anni le prime due settimane di dicembre, io lì conosco da poco tempo grazie (se così posso dire) alla mia migliore amica Chiara, che è fidanzata con Pedro da 8 mesi.
    E da 8 mesi io sto vivendo il più bel incubo di tutta la mia vita, si chiama Ka.

    C: Oh eccoli! Dov'eravate finiti birbantelli?
    K: Pedro puoi dire alla tua donna, se così la posso chiamare, di non rompere?! Grazie!
    P: Orsù Mimmuccio come siamo irritabili stasera! Non ti scaldare così!
    Ka fulmina Pedro con lo sguardo, odia essere chiamato Mimmo in quel modo, soprattutto odia essere chiamato Mimmo da Pedro. Ogni volta sembra una presa per il culo!
    K: Bene, cari ragazzuoli io vi do la buonanotte, sto crollando! Gio puoi venire un attimo di sopra? Dovrei farti ascoltare la canzone che ti dicevo.
    D: Si dai GIO, vai su che il signorino deve farti ASCOLTARE la canzone che ti diceva!
    G: -.- Arrivo!
    P: Ka mi raccomando non la suonare tu............la canzone!
    Chiara gli tira una pacca dritta dritta sulla nuca a Pedro che si zittisce subito.
    Mentre noi non ci siamo le chiacchiere in salotto continuano..
    D: Ma secondo voi come andrà a finire?
    P: E' da OTTO MESI che continuano così! Tra sguardi e sfioramenti, non potranno resistere ancora per molto..
    C: E Silvia?
    D: Tra Silvia e Ka le cose non funzionano da tempo, lei è sempre assente per via del lavoro e lui..be lui ha altro per la testa!
    C: Già.. Spero solo che non faccia soffrire la mia Gio, se no gli spezzo le gambe e non solo!
    P: Cosa intendi dire con quel “e non solo” amore? o.O
    C: Chi vuole intendere, intenda! ù.u

    Intanto di sopra:
    G: Perdonami, ma non capisco che canzone intendevi prima
    K: Avevo solo voglia di stare solo con te..
    Si siede sul letto accanto a me e mi fissa, non la smette di fissarmi e questa cosa non mi piace o forse mi piace troppo. Già, perchè ogni volta che mi guarda con quegli occhi di ghiaccio mi si blocca il cuore e poi riprende a battere più forte di prima come se da un momento all'altro il mio petto scoppiasse. Si avvicina alla mia guancia, io guardo fissa davanti a me. Immobile.
    Lui ha un respiro quasi affannoso, si sposta più sotto quasi sul collo. E lui sa quanto mi fa impazzire facendo così, lo sa! Ma perchè vuole provocarmi? Sa anche che io e Silvia in questi mesi siamo diventate amiche, non può farmi del male così!
    -Smettila, per piacere.. - Io quasi lo imploro di staccarsi da me, ma lui sembra provare piacere a provocarmi, vedo con la coda dell'occhio che sul suo volto spunta un piccolo sorriso, un piccolo sorriso bastard°!
    K: Non potrai resistere ancora per tanto piccola



    Quanto potrà resistere ancora la Gio??
    Commenti qui!

  2. #2
    Roadie


    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    830
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: Lascia che sia il cuore a condurre i tuoi passi.

    CAPITOLO 2

    “Ma se ti piace nascere al tramonto puoi dormire insieme a me”


    -Smettila, per piacere.. - Io quasi lo imploro di staccarsi da me, ma lui sembra provare piacere a provocarmi, vedo con la coda dell'occhio che sul suo volto spunta un piccolo sorriso, un piccolo sorriso bastard°!
    K: Non potrai resistere ancora per tanto piccola
    G: Non sai quanto ti odio!
    K: Dormiamo insieme stanotte!
    G: Sai che non possiamo
    K: Non ti chiedo altro, solo dormire qui con me
    Si sdraia e mi prende la mano.
    K: Allora?!
    Rifletto qualche secondo.. Ma si che c'è di male a dormire con un amico?! Mi distendo accanto a lui e mi abbraccia tra le sue forti braccia. Mi fa sentire protetta, al sicuro.. Ci addormentiamo io contro il suo petto e lui che mi tiene stretta come se avesse paura di perdermi..

    P: Finalmente soli!
    Pedro abbraccia Chiara e fa scivolare la sua mano sul suo fondo schiena baciandola con foga.
    “toc toc”
    P: Ssh, non aprire!
    “toc toc”
    C: Magari è qualcosa di importante, dai vediamo che vogliono e poi torniamo a noi!
    Chiara va ad aprire contro la volontà di Pedro
    C: ?? Dani? E' successo qualcosa?
    P: Qualcosa di grave? No perchè noi stavano andando a DORMIRE! - Si intromette Pedro.
    D: Nono, niente di grave. Solo che...ehm la Gio è su nel letto che dorme con Ka e io dormo in stanza con Ka e sinceramente non so se è il caso di dormire lì con loro. Insomma non so se capite!
    C: Ah sisi, certo! Ovvio che non puoi dormire con loro!
    P: Si ma se non dorme con loro, dove dorme?
    D: Be ci sarebbe il letto della Gio, nell'altra stanza!
    C: No, sai che si incaz*a quando qualcuno le tocca il letto!
    D: Ragazzi sia chiaro, io sul divano a spaccarmi la schiena non ci dormo!
    P: Dani ti prego non mi chiedere questo! Ti prego!
    C: Mi sembra ovvio che stanotte Dani dormirai qui con noi
    P: Lo sapevo, mannaggia a te mannaggia!
    C: Dai su Pedro non può dormire su quel divano, è un sasso!
    D: Eh, su Pedro! Non vorrai farmi fare male alla mia schiena! Dove mi metto?
    Dani si butta al centro del letto senza aspettare risposta, Chiara si mette alla sua destra e Pedro incavolato nero, alla sua sinistra.

    Mi sveglio.. Sono ancora vestita dalla sera precedente, mi volto e vedo Ka che dorme beato con un leggero sorriso stampato sulle labbra. Dalla finestra entra il primo sole del mattino che ci illumina; facendo attenzione a non svegliarlo, vado in bagno mi butto sotto la doccia bollente e scaccio via ogni pensiero, anche se un pensiero non se ne va, il mio chiodo fisso rimane lì fermo immobile.. Lui!

    Nel frattempo Ka si sveglia..
    Mi giro. Dovè? La cerco disperato con il braccio ma non la trovo, sento il rumore dell'acqua scorrere provenire dal bagno. Mi affaccio alla porta e lei non si accorge della mia presenza, i vetri sono appannati e questo non mi permette di vederla bene ma mi basta così. È perfetta, è bella mentre si insapona, è bella mentre non sa di essere osservata..
    Ma che cazz° mi sta succedendo? Non mi riconosco più. Che tipo di sentimento è questo? Neanche con Silvia l'ho mai provato..


    P: Buon giorno! Dormito bene?
    K: Come scusa??
    P: No dicevo, DORMITO BENE?
    K: Ti aspetti anche una risposta?
    C: Scusalo, lascialo perdere!
    K: Non ho ancora capito come cazz° fai a sopportarlo!
    C: Credimi, me lo chiedo ogni santo giorno della mia santa vita!
    D: Oh Ka, la tua bella?
    K: Anche tu?? E basta!
    Esce infuriato dalla cucina e si dirige verso la camera.
    BUUUM!
    G: ahia, ahia!
    K: oddio scusami!
    G: tranquillo, non fa niente. Botta più, botta meno! Tu stai bene?
    K: si, non ti preoccupare per me!
    Mi rialzo dal pavimento freddo e mi stringo più forte il nodo dell'accappatoio appena sopra il seno per essere sicura che non si veda niente.
    K: Senti, penso che gli altri oggi non hanno niente in programma. Ti va una passeggiata in mezzo alla neve? Oggi c'è il sole e c'è una vista del lago spettacolare.. Solo se ti va eh!
    G: ah.. Si dai, tanto non ho altri programmi!
    K: perfetto! Allora preparo i panini e partiamo!
    G: si, vado a vestirmi! ^^

    Lascia che sia il cuore a condurre i tuoi passi, commenti!

  3. #3
    Roadie


    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    830
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: Lascia che sia il cuore a condurre i tuoi passi.

    CAPITOLO 3

    “Che sensazione di leggera follia, sta colorando l'anima mia”


    Il sole oggi è cado anche se c'è 1°.
    Il freddino di montagna non mi piace molto. Mi rende la pelle del viso troppo secca.
    Siamo seduti in mezzo alla neve e lui è perfetto! Intravedo i suoi occhi sotto gli occhiali da sole, brillano in un modo esagerato.
    Ops si è accorto che lo sto fissando, forse da troppo tempo e mi sorride. Ricambio.
    Gli vibra il cellulare, lo guardo un attimo e lo ributta nello zaino senza neanche leggere il messaggio. Potrei anche avere intuito di chi si tratta..
    G: E' Silvia?
    Non mi risponde..
    G: Guarda che se vuoi puoi risponderle non mi da fastidio, davvero..
    K: Ho per caso chiesto il tuo parere? - Mi dice con un tono quasi arrabbiato.
    Iniziamo bene! La situazione è abbastanza imbarazzante e sono esattamente 35 minuti che siamo lì, immobili, in silenzio a guardare il lago davanti a noi. Non una parola, non uno sguardo scambiato. Solo il silenzio della montagna e la bellezza del lago ricoperto dal sole.
    G: forse dovremmo tornare a casa dagli altri
    K: no scusami! Sono io che mi sto comportando come uno stupido.. scusami se ti ho risposto male, non ci faccio caso certe volte
    G:ascoltami, facciamo che azzeriamo tutto e ricominciamo? Abbiamo davanti a noi una splendida giornata da passare insieme. Non capisco perchè dobbiamo per forza essere in imbarazzo!
    K: hai perfettamente ragione! Quindi iniziamo a divertirci..
    G: bene! Cosa vuoi fare? - Neanche il tempo di finire di parlare che mi arriva una palla di neve in faccia!
    G: eh no, Ruggero! Questa non te la perdono! Inizia così una lotta a palle di neve. A un certo punto, non so come ci ritroviamo a terra una sopra l'altro. Forse dovrei fare qualcosa, spostarmi, ma non ce la faccio.. Sono paralizzata sopra di lui e sicuramente è colpa del freddo che mi sta congelando.. Però devo ammettere che la cosa non mi dispiace affatto.
    Lui mette le sue mani sui miei fianchi. No ti prego, non così.. Mi avvicino sempre più al suo viso candido come neve. Ok così non va proprio! Con la mano sinistra prendo un po' di neve e glie la spalmo bene sulla sua bellissima faccia! Di colpo mi spinge per terra..
    K: Brutta ******a che non sei altro!!
    G: Tanto fiera di me stessa! Mangiamo? Ho una fame!
    K: Sisi, ma ricorda che te la farò pagare!
    G: Pauraaa! Sto tremando!
    “Ridere e scherzare fino a stare male” abbiamo deciso che questo sarà il nostro motto!
    Dopo pranzo ci sdraiamo io a pancia su e lui girato verso di me su un fianco, ovviamente col suo sguardo su di me. Brividi.
    G: Mi fai impazzire quando mi guardi così lo sai?
    K: lo so!
    G: Perchè lo stai facendo?
    K: Perchè mi piace guardarti, a volte fai delle espressione buffe.
    G: No intendevo dire, perchè stai passando tutto questo tempo con me
    K: Ah..
    Ok l'ho messo a disagio. Mi alzo e mi dirigo verso la macchina a prendere il cellulare che era rimasto nella borsa in baule.
    G: *****! Non c'è più. Deve essere scivolato da qualche parte qui in giro.
    Lo cerco disperata per tutto il baule, quando sento lui dietro di me che mi prende per i fianchi.
    K: Non sai quanto mi piace questa posizione.
    Ecco, perfetto! Dovrei cacciarlo via e come al solito non faccio niente per impedire che lui si avvicini di più a me. Mi giro e mi ritrovo il suo naso contro il mio. Dio quanto è bello! Piego la testa di lato, pronta a ricevere un suo bacio.
    G: Ti sto odiando, lo sai?
    K: Te l'avevo detto che te l'avrei fatta pagare – mi sorride e si avvicina ancora di più, fino a sfiorare le mie labbra.
    Nel frattempo udiamo il rumore di una macchina avvicinarsi..


    Chi ci sarà nella macchina che sta arrivando?? Lo scoprirete nella prossima puntata! Ok, no così non va. Mi sto calando troppo nella parte "fiction" -.-
    Comunque tutti i commenti, qui!

  4. #4
    Roadie


    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    830
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: Lascia che sia il cuore a condurre i tuoi passi.

    CAPITOLO 4

    “Non è tempo per noi che non ci svegliamo mai, abbiam sogni però troppo grandi e belli sai..”


    Nel frattempo udiamo il rumore di una macchina avvicinarsi..
    Ci stacchiamo subito. Una Ypsilon lilla. È Silvia!
    S: Ciao ragazzi! Gli altri mi hanno detto che vi avrei trovato qui.
    G: Ciao Silvia – le vado incontro abbracciandola. Che falsità! Odio tutto questo e odio mentire alle amiche.
    G: Come stai? È da una vita che non ci vediamo
    S: Sono stata un po' occupata con il lavoro, purtroppo riesco a fermarmi solo stanotte. Domani devo ripartire. Ma dov'è il mio cucciolo??
    G: E' qui! - mi giro e Ka è sparito!
    K: Eccomi! Ero andato dietro a un albero a fare pipi! Ciao tesoro..
    La bacia. Un semplice bacio a stampo. Svengo. Sento le gambe molli. Dio ma non posso sentirmi così ogni volta che lì vedo insieme. Ka si accorge di me e della mia espressione come dice lui “buffa” e si rattrista anche lui.
    S: Grazie Gio che passi del tempo con Ka, almeno non resta solo!
    G: Figurati, mi fa piacere! - e che piacere!!
    K: Be, io direi che ce ne torniamo dagli altri no? Inizia a fare buio.
    Meglio. E poi per me la situazione sta diventando troppo imbarazzante.
    K: Allora Silvia ci vediamo a casa.
    G: No Ka, vai pure con lei. La riporto io la tua macchina.
    S: Si dai amore, vieni con me. Mi sei mancato un sacco, così parliamo un po'..
    K: Ok..
    Salgo in macchina, accendo la radio a canna e parto assorta nei miei mille pensieri e nelle mie paranoie. Ci metto un'eternità ad arrivare a casa, diciamo che guidare con la neve non è proprio il mio forte. Infatti quando arrivo a casa Silvia e Ka sono già lì.
    K: Oh, ti stavo dando per dispersa
    G: Che carino, ti preoccupi per me! **
    K: No più che altro mi preoccupo per la mia macchina, ti ricordo che ha solo un anno di vita!
    G: Grazie -.-
    C: Gio vieni un attimo di là per piacere!
    G: Si che c'è? E' successo qualcosa?! Hai una faccia strana. Oddio Kiki, stai male??
    C: No, io sto bene! Tu starai male tra poco! Che succede tra te e Ka?
    G: Niente, che vuoi che succeda..
    C: Ma piantala! Prima dormite insieme, poi ve ne andate soli in montagna per una “gita” - fa il segno delle virgolette con le mani.
    G: E allora?? Siamo amici e stiamo solo passando del tempo insieme, come faccio anche con te.
    C: Se certo!
    Entra Silvia..
    S: Di che parlate ragazze? Spettegolate su qualcuno??
    C: Non so, prova a chiedere alla Gio
    S. Gio, novità? Un nuovo amore???
    C: Punto centrato -.-
    S: Ma..e non mi racconti niente?!
    G: Ma non c'è molto da dire.
    K: Di che si parla ragazze?
    S: La Gio si è innamorata :P
    K: Ah si??! - mi guarda incuriosito e si mette a ridere.
    S: Perchè ridi? Non dirmi che sai qualcosa!
    G: Heeeeei, che dire ordiniamo una pizza?
    K: Si è meglio, chiamo io! Tre margherite al metro vi vanno bene?
    C: Tre?? o.O
    G: Ma siamo solamente in sei!
    K: Io non voglio rischiare di restare a stomaco vuoto.
    G: E tre pizze siano! -.-
    P: Ah si, pizzaaa! Evvai!
    D: Già che ci sei facci portare anche una ventina di birre se è possibile. Siamo rimasti senza!
    G: E quelle sono importanti!
    K: Alcolizzata!
    G: Meglio che cicciona?
    K: Aspetta.. Cosa vuoi dire con questo?? Si, ho messo su qualche kg nelle ultime settimane ma mi donano no?
    G: Credici! - e me ne vado in salotto e Ka dietro di me mi segue
    K: Sbaglio o i miei kg di troppo ti piacciono?
    G: Sbagli!
    K: Ah si? Ti devo ricordare che mi stavi per baciare esattamente due ore fa??
    G: Ti starai sbagliando con qualcun'altra, magari con la tua ragazza!
    K: Ah già, la mia ragazza! Che se non sbaglio è anche tu amica giusto?
    G: ******°!
    P: Ma che avete voi due sempre a bisticciare?
    K e G: NIENTE!
    P: Ok, ok non vi scaldate!
    Arrivano le pizze, ci sediamo chi per terra e chi sul divano in salotto e beviamo, beviamo, beviamo.
    Ricordo ancora la prima volta che ho bevuto tanta birra, avevo 14 anni e non reggevo per niente l'alcool. Volevo fare colpo sul ragazzo più figo che avessi mai incontrato, mi sono messa a camminare davanti a lui e anche lui mi guardava..stavo flirtando con un ragazzo! Però non avevo visto una pozzanghera davanti a me e ci sono caduta dentro, fine della mia storia d'amore con Paul..
    S: Ragazzi io sono stravolta, vado a letto. Vieni amore?
    K: Si, ti raggiungo subito!
    Se ne vanno tutti a letto, ma io proprio non riesco a dormire. La mia stanza è accanto a quella di Ka e Dani, che mi ha chiesto se per stanotte può dormire nella mia e penso di aver intuito il motivo..
    Mi sdraio, ma non faccio altro che girarmi e rigirarmi nel letto fino alle 4 pensando che nella camera accanto c'è Ka con la sua ragazza e di certo non staranno dormendo.
    Ka con la sua ragazza. Mi fa strano pensarlo con Silvia.
    Ok, basta pensare. Prendo il mio i-pod e lo accendo col volume al massimo e prendo sonno mentre mi ascolto The Pretender dei Foo Fighters.

    Commenti!

  5. #5
    Roadie


    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    830
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: Lascia che sia il cuore a condurre i tuoi passi.

    CAPITOLO 5

    “Ogni tuo pensiero ogni singolo movimento, ogni tuo silenzio, ogni giorno di più io ti trovo in tutto quel che fai in tutto quel che sei, la ragazza che da sempre è stata nei sogni miei”


    D: Sveglia, sveglia, svegliaa! Sono le ore 18:37 e la temperatura fuori è di esattamente 0° sono previste forti nevicate da queste parti!
    G: Ma..Dani. Come fanno a essere già le 18 se mi sono addormentata poco fa?
    D: Eheh, invece no mia cara, hai dormito tutto il giorno oggi. Pensavamo fossi morta! o.O
    G: Uhm, adesso mi alzo. Ancora due minuti – Non finisco di dire la parola “minuti” che sento una forte raffica di vento! Oddio. Io ho una fifa del vento!
    Mi alzo di fretta e corro giù dagli altri, metti che una forte raffica di vento butti giù la baita è meglio essere in compagnia piuttosto che soli!
    C: Oh, la bella addormentata!
    K e P: Buongiornooo!
    Corro tra le braccia della mia socia e mi adagio sulla sua spalla destra mentre lei si guarda l'Era Glaciale con Pedro.
    G: Silvia? - le sussurro in un'orecchia
    C: E' partita stamattina, via libera cara la mia best!
    G: Ma che dici, era solo per sapere..
    C: Comunque, donnina della mia vita qualsiasi cosa provi per Ka io sono dalla tua parte!
    G: Grazie tesorino
    K: Che si mangia per cena?? :P
    C: Ma solo a mangiare pensi?
    K: E allora il tuo Pedro??!
    C: Lui deve crescere!!
    P: Brava amore mio! Difendimi da quella brutta persona! ù.u
    G: Va be, parlando di cosa serie io ho voglia di pizza, pizza, pizzaaa!
    D: Purtroppo con le strade in queste condizioni non troveremo nessuna pizzeria che consegna a domicilio in questa zona
    K: No problem! Se la pizza non va da Ka, Ka va dalla pizza!
    C: Si, è arrivato l'uomo delle nevi! -.-
    P: Ma Ka, posso farti una domanda?
    K: Basta che non sia una caz*ata!
    P: Ma il detto non era, se Maometto non va alla montagna, la montagna va da Maometto??? Ma allora cosa centra la pizza con Ka?! o.O
    K: Chiara, una domanda! Ma quest'uomo di che sostanza si fa? Il metadone fa questi miracoli??
    G: Senti chi ha parlato, l'uomo dei ghiacci! Ho capito, lasciamo perdere! Vada per una pasta all'olio visto che è l'unica cosa che possediamo!
    P: nono, ci sono anche i creaker e dello yougurt in cucina!
    G: bene quindi, 4 paste in bianco e una pasta allo yougurt con contorno di creakers!
    K: Chiara ti prego, se non lo pesti tu lo faccio io.
    G: Su Mimmo, vieni ad aiutarmi in cucina!
    K: Arrivooo!
    P: Com'è che se lei ti chiama Mimmo ubbidisci e se lo faccio io ti incaz*i?!
    Ka non lo ascolta neanche e mi segue in cucina.

    Dio quanto è bella così. Indossa una semplice tuta stretta, ma che gli fa un cul° da paura. Capelli raccolti con una matita con qualche ciocca che gli cade sul viso insieme alla sua frangia liscia. Potrei descrivere ogni singola parte del suo viso. Ormai lo conosco a memoria.
    Che bella che è quando si alza in punta per cercare qualcosa nella dispensa in alto, le si alza leggermente la maglietta e si scoprono quei suoi graziosi fianchi. Se potessi, la prenderei in braccio e la poggerei sul mobile della cucina delicatamente per paura di fargli male e inizierei a baciarla e baciarla e ancora baciarla, e poi..


    G: Ka, hai intenzione di aiutarmi o sai solo guardare?
    K: Si scusami, stavo pensando. Arrivo.
    Mi aiuta a fare la pasta mangiamo e dopo cena tutti si fanno i cavoli loro.
    Pedro e Chiara sono spariti in camera da letto.
    Dani si è addormentato sul divano mentre guardava un film.
    Ka penso sia nella sua camera.
    E io sono qui, nella mia camera al buio guardando il nulla sul soffitto a pensare. O meglio, a fantasticare. Fantasticare su quello che sarà il mio principe azzurro. Nonostante sia cresciuta voglio continuare a credere che un giorno incontrerò la persona giusta che mi farà toccare il cielo con un dito e mi salverà da questo mondo di mer*a e mi amerà come si deve. Non so se si è capito ma sono innamorata dell'amore..
    Un colpo di vento improvviso fa sbattere la finestra fuori della mia camera. Terrore per un secondo.

    Cellulare che vibra.
    «Dormi già piccola?» (Ka)
    «No, c'è il vento forte! »
    «Vuoi che venga lì con te?»
    «Si ti voglio qui con me»

    Commenti.

  6. #6
    Roadie


    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    830
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: Lascia che sia il cuore a condurre i tuoi passi.

    CAPITOLO 6

    Poco dopo sento Ka che bussa alla mia porta.
    K: Hei, posso?
    G: Si vieni.. Scusa se ti ho fatto venire qui, solo che proprio i venti fori non lì sopporto.
    K: Tranquilla, non vedevo l'ora di stare un po' solo con te
    So che mi potrei pentire di quello che sto per dire, ma..
    G: Anche io
    K: Come scusa?
    G: Anche io non vedevo l'ora di stare sola con te
    Si sdraia accanto a me. Il letto è singolo quindi effettivamente stiamo un po' stretti, ma meglio così. Mi piace sentire il calore del suo corpo così vicino. Mi giro su un fianco e lui mi abbraccia da dietro, penso di non essermi mai sentita così sollevata e al sicuro mentre fuori c'è una tempesta di neve!
    K: Ti senti meglio?
    G: Molto meglio, grazie a te..
    Mi stringe ancora più forte a sé. Nella mia testa mille pensieri, mille cose che vorrei dire man on riesco a comporre frasi di senso compiuto. Parole, solo parole.
    Amore. Voglia. Imbarazzo. Emozione. Timidezza. Abbracci. Baci. Sguardo.
    Dai Gio, cazz°! Metti insieme una cavolo di frase!
    G: Ka.. - mi volto un po' col viso verso di lui e vedo i suoi occhi chiusi.
    Si è già addormentato, ascolto il suo respiro. Io invece non riesco proprio a prendere sonno.
    Pian piano si stacca da me continuando a dormire profondamente. Io continuo a girarmi e rigirarmi sudando freddo, mi volto a guarda la sveglia, 4:58, ancora un po' troppo presto per alzarsi direi!
    Mi alzo e vado a farmi una camomilla.
    D: Anche tu qui? - Alzo lo sguardo e vedo Dani seduto al tavolo.
    G: Non riuscivo a dormire.. - Il suo sguardo è perplesso.
    D: Ma Ka è su con te?
    G: Ehm si.. Ma è venuto da me perchè non riuscivo a dormire per via del vento..
    D: Ceeerto! E io sono Zorro! -.- Ka è pazzo di te, ce ne siamo resi conto tutti. Solo Silvia non capisce, o meglio finge di non capire.
    G: Dani tra me e Ka non c'è assolutamente niente, siamo solo amici. Punto.
    D: Certo non ne dubito! Ti dico solo di stare attenta, finirai per soffrirci se andate avanti così.
    Non dico niente, ma dentro di me sto già soffrendo.
    Dani se ne va in camera e io appena finisco di bere la mia camomilla me ne torno nella mia.
    K: Dov'eri?
    G: Un attimo in bagno, continua a dormire
    K: Mi sento più tranquillo ora che se qui al mio fianco.
    Mi addormento abbracciata a lui.

    Capitolo un po' corto, ma mi rifarò con quello di domani! O meglio ancora con quello di dopo domani. Eheheh! Baci donne!
    Lascia che sia il cuore a condurre i tuoi passi.

  7. #7
    Roadie


    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    830
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: Lascia che sia il cuore a condurre i tuoi passi.

    Visto che oggi non riuscirò a postare, posto stamattina. Però daiiii, che voglio commenti! Anche se effettivamente non era un capitolo soddisfacente!!

    CAPITOLO 7

    “Più ci penso e più mi viene voglia di lei”

    Le due settimane passano in fretta ed è arrivato il giorno del rientro a casa.
    Ci distribuiamo tutti in due macchina. Io con Ka e e Silvia e i restanti tutti nella macchina di Dani.
    S: Gio allora raccontami di quel ragazzo! È uno che conosciamo??
    G: Ehm.. n..no. Non penso! - Cerco di dire con un tono di voce deciso!
    S: Be allora ce lo presenterai appena ci sarà occasione! Ma a che punto siete??
    G: Cioè?
    S: Ma si dai! Baci, sesso, etc.
    G: Ma preferirei non parlarne veramente.
    S: Eddai su, siamo tuoi amici. Non farti supplicare!!
    G: No, davvero..
    K: Silvia ma che cazz° te ne frega? Saranno fatti suoi!
    G: Ka tranquillo
    S: Forse è meglio che ti fermi al prossimo autogrill io vado in macchina con gli altri
    K: Si ecco brava, sei proprio una bambina!
    Così, dopo 1 km esatto ci siamo fermati e Silvia è salita in macchina con gli altri. Ormai siamo quasi arrivati ed è inutile provare a parlare di quello che è successo, anche perchè Ka mi sembra parecchio agitato.
    K: Senti lo so che non dovevo reagire così ma mi da ai nervi quando si comporta così
    G: Ka non ha chiesto niente, voleva solo sapere delle cose che qualsiasi amica avrebbe chiesto
    K: Lo so, ma forse ti dimentichi che il ragazzo in questione sono io
    G: Si hai perfettamente ragione!
    K: Quindi che facciamo?
    G: Ka in questi giorni tra di noi fondamentalmente non è successo niente quindi lasciamo le cose come stanno e basta! Non ne parliamo più, adesso siamo arrivati ci vediamo nei prossimi giorni!
    Scendo dalla macchina sbattendo la portiera. Non mi va proprio di discutere, tanto meno che con lui. Mi fiondo in casa e mi butto sul letto, ho proprio bisogna di una sana dormite nel letto di casa. Penso di amare profondamente il mio letto, non c'è posto migliore che il mio letto. Vivrei nel mio letto. È comodo e confortevole, è grande ed è caldo. Già, caldo. Quest'anno a inizio autunno mi sono comprata uno scaldaletto e se fosse per me lo terrei acceso giorno e notte, solo che poi non mi muoverei più dal letto. E pensando intensamente al mio scaldaletto, mi addormento..

    D: Hai accompagnato a casa tu la Gio?
    K: Si!
    D: Siamo certi che sia arrivata a casa sana e salva?
    K: Ah già, prima di portarla di sopra l'ho rincorsa, l'ho buttata in cantina e me la sono stuprata!
    D: -.-
    P: Bravo Ka! E' così che si fa con le donne, se non ci stanno giù con la violenza!
    D: Quando avete finito di dire minch*ate magari iniziamo a provare.
    I ragazzi hanno una band, i Finley. Sono famosi e in attesa di entrare in studio per registrare il nuovo album fanno qualche serata qui in giro. E quindi devono tenersi costantemente in allenamento.
    P: Bene, con che cosa iniziamo?
    K: Fai “ad occhi chiusi” va! Mi mancano i vecchi tempi!

    Iniziamo a provare. Ma questa volta neanche la mia chitarra riesce a togliermi lei dalla testa. Ormai è diventata il mio chiodo fisso, non faccio altro che pensarla e non riesco a scacciarla via con niente. Non so più neanche che tasti sto schiacciando, che corde sto toccando. Le mani vanno da sole e mi sa che anche gli altri se ne sono accorti.

    P: Ka ma stai bene?
    D: Ka, ci sei??
    K: Ah sisi, cioè no!
    P: Ka stai male? Sei pallidissimo!
    K: Scusate ragazzi devo andare a fare una cosa, scusate!
    Così Ka, lascia la sala prove..


    E ora cosa sarà saltato in mente a Ka?!
    Lascia che sia il cuore a condurre i tuoi passi.

  8. #8
    Roadie


    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    830
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: Lascia che sia il cuore a condurre i tuoi passi.

    CAPITOLO 8

    “E' inevitabile oramai come uno sbaglio di corsia questo groviglio fra di noi questa tua bocca sulla mia. E le tue mani su di me sulle mie mani su di te molto probabile che sia inevitabile follia.”


    “Driiin, driiin”
    E quando nel sogno il mio principe azzurro mi sta per baciare ecco che suona il campanello! No, questa volta non mi alzo!
    “Driiin, driiin”
    Ok, mi alzo. Con calma mi dirigo verso il citofono..
    G: Chi è?
    K: Sono Ka
    G: KA??! E' successo qualcosa?
    K: Mi apri?
    Gli apro e in meno di 30 secondi è dentro la mia cucina.
    G: Ma che ci fai qui?
    K: Non ce la faccio più a resisterti..
    Lui fa un passo avanti e io, giustamente, ne faccio uno indietro continuiamo così fino a quando il tavolo della mia cucina mi ferma. Lui si avvicina, mi prende in braccio e mi poggia sul tavolo e lui si posizione in mezzo alle mie gambe.
    G: Ka, stiamo sbagliando
    K: Ma vuoi stare zitta due minuti? Solo due minuti!
    Non riesco a muovermi. La verità è che non riesco a muovermi perchè io non voglio muovermi!
    Dio quanto è bello con quegli occhi verdi, mi ipnotizzo a guardarlo fino a che non sento le sue labbra umide sulle mie. Si aprono pian piano e le nostre lingue si incontrano, per la prima volta.
    Tra i baci mormoro la frase “ecco il principe azzurro che è venuto a baciarmi” ma penso che lui non l'abbia neanche sentita. Mi bacia sempre con più foga, ci stacchiamo il secondo giusto che serve per farci prendere un respiro profondo e poi riprendiamo. Le sue mani navigano dietro la mia schiena e io tengo le mie tra i suoi capelli. Mi stringo sempre più forte a lui, a un certo punto mi prende, mi solleva e mi porta in camera mia. Ero convinta che in casa mia Ka non fosse mai entrato, probabilmente è andato a istinto. Ma si, ma che cazz° se ne frega di come l'abbia trovata!
    Mi spinge delicatamente sul letto e mi fa togliere la maglietta, in meno di due minuti ci ritroviamo con addosso solamente l'intimo e io sono sopra di lui. A lui piace che sia io a guidare il gioco!
    Con la mano destra mi slaccia il reggiseno e me lo sfila, inizia a baciarmi i seni spingendomi alla sua destra. Dai seni, passa al collo per poi riscendere. Si ferma all'altezza dell'ombelico e io penso di aver emesso un leggero gemito.. Mi sfila le mutandine e si mette sopra di me. Siamo una cosa sola. Lo sento spingere fino a quando entrambi non raggiungiamo il limite, lui esce di colpo e si aiuta con la mano per evitare di “venire” dentro.
    Ci lanciamo un lungo sguardo che parla da solo. Si sdraia accanto a me..
    K: hai freddo?
    G: Un pochino
    K: Vieni..
    Mi prende tra le sue fortissime braccia e mi stringe al suo petto. Io tiro su la coperta per coprire i nostri dure corpi ancora nudi.
    G: Ka..
    K: Ti prego non parlare. Non roviniamo questo momento fantastico, domani affronteremo la situazione.
    Non dico una parola, sono pienamente d'accordo con lui. Ma che ***** di frase è: domani affronteremo la situazione? Ormai il danno è fatto, che cosa dobbiamo affrontare?
    K: Hai fame?
    G: Tantissimo. Ordiniamo una pizza?
    K: Certo che si! Non ho proprio voglia di muovermi dal letto per andare a cucinare.
    Mangiamo una pizza e ci addormentiamo l'uno nelle braccia dell'altra. Il letto è matrimoniale ma noi occupiamo solamente mezza piazza; ovviamente lo facciamo solo ed esclusivamente per scaldarci!

    Vi ho postato questo stra alla veloce, domani non riuscirò a postare! Quindi ci si sente lunedì, grazie a tutte dei commenti! Buon week-end randa!

  9. #9
    Roadie


    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    830
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: Lascia che sia il cuore a condurre i tuoi passi.

    CAPITOLO 9

    “Se stanotte non hai sognato, non preoccuparti, puoi farlo oggi”


    Mi sveglio e lui non è più accanto a me.. Certo Gio che cosa ti aspettavi? Che ti preparasse la colazione?! Ora ha preso quello che voleva, dovevi saperlo che si sarebbe comportato così, si parla di Ka!
    Mi giro dall'altra parte del letto quando sento un leggero odorino di pluncake provenire dalla cucina.
    Mi giro un attimo per odorare meglio e c'è Ka sulla porta della camera da letto con un grembiule indosso.
    -Buongiorno, pensavi che ti avessi abbandonato, eh?
    -A dire la verità si, l'ho pensato!
    -Brava, ti fidi tanto di me da quanto ho capito
    -Non sarebbe la prima volta che lo fai, anzi se non sbaglio lo fai sempre. Stando a quello che racconti ai tuoi amici
    -Questa volta la cosa è diversa
    -Si, va be. Mangiamo?
    -Si, certo! Lo so che lo fai solo per evitare il discorso, ma mangiamo! Se vuoi mangiare, mangiamo!
    -Si voglio mangiare!
    -Bene, mangiamo!
    -Bene!
    Corre in cucina e torna con dei puncake con su del cioccolato, succo d'arancia NON rossa (esattamente come piace a me) e del caffè che di mattina non fa mai male.
    -Grazie. Non sapevo che sei capace anche a cucinare. Anche se i puncake non sono la ricetta più complicata del mondo.
    -Eh si, quante cose che non sai di me
    -Troppe!
    -Io invece di te so tutto..
    -Ah si?! Ad esempio?
    -Che ti piace stare sopra!
    -KAAAA!
    -Ok scherzavo! Comunque so un sacco di cose su di te, veramente. Ad esempio che la tua posizione preferita a dormire è a pancia in giù, che ami fare colazione al bar, ti piace vestire di marrone, sei romantica, adori l'odore della benzina e la pizza provola affumicata e pancetta. Mangeresti sempre olive, le tue caramelle preferite sono quelle gommose alla fragola e nell'armadio hai un sacco di vestitini. Poi che altro? Ah si, ti lavi i capelli un giorno si e uno no e usi tanto shampoo, ti piace sentire l'odore dello shampoo addosso. Il tuo profumo preferito è Vanitas di Versace ma non lo hai ancora comprato perchè secondo te è uno spreco di soldi. Ti può bastare?
    Rimango senza parole. Neanche mia mamma sa tutte queste cose di me! Ok, calma ragazza.
    -E' solo una piccola parte di quello che sono! -.-
    -Non ti accontenti mai, eh?
    -No!
    -Ah si, un'altra cosa vuoi sempre averla vinta e non sei contenta se l'ultima frase non la dici tu!
    -Esatto! Ora sai proprio tutto di me!
    Continuiamo a stuzzicarci per più di un'ora, quando mi squilla il telefono: è Dani.
    -Dani, dimmi
    -Ciao Gio, Ka è lì con te?
    -Ehm, no perchè dorebbe essere da me?
    -Perchè ieri è scappato via dallo studio e non lo abbiamo più sentito. Dovremmo provare, ma ha il cellulare spento.
    -Ah.. Guarda non saprei proprio come aiutarti..
    -Ceeerto, immagino! Comunque se per caso lo senti e dico se per caso lo senti, puoi dirgli di correre in studio?
    -Ok, sarà fatto. Ciao, buone prove
    -Ciao cara

    -Dai corri a vestirtiiii che devi andare in studio!
    -No dai, ancora cinque minuti qui con te
    -Nonono, abbiamo passato anche troppo tempo insieme!
    -Pff, e va bene! Posso almeno farmi una doccia prima di andare?
    -Si, il bagno sai dov'è!
    -Non è che mi puoi accompagnare? Sai, una cosa tira l'altra e magari per risparmiare l'acqua si potrebbe anche..
    Non lo lascio neanche finire la frase, so dove vuole arrivare -Kaaaa, corri in doccia intanto io mi vesto e vengo con te in sala prove!
    -E va bene! Prima però lasciami accendere il cellulare se no mi daranno sicuramente per disperso!
    Accende il cellulare, cancella i messaggi delle chiamate da parte degli altri, appoggia il telefono in cucina e se ne va in doccia.
    -Va be, facciamo qualcosa di utile all'umanità. Diamo una pulita alla casa! - Prendo in mano la scopa, ma cambio subito idea. - No, ripensandoci vado a vestirmi!
    Vestito di lana grigio e stivaletti. Un po' di schiuma tra i capelli, lacca. Un filo di mascara e sono pronta! E quello intanto è ancora in doccia. Per fortuna i trucchi lì tengo sul comodino in camera!
    Vibra un cellulare. Tiro fuori il mio dalla borsa, no non è il mio. E' il suo.
    No, Gio non puoi spiargli il telefono. Non stiamo neanche insieme e se mi scopre che figura ci faccio. Sicuramente saranno gli altri che vogliono sapere che fine ha fatto. Si, sicuramente sarà così. Mi avvicino allo schermo “Un nuovo messaggio, Silvia”. Ok non sono gli altri, ma mica posso leggere i fattacci suoi. Poi è ovvio che gli scrive, fino a prova contraria stanno ancora insieme. Sarà un messaggio del buongiorno. Ma come si permette questa di scrivergli il buongiorno? E cosa mi aspettavo? Lui non è mio, è suo. Ha tutta il diritto.
    Ma si, una sbirciatina non guasta..


    Lascia che sia il cuore a condurre i tuoi passi.

  10. #10
    Roadie


    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    830
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: Lascia che sia il cuore a condurre i tuoi passi.

    CAPITOLO 10

    "Come un mercante di sogni svendo le illusioni dei cuori feriti"


    “Buon giorno amore mio, oggi è una splendida giornata. Ma lo è grazie a te. Mi manchi un sacco, per fortuna stasera ci vediamo. Un bacione immenso, Silvia”
    Il mio cuore si blocca per un secondo che sembra interminabile. Io mi blocco..
    Penso a lei.. A come potrebbe prenderla. Ma come ho potuto? Perchè lo amo ecco perchè.. Si però lei è mia amica. In fin dei conti, non la conosco da tanto. Poi non c'è mai, non è colpa mia se lui ha scelto me. No, ferma un attimo. Lui non mi ha scelto. Lui è semplicemente venuto a letto con me, sono due cose ben diverse. Devo assolutamente parlargli di quello che è successo, dobbiamo prendere una decisione. Veramente prima dovevamo prendere una decisione e poi fare...quello che abbiamo fatto! Si, ma è anche vero che una cosa così non la puoi programmare, capita e basta.
    -Mostriciattolo, tutto a posto? - Sento la voce di Ka alle mie spalle. Per fortuna ho già cancellato e poggiato sul tavolo il suo telefono.
    -Si! Dai sei pronto che andiamo?
    Mi prende per i fianchi e mi tira a sé, mi stampa un bacio e mi guarda negli occhi come solo lui sa fare.
    -Che c'è?
    -C'è che sei splendida e non riesco a starti lontano neanche per un minuto. - No, tutto questo miele di prima mattina no e io adesso che gli rispondo?
    -Sei dolce – Tutto qui! Sei dolce! Bella frase, brava testa di cavolaccio!
    Lui mi guarda e vede che mi sento un po' a disagio, ma non riesce a capirne il motivo per fortuna.
    -Daaaaai andiamo dagli altri!
    -Ooook capo!
    Saliamo in macchina e partiamo. Sulla mia macchina. La mi adorata 500 gialla. Adoro la mia macchina. Penso sia la cosa a cui tengo di più al mondo. Si chiama Marty. Non so come mai, ma il nome Marty sembra fatto apposta per lei e poi.....Ka chiude nettamente troppo forte la portiera
    -Cazz° Ka!!!!! La mia povera Marty! Trattala con rispetto!
    -Scusa! - mi risponde intimorito
    -Pff, scusa tu. Sono un po' nervosa.
    -Per via di Silvia?
    -Perchè dovrei? - E lui adesso come ha fatto a scoprirlo? -.-
    -Be, perchè stasera ci sarai anche lei e lo sai visto che mi hai letto il messaggio sul cellulare
    -No, ma guarda che.. - Non mi lascia neanche finire la frase
    -Non c'è bisogno che ti giustifichi, non importa. E' che tu hai cancellato il messaggio dal telefono, ma non ti sei resa conto che il mio cellulare ha anche un cestino per i messaggi eliminati e se non lì elimini definitivamente da lì, in realtà rimangono.
    -Ah..
    -Ehi piccola, ti ho detto che non importa. Poi sai quanto mi interessa dei suoi messaggi quando sto con te.
    -Appunto, quando stai con me.
    -Cosa vuoi dire?
    -Che adesso stai con me, ma in realtà dovresti stare con lei. Insomma Ka, chi vogliamo prendere in giro? Tu mollerai mai Silvia veramente? E poi io come mi sentirei nei suoi confronti?
    -Forse è un po' troppo presto per parlare di questo non pensi?
    -Hai ragione, scusami! Abbiamo solo fatto sesso niente di più! - Colpita e affondata!
    -No, non intendevo dire questo!
    -Ka lascia stare, davvero!
    Non parliamo più fino allo studio, circa per una quindicina di minuti.
    Scendiamo dalla macchina senza guardarci, lui ha un'aria cupa.
    -Oh, il bell'addormentato nel bosco! - Commenta Dani
    -Si, e arriva con il suo principe – Dice Pedro rivolgendosi a me, però vedono subito che non abbiamo affatto voglia di scherzare.
    -Allora, cominciamo?
    -Si, forza dentro che la mia amata batteria mi aspetta! Ama farsi picchiare da me!
    -See, ok! -.- Pedretti la mia socia dov'è?
    -Arriva più tardi, oggi aveva un esame in uni!
    Chiara era al primo anno di giurisprudenza, mentre io studiavo medicina, voglio specializzarmi in ginecologia/ostetricia.
    Entriamo in studio e i ragazzi iniziano a provare “Meglio di noi non c'è niente”. Canzone azzeccatissima tra l'altro!
    Appena inizia il ritornello esco, non riuscirei a sopportare neanche un'altra parola di più in quello studio con lui. Mi accendo una sigaretta, quando una ragazza girando l'angolo mi viene praticamente addosso e gli cade l'i-pod che teneva in mano. Si apre nettamente in mille pezzi.
    -Oddio, scusami – le dico io
    -*****° l'i-pod andato a ******e! Comunque scusami tu, sono io che devo stare più attenta.
    Dopo averla guardata meglio, ha un viso familiare. Ma no dai, non può essere. Non la vedo da un sacco di tempo, non ci credo.
    -Ludovica?!
    -Mm, si. Ci conosciamo? - mi guarda perplessa un attimo poi mi riconosce – Giooooo, ciaooo! Come stai??! E' una vita che non ci vediamo.

Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •