Vai a Team World Shop

Visualizza Risultati Sondaggio: Vi piace questa storia?

Partecipanti
6. Non puoi votare in questo sondaggio
  • Molto

    6 100.00%
  • poco

    0 0%
  • pochissimo

    0 0%
  • per niente.

    0 0%
Pagina 2 di 7 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 61
  1. #11
    Supporter


    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    147

    Predefinito Re: You'll be always part of me

    Ciao a tutte! rieccomi qui. Scusate l'attesa ma ieri finalmente ho finito gli esami di maturità, mi sono tolta un peso, ora mi sento leggerissima e pronta per postare un nuovo capitolo.

    cap 7 'cause you changed the way you kiss me

    Il giorno seguente i nostri genitori ritornarono, ero felice di rivederli mi erano mancati tantissimo. Naturalmente non sapevano niente di me e di Stefano, non sò quando glielo avrei detto ed ero anche preoccupata della reazione di Pedro e Omar. Mancava un giorno a quell'esibizione, non sapevo cosa fare. Io e Ste ci eravamo sentiti, ma non riuscivamo a vederci prima dell'esibizione perchè lui era impegnato con la band e io avevo un sacco di compiti, era già ottobre e il freddo cominciava a farsi sentire, non avevo intenzione di aspettare fino a sabato, così decisi di andare a trovarlo a casa sua. Si lo sò, nella tana del lupo! ma ero pronta a rischiare.
    Dlin dlon
    Aprì la porta
    S: eh ciao, che sorpresa, non pensavo venissi
    IO: ho pensato di passare a trovarti, tutto qui
    S: entra pure, aspetta, stavo suonando qualcosina
    Io: ok, entrai in casa sua, quella casa che conoscevo da una vita, che pace poi, evidentemente i suoi non c'erano e neanche suo fratello Marco.
    Meglio eravamo da soli
    Andai in camera sua, quanti ricordi, c'erano le foto del nostro gruppo appese al muro e una miriade di cd oltre al casino infernale. Chissà quante ragazze ha portato di nascosto di sera in questa stanza, mi sento una stupida ad essere qui ma io sono diversa dalle altre.
    S: ehi, eccoti qui, i miei bassi non si toccano!
    io: come sei permaloso, mica li rovino
    S: lo sò, stavo scherzando, ti ho portato qualcosa da bere
    IO: grazie, hai della cioccolata calda?
    S: penso di si, ma bisognerebbe prepararla
    IO: allora ci penso io. XD
    S: aspetta ma... ci siamo dimenticati di salutarci come si deve
    Mi avvicinai a lui decidendo di prendere l'iniziativa e lo baciai.
    S: ora così va bene.
    Mi baciò il collo e poi scendemmo le scale
    IO: lascia stare preparo io. A quanto vedo sei un disastro in cucina
    S: ehi come osi?
    mi toccò il sedere.
    Io: ma la smetti?
    S: non è colpa mia se hai un bel culo!
    Io: che cretino!
    S:
    intanto che preparavo la cioccolata ci sedemmo
    Io: siete pronti per sabato?
    S: guarda che noi siamo nati pronti
    Io: sè sè, valla a dire a qualcun altro
    S: ma Pedro e Omar lo sanno che sei qui da me?
    Io: non sanno neanche che ci stiamo frequentando, spero che tu la intenda così?
    S: certo, usciamo insieme noi due, no?! comunque sei bella monella se non glielo dici! sopratutto quello che è successo nel camerino del negozio
    Mi si infuocarono le guancie
    Io: non ritorniamo su quell'episodio!
    S: ok, non scaldarti così tanto, non è successo niente anche se a me non sarebbe dispiaciuto.
    IO:
    io: è pronta, aspetta che la verso
    Mi piaceva sempre un sacco bere la cioccolata nei mesi freddi a partire da Ottobre.
    S: ci mettiamo anche la panna sopra?
    Io: ma dopo ingrasso!
    S: ma se sei magra, poi ci penso io a farti dimagrire! conosco un metodo infallibile! mi disse guardandomi in modo malizioso
    Io: ma sempre a quello pensi, sei peggio di mio fratello!
    S: lui non è da meno!
    IO: lo sò, sono circondata da un gruppo di maniaci! haahhahaha!
    Cominciammo a bere la nostra cioccolata quando lui mi sporcò il naso
    IO: oh ma dai. Feci altrettanto, finchè non mi misi sulle sue gambe avvicinandomi pericolosamente a lui, presi un pò di panna e lo bacia. Era un bacio al sapore di panna, le nostre lingue si cercavano tra la panna e non tardarono a raggiungersi per intrecciarsi.
    S: cavoli se questo era un bacio.
    Io: già
    io: è tardi devo andare, devo ancora finire di studiare.
    S: ok, peccato pensavo rimanessi a farmi un pò di compagnia, mi piaceva come stavano proseguendo le cose
    Io: bè possiamo farle proseguire così domani sera!
    S: già, peccato che i tuoi fratelli siano sempre in mezzo alle scatoluccie
    dormi da me domani sera?
    IO: non sò, dovrei inventarmi una scusa convincente
    S: ma si dai, cosa vuoi che succeda?
    IO: si si, conoscendoti devo difendermi
    S: perchè non lo faresti con me? guarda che poi non te ne penti, tutte lo vogliono fare con me!
    Io: si ma io non sono una di quelle!
    S: lo sò, ma io ti voglio! è difficile bloccare gli ormoni maschili
    Io: bè vedi di frenarli un pò allora!
    S: ok ci proverò, vieni qui ora
    Mi attirò a sè e mi baciò
    Ci salutammo che ero ancora un pò frastornata. Sabato si stava avvicinando.....

  2. #12
    Supporter


    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    147

    Predefinito Re: You'll be always part of me

    Ciao a tutti! rieccomi qui pronta per postare un altro capitoletto alquanto interessante. Chiedo scusa quello di ieri era l'ottavo capitolo e mi sono sbagliata scrivendo che era il settimo. Ora posto il nono.

    cap 9 I'll spend all the night with you

    Sabato mattina durante la ricreazione....
    B: allora vai a dormire da lui stasera?
    Io:vorrei tanto ma non sò che scusa inventarmi con Omy e Pee
    G: digli che rimani a dormire da una di noi due, meglio da Bea perchè io sono da Luca
    B: e fate cose sconcie tutta la notte
    G: cretina!
    B: stavo scherzando, mi sà che stanotte le fa qualcun altro
    IO: non penso, insomma ci stiamo frequentiamo da poco ed è troppo presto, vorrei aspettare dopo quando staremo insieme definitivamente
    G giusto
    B: ecco parla lei!
    G: si ma con Stefano bisogna stare attente, è pericoloso
    Io: lo sò, ma capirà
    B: vedremo come andrà a finire, cosa ti metti stasera?
    Io: non lo sò e poi suonano in un locale semplice
    B: va bè ma è sempre un locale, vestiti un pò provocante così lo fai impazzire ma alla fine rimane in bianco tutta la notte
    G: hahahaha che idea geniale
    Io: siete proprio malefiche
    B e G: hahahahahaha
    Finita quella mattinata ritornai a casa tanto ci saremo riviste la sera, entrai in casa per poi precipitarmi a tavola era già pronto.
    P: stasera suoniamo lo sai, vero?
    io: certo che lo sò, non sono mica cretina
    P: non si sà mai che ti dimenticassi
    IO: si si come no
    Andai in camera per trovare qualcosa di decente per la serata quando mi arrivò un mex: era lui
    S:Allora per stasera sei da me?
    iO: si si, alla fine si, dirò a Pedro ed a Omar che sono a casa della Bea
    S: devo preoccuparmi, da quando sei così ribelle?
    Io: da quando mi frequento con te, no?
    S: ok, allora ci vediamo stasera bella gnocca.
    Io: a stasera scemo!
    Era un caso perso però io ne ero altrettanto persa
    alla fine optai per un vestitino corto ma non troppo esagerato e scarpe con il tacco. Il trucco sarebbe stato semplice ma sofisticato.
    Arrivò sera e mi precipitai in macchina con Bea, arrivammo al locale e c'era pieno di gente. Fantastico c'erano anche tutti i loro amici, avevamo zero intimità stasera. Wow.( senza entusiasmo)
    B: quando pensi di dire ai tuoi fratelli che ti frequenti con Ste?
    IO: presto, stasera ne parlo con lui
    B: se ci riesci prima di finire sotto le coperte con lui!
    Io: tranquilla
    arrivò ka
    K: ma quanto siete belle stasera?
    Io: grazie kapitano, ma la tua ragazza?
    K: aveva un impegno, ma viene la prossima settimana, te la presento poi, è di Roma.
    Io: ohhhh una romana! che bello! mi stanno stra simpatici i romani!
    K: hahahaaha! ascolta vieni con zio ka, devo parlarti
    Andai con lui...
    K: senti cara non è che tra te e Ste c'è qualcosina?
    io: ehmmmmm
    K: ah eccco
    IO: ti prego non dire niente a Pedro e ad Omar, glielo dirò
    K: tranquilla ma muoviti a dirglielo altrimenti se vi scoprono non la prendono bene subito
    io: ok, ma come hai fatto a capirlo?
    K: si vede da come ti guarda, ti spoglia con lo sguardo, attenta, sai come è fatto!
    Io: lo sò, lo conosco fin da quando ero bambina
    K: ok mi fido di te, ma non fare cose di cui potresti pentirti poi.
    Io: ok, quella frase continuava a risuonare nella mia mente, ecco sapevo che sarebbe accaduto il contrario.
    Entrammo nel locale e c'era una confusione assurda, i ragazzi erano già nei camerini per preparasi, decisi di andare da loro, Bea non mi accompagnò si era fermata a parlare con l'ennesimo tipo della serata.
    Arrivai ai camerini, bussai e mi venne ad aprire lui.
    S: ehi ciao!
    Io: gli altri?
    S: sono fuori a fumarsi una sigaretta
    Io: e te, non vai?
    S: ma sai preferisco stare da solo con te
    Io: non avevo dubbi guarda
    Entrai e posizionai sul divanetto.
    IO: cavolo di scarpe con il tacco
    S: tanto dopo te le devi togliere quando sei da me no?
    Io: bè certo mica dormo con il tacco
    S: bè anche il resto non si fa con le scarpe, non trovi?
    Io: sei odioso!
    S: lo sò, però ti faccio impazzire perchè sono così giusto?
    Io: già
    Lo tirai a me e cominciammo a baciarci, lo sentivo risalire le mie gambe con le sue mani per poi passare sotto il vestito e sfiorare il bordo della mutandina, ma lo fermai.
    IO: no non qui, ti prego!
    S: già hai ragione scusa!
    Mi baciò e si sdraiò sopra di me, mi mancava l'aria, sentivo il suo respiro pesante sopra di me e nelle mie orecchie.
    S: è meglio che mi fermo altrimenti precipitiamo subito le cose
    Io: ehmmm già.
    Arrivarono gli altri e ci staccammo.
    D: ecco dove eravate!
    ka mi fece l'occhiolino
    P: bè ero preoccupato non vi trovavo più e stai lontano da mia sorella, naturamente scherzo
    Io: ahhahahaha! ok era una risata amara
    Mi cacciarono fuori perchè dovevano prepararsi, ma questi uomini!
    ritornai nella sala e trovai Bea e ci posizionammo in prima fila per assistere alla loro esibizione, c'erano un sacco di fan, chissà quando si sarebbe liberato di loro. mah. uffi!
    Ecco uscirono e cominciarono a suonare. In quel momento c'ero solo io e lui che suonava lì davanti e mi guardava. Sarebbe stata una lunga notte, lo sò, avrei commesso forse quell'errore, ma lo volevo davvero!

    questa è la prima parte! dopo posto la seconda....

  3. #13
    Supporter


    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    147

    Predefinito Re: You'll be always part of me

    Ecco la seconda parte del capitolo nono. Buona lettura.

    Seconda parte cap 9

    Il concerto non fu lunghissimo però riuscì a placare il nervosismo che scorreva nel mio corpo. Finita l'esibizione io e Bea ci catapultammo nei loro camerini ma fummo costrette ad aspettare perchè una valanga di fan si impadronirono di loro. Anche se non ero ancora fidanzata con Ste, ma dava i nervi che lui continuasse a parlare con quelle oche che gli lanciavano sguardi troppo poco casti e maliziosi. Incazzata com'ero mi presi sù e uscì dal locale, lui mi raggiunse.
    S: ehi aspetta, ti sei arrabbiata?
    IO: noooooooo! cosa te lo fa pensare?
    S: sei ancora più **** quando ti arrabbi!
    IO: hahaha ma dai!
    S: e comunque sono solo semplici fan, non mi interessa. Io voglio solo te
    Dopo quelle parole ero completamente persa e sciolta mi lasciai andare tra le sue braccia e ci baciammo fregandocene di chiunque poteva vederci in quel momento.
    S: ritorno dagli altri poi ce ne andiamo insieme, ok?
    IO: ok, ti aspetto.
    Dopo pochi minuti uscirono dal locale e ci salutammo tutti, avevo inventato la scusa di dormire da Bea, mi dispiaceva di avere mentito ai miei fratelli, ma volevo stare un pò con Ste.
    Arrivammo a casa sua.
    S: ecco la mia casuccia
    Io: come se non la conoscessi
    S: ahhaahhhahaha!
    entrammo. C'era un silenzio indescrivibile. Marco era andato al mare per il fine settimana con i suoi amici e i genitori di Ste erano andati dai suoi nonni. Insomma avevamo casa libera, bel problema!
    S: siamo soli, spero che per te non sia un problema
    IO: ehm no! tranquillo
    S: vuoi qualcosa da bere?
    Io: si grazie prendo un bicchiere d'acqua
    S: ok, fai come fossi a casa tua io intanto vado in camera
    Io: ok
    Presi il mio borsone a andai in bagno a lavarmi i denti. Ok la situazione era strana
    Oddio. Andai in camera sua.
    io: Hai attaccato qualche altra foto vedo
    S: si, sono le ultime che ho fatto con i ragazzi in saletta per ultimare il cd
    Io: allora è quasi pronto?
    S: già
    Mi avvicinai pericolosamente a lui unendo le nostre labbra in un bacio fantastico, le nostre lingue si sfiorarono ancora come se volessero esplorare ancora di più di quello che non avessere già fatto. Le sue mani scorrevano su tutto il mio corpo dal viso, al seno e sulle gambe. Mi sentivo protetta tra le sue braccie. Pian pianino gli tolsi la camicia delicatamente e lui fece lo stesso con il mio vestito, le mani mi tremavano era la prima volta per me! ci spostammo sul letto e gli tolsi i jeans un pò goffamente, lui sorridendo sulle mie labbra mi aiutò. Finì per togliere anche il mio intimo.
    Io: è la mia prima volta
    S: pensavo l'avessi già fatto con Marco. Sei sicura?
    Io: si
    Ero davvero sicura di volerlo fare con lui
    Quando entrò in me sentì un pò di dolore ma cercai di nasconderlo, era una sensazione bellissima, lo sentivo dentro me più che mai. I nostri sospri affaticati mentre ci muovevamo insieme senza fermarci. Era una danza melodica che aumentava sempre di più. I nostri sospiri sempre più forti alternati da baci sulle labbra e sul collo. Non mi ero mai sentita così parte di un ragazzo.
    Quandò finì tutto, mi accoccolai contro il suo petto mentre ci baciavamo appassionatamente. Mi addormentai subito. mentre lui fumava la sua sigaretta. Doveva sempre fumare dopo un rapporto, lo diceva sempre. Quando finì entrò nel letto e mi strinse a sè cullandomi e sussurrandomi nell'orecchio: dormi principessa.

    ecco la seconda parte. Spero vi piaccia.

  4. #14
    Supporter


    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    147

    Predefinito Re: You'll be always part of me

    cap 10 I'm in love

    Quella mattina mi svegliai e piano piano mi accorsi che lui stava suonando il suo basso, evidentemente era una nuova canzone perchè non l'avevo ancora sentita. Udivo quel suono che mi provocava brividi intensi sulla pelle, era sempre così quando suonava. Si accorse che lo stavo fissando.
    S: buongiorno, dormito bene.
    Io: si, grazie. Ma che ore sono?
    S: le undici di mattina, dormigliona.
    Io: oddio, devo avvisare Pedro ed Omar, ****a!
    S: tranquilla, ci ha già pensato Bea, gli ha detto che saresti tornata tardi nel pomeriggio.
    Io: meno male, bè che hai da fissarmi così?
    S: bè sei ancora senza vestiti, è logico che ti fisso!
    Io: sei senza speranze. Comunque per ieri sera spero che per te abbia significato qualcosa perchè per me è davvero significato tanto
    Si girò e mi guardò negli occhi
    IO: non voglio essere la tua millesima scopata e poi basta, tu conti davvero per me
    Si avvicinò e mi guardò negli occhi
    S: credo di cominciare a provare qualcosa per te, davvero! di solito non succede con le ragazze, è da un pò che non ho una storia seria, l'unica storia vera che ho avuto è durata un mese e mezzo, poi lei mi ha tradito e da lì ho perso le speranze, non che prima ne abbia avute molte. Però ***** con te è diverso, non voglio fare il bastardo. Ascolta, vuoi diventare la mia ragazza? dico sul serio. Voglio provarci, mi attrai un casino, sul serio, non ti stò prendendo in giro.
    Ero sbigottita, lui il playboy della band mi stava chiedendo di mettermi con lui.
    IO: si, voglio provarci anch io
    Si avvicinò e mi bacio mettendosi sopra di me
    Io: ehm dovrei farmi una doccia
    S: se vuoi la facciamo insieme
    Io: mi sà che abbiamo già combinato abbastanza ieri sera, la prossima volta dai
    S: e va bene
    Io:
    S: vado a vedere cosa possiamo mangiare oggi
    Mi feci una doccia pensando che poi avrei dovuto dire tutto alle mie tesorine, poi c'era anche il problema di dire a Pedro a ad Omar che io e Ste ora stavamo insieme, la cosa era strana, insomma lui mi era sempre piaciuto un sacco ma mai pensavo che ci sarei riuscita. Sapevo solo che dovevo tenere gli occhi aperti, questa storia forse mi avrebbe fatto soffrire ma mi avrebbe dato anche tanto. Uscì dalla doccia e mi preparai per poi scendere le scale
    IO: hai trovato qualcosa di commestibile nel frigorifero?
    S: ehmmm
    Io: ok dai ci penso io, in questo sei una frana
    S: però scopo bene almeno?!
    Io: si dai
    S: ehhhhhhhh? ma sai con chi stai parlando?
    Io: si con Stefano Mantegazza. Signorino ricordati che ora stai con me quindi hai poco da fare il playboy in giro. ok?
    S: infatti sarai l'unica che avrà il privilegio di poterlo fare con me
    Io: oddio! sono messa bene. Comunque direi di preparare una pasta semplice con il sugo al pomodoro, visto che c'è e poi preparo qualche cotoletta. ok?
    S: per me va più che bene
    Cominciai a preparare tutto l'occorrente e mi feci aiutare da lui, di certo non lo lasciavo mica con le mani in mano! muahhhhhhhme maligna!
    Finito di preparare tutto ci sedemmo a tavola
    S: è stra buona questa pasta
    Io: grazie non ci vuole un genio per prepararla
    Insomma già era affamato quindi mangiò come un porcellino
    Io: ora bisogna lavare i piatti
    S: aspetta non disturbarti, c'è la lavastoviglie, usiamo quella
    Io: ok, come vuoi!
    Ci accomodammo sul divano
    S: perchè non mi sono accorto prima di te?
    Io: ehmm eri troppo preso dalle tue amichette *****tte?
    S: può darsi, poi Marta ha letto faceva proprio schifo
    Io: possiamo evitare di parlare di una tua ex? se possiamo chiamarla così
    S: si, scusa anche perchè ora ho te
    Si coricò su di me e ci baciammo, gli lasciai un succhiotto sul collo
    S: ehi bambina monella, cosa fai?
    Io: è un ricordino, visto che la sera della discoteca me ne hai lasciato uno bello visibile sul collo!
    S: ah ecco, hai voluto ricambiare allora. Guarda che non serviva mica questo per farmi ricordare della mia ragazza
    Io: non si sà mai, almeno se lo vedono capiscono che sei mio
    S: già, ora però tocca a me
    Mi baciò partendo dall'ombellico fino a raggiungere le mie labbra. Ribaltai la situazione mettendomi sopra di lui e mordicchiandogli il lobo dell'orecchio. Sapevo che si eccitava tantissimo così, infatti dal nostro contatto sentivo nei suoi pantaloni c'era una situazione un pò amibigua, allora decisi di fermarmi
    S:hai intenzione di farmi collassare per caso?
    IO: dillo al tuo amichetto! mi sembra che stia dando in escandescenza
    S: bè è normale.
    IO:
    S: e comunque non mi piace lasciare le cose a metà, quindi ora vieni con me
    Mi tirò su di peso
    Io: ehi lasciami!
    Mi portò in bagno e cominciammo a spogliarci, questa volta era con più foga, più che amore, sembrava sesso. Avevamo voglia di entrambi come se la sera prima non ci fosse bastata. Entrammo nella doccia e diventammo una cosa sola con l'acqua gelida che cadeva sui nostri corpi, questa volta aveva fatto più male, spingeva troppo, e sentivo dolore, ma mi aggrappai a lui. Nel bel mezzo di tutto, mi squillò il cellulare
    Io: aspetta devo rispondere
    S: ma che palle, ma neanche quando sono con te, ci lasciano in pace.
    Ero ancora frastornata e mi mancava il respiro, ***** era Pedro.
    P: ehi sorellina, quando torni sono le quattro del pomeriggio, devi anche studiare no?
    Io: pè, ho già studiato tutto ieri pome e domani c'è l'assemblea quindi non ho quasi niente, ci vediamo dopo, ok?
    P: ma perchè sembri affaticata?
    io: niente, io e la Bea ci stavamo rincorrendo per casa come due cretine
    P: ah ecco, ok scema ti aspetto a dopo
    S: ah e così vi stavate rincorrendo
    Io: scemo cerca di capirmi
    Rientrai in doccia con lui e continuammo a sfogare il nostro amore.
    Erano le cinque ormai...
    IO: devo andare, oppure mi ammazzano
    S: ok, mi mancherai stanotte *****
    Io: anche tu, se riesco ci vediamo domani
    S: ok.
    Ultimo bacio e scappai a casa. Ok ora stavo con Ste, il problema era che bisognava dirlo a Pedro. Domani ne avrei parlato con Ste.

  5. #15
    Supporter


    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    147

    Predefinito Re: You'll be always part of me

    cap 11 what's the matter with you?

    Riunione a casa Pedretti alle ore 16:00 del pomeriggio

    B: cavoli, ma allora avete fatto?
    Io: si...
    G: come è stato?
    Io: Bellissimo, ma altrettanto doloroso, l'abbiamo fatto due volte
    B: ehhhhhhhh? cavoli avete iniziato bene direi
    Io: la seconda volta nella doccia
    Gppalè
    B: e poi mi venite a dire che la maniaca sono io, guarda te questa, non si fa signorina
    Io: ma taci ahhahahahahaha, ora devo dirlo a Pedro, stasera esco con Ste e ne parliamo
    B: ohhhhhhhh sesso selvaggio anche stanotte
    IO: non penso, devo tornare a dormire a casa stasera e poi domani c'è scuola
    B: non fare la santarellina, combinereta qualcosa in macchina di sicuro
    G: già, me lo sento pure io
    Io: eh no non cominciate, basta
    B: ricordati che Ste è un esperto e lo ha fatto ovunque
    Io: si lo sò, mi vergogno a pensare che ero impacciata visto che era la prima volta
    G: no, non devi pensarla così, vedrai che dopo le cose cambiano e ti senti meno insicura e impacciata, anche per me era così quando lo facevo per le prime volte con luca, tranquilla.
    Io: ok
    B: ora noi andiamo e ti dico parla davvero con Ste e dillo a Pedro non voglio poi che saltino fuori dei casini, ok?
    IO: ok ragazze grazie mille, bacio. a domani
    B e G: ciaoooooooooo smack
    Io: ok bene devo prepararmi per stasera e poi ne parlerò con lui
    optai per un abbigliamento semplice e comodo visto che faceva parecchio freddo
    suonò il campanello e uscì di casa, stasera ero libera Pedro era da Elisa e Omar era fuori con una nuova fiamma.
    S: ciao principessa
    mi attirò a sè e mi baciò sempre in modo passionale.
    S: mi sei mancata lo sai?
    Io: dici?
    S: ma certo vuoi fare la spiritosa?
    Io: hahahaha, scherzavo. Mi sei mancato tanto anche tu
    S: ora andiamo, ho prenotato in un ristorante molto carino nel centro di Milano
    Io: non voglio che spendi troppo, per me andava bene una cosa molto più semplice
    S: tesoro, tranquilla, sei la mia ragazza e voglio iniziare bene le cose
    Incredibile non sembrava più lui ma forse mi sbagliavo dovevo solo provare ad essere fiduciosa
    Arrivammo al ristorante ed era abbastanza lussuoso, mi sentivo un pò in imbarazzo, Ste mi prese per mano ed entrammo, mi lasciò per parlare con un cameriere e poi andammo in una stanza riservata solo per noi due, aveva fatto le cose in grande stile
    Io: cavoli, sono commossa
    S: ti piace?
    IO: molto amore
    S: sono contento
    Ci accomodammo e quando arrivò il cameriere ordinammo
    Poi all'improvviso entrò nella stanza una ragazza alta mora e mi sembrava di averla già vista, infatti era Silvia l'ex di Ste.
    Silvia: ciao Ste! e si precipitò a salutarlo.
    S: ehi ciao, tutto bene?
    lui era piuttosto freddo
    Silvia: si tutto ok, ma aspetta! ehi ciao Chiara è da un pò che non ci vedevamo
    Avevo i nervi, anche perchè Silvia aveva avuto una relazione tira e molla con Stefano e poi gli aveva fatto le corna con uno dei suoi migliori amici rompendo un'amicizia che esisteva da anni. Lei era una modella e studentessa presso la facoltà di lettere qui a Milano ma in verità è di Padova.
    La situazione era insostenibile non la sopportavo più
    Ste parlava con lei e io mi sentivo a disagio
    Io: scusate vado un attimo in bagno
    S: Tesoro tutto ok?
    Io: si si tranquillo torno
    Silvia: ma state insieme?
    S: ehm si e scusami ora vado da lei
    Silvia: si si tranquillo, ok ciao
    e se ne andò
    Mi fiondai in bagno e le lacrime cominciarono a cadere sul mio viso, mi sentivo debole e indifesa, ma perchè ***** ogni volta doveva apparire un ostacolo tra me e lui quando le cose sembravano proseguire per il verso giusto!
    S: ehi, è andata via!
    Io: eri molto impegnato a parlare con lei vedo, nonostante quello che ti ha fatto
    S: ehi smettila, non me ne frega un ***** di lei, ok? è solo una ******ella e basta. Ora sei tu la mia ragazza, mettitelo in testa
    Io: mi avvicinai a lui e appoggiai la mia fronte sul suo petto, il suo cuore batteva davvero, perdonami se ho dubitato di te e di noi, ma la nostra storia è iniziata da poco
    S: tranquilla torniamo di là e mangiamo e non pensarci più
    La cena fu squisita e Ste pagò un occhio della testa ma voleva rendermi felice, di questo passo mi avrebbe viziata
    Uscimmo e mi portò a casa, era tardi ormai e c'era freddo
    Io: grazie per la serata, ma ora aspetto ad andare dobbiamo parlare di me e di te
    S: ok
    Io: ascolta forse dovremmo dirlo ad Omar e a Pedro
    S: già ci stavo pensando, forse mi ammazzeranno
    Io: no, se glielo diciamo insieme
    s: la prossima settimana c'è il compleanno di Dani, potremmo dirlo alla festa no?
    Io: già potremmo fare così
    S: giusto, che gli regaliamo?
    IO: gli faremo un regalo insieme sento Pedro poi te lo dico
    S: ok, no problem
    IO: sono le dieci forse è meglio che vada domani ho scuola
    S: e mi lasci così, sei proprio insensibile
    Io: chi io? adesso ti faccio vedere
    Mi posizionai sulle sue gambe e cominciai a strusciarmi su di lui provocando qualche gemito da parte sua
    S: certo che però sei tremenda
    IO: zitto!
    lo baciai mentre mentre lui mi accarezzava i fianchi
    S: ti voglio, adesso, non ce la faccio più
    Io: non possiamo, siamo in macchina ed è scomodo
    S: e dai una cosa veloce
    Io: no no, ora devo andare.
    S: sappi che per il compleanno di Dani sei impegnata a casa mia dopo la festa!
    Io: porcellino!
    S: aspetta
    Mi raggiunse scendendo dalla macchina
    Mi appoggiò al cancello e mi baciò facendo aderire le nostre labbra e le nostre lingue.
    IO: buonanotte
    S: notte
    Andai a dormire ancora con il nervoso addosso, quella Silvia non prometteva niente di buono e dovevo stare attenta.

  6. #16
    Supporter


    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    147

    Predefinito Re: You'll be always part of me

    Ricordo il post nella sezione commenti alla fan fiction! Mi piacerebbe sapere i vostri pareri su quello che scrivo, anche critiche. Baci.

  7. #17
    Supporter


    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    147

    Predefinito Re: You'll be always part of me

    cap 12 dance in the dark


    Ottobre, il mese in cui cadono le foglie dagli alberi, il periodo in cui arriva il freddo e l'autunno è alle porte. Nonostante ciò il mio cuore stava rinascendo, la storia con Stefano andava a gonfie vele e non mi sembrava vero e ora mi trovo davanti alla finestra durante un giovedì freddo a guardare ciò che mi circonda senza un motivo preciso. Questa sera ci sarebbe stato il compleanno di Dani e io e Ste avremmo detto la verità a Pedro e ad Omar. La cosa che mi preoccupava era la loro reazione, ma io amavo Ste e volevo stare con lui e avrei anche passato la notte con lui .
    Aprì l'armadio alla ricerca di qualcosa di elegante visto che la serata si sarebbe svolta al Le Banque una delle discoteche più lussuose di Milano situata vicino a piazza Duomo. Tirai fuori un vestito molto corto e molto sexy, visto che dovevo passare la serata da Ste dovevo fare le cose per bene
    Poi scelsi un paio di scarpe alte con tacco 12 e mi feci i boccoli ai capelli visto che erano cresciuti un sacco. XD
    Ero pronta mi guardai allo specchio, a Ste gli sarebbe venuto un colpo, conoscendolo sarebbe capace di strapparmi i vestiti in un attimo, ma dovrà aspettare il momento opportuno.
    Suonò il campanello, era lui
    uscì di casa e la sua reazione fu:
    IO: ehi stai bene
    S: *****, sei uno schianto, ma io ti spoglio all'istante, non è che possiamo fare una capatina a casa mia e poi andiamo là dopo?
    Io: ora no, dobbiamo andare, se fai il bravo stasera dormo da te
    S: eh dai, certo che dormi da me, così poi facciamo scintille
    Io: sei sempre il solito
    s: dai andiamo
    Arrivammo al locale e ci staccammo subito vedendo Pedro che ci veniva incontro
    P: allora, ci siete? sù Dani ci stà aspettando
    Entrando trovai anche Bea e Giuli che mi rassicurarono subito dicendomi di non preoccuparmi troppo.
    La festa iniziò e non era niente male, il Calvio aveva organizzato le cose alla grande, quando furono tutti seduti vidi Ka che mi fece segno di dire come stavano realmente le cose
    Io: ehhmmm scusate io dovrei dire una cosuccia
    D: certo parla pure. XD
    Io: ecco più che altro è rivolta a Pedro e ad Omar
    Omar: tesoro cosa devi dirci, ti sei trovata il fidanzato?
    IO: si ecco
    P: bè allora cosa aspetti a presentarcelo
    Dani e Ka stavano ridendo come matti cercando di nascondersi in quanto sapevano la verità
    Io:
    Ste si alzò e mi prese la mano
    S: stiamo insieme
    Pedro sputò quello che stava bevendo e caddè a terra
    Omar era alibito
    P: cosaaaaaaaaaaaaaa? tu con quello scapestrato don giovanni?
    Io: io sono innamorata di Ste e quindi piantala
    P: ok manteniamo la calma, siete innamorati tutti e due... ma scusa ma da quanto state insieme?
    IO: un mesetto
    Ka e Dani ridevano
    Omar: voi due razza di idioti lo sapevate e non ci avete detto nulla?
    Ka e Dani: ehmmmmmmmm si! guarda che lo sapevano tutti solo voi due non lo sapevate
    Anche Elisa e Kelly acconsentirono di sapere della nostra relazione
    P: quindi brutta bestiolina quella sera hai dormito da lui allora? mi hai mentito
    IO: ehmmm si!
    P: no, non ditemi che avete già... insomma....
    K: scopato?
    Io: si ecco, mamma mia come sei volgare
    k: eh oh si dice così
    Omar: si si convinto tu
    silenzio di tomba alla domanda
    K: mi sembra logico che lo abbiamo fatto su dai tua sorella ha 18 anni e poi Ste lo fa bene
    P: io vi ammazzo entrambi ma devo stare calmo, ok Ste ti sei anche già trombato mia sorella, non sò più che dire, basta vi dò la mia benedizione ma vedi di non metterla incinta o robe varie perchè ti ammazzo, ricordati che sei ancora il bassista della mia band!!!!!!
    S: tranquillo fratello
    Omar: ok approvo quello che ha detto Pedro
    IO e Ste ci abbracciammo e ci baciammo davanti a tutti
    P: ma guarda questi due, togli quella lingua dalla bocca di mia sorella, insomma smettila di slinguazzarla!
    Feci il dito medio a Pedro e continuai a slinguazzarmi Ste davanti a tutti che erano felici della nostra storia....

    Dopo posto il continuo...... Ricordo il topic nella sezione commenti alle fan fiction! Esprimete le vostre opinioni.

  8. #18
    Supporter


    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    147

    Predefinito Re: You'll be always part of me

    cap 12- seconda parte

    Per fortuna Pedro e Omar avevano preso abbastanza bene la mia storia con Ste nonostante si potesse percepire la preoccupazione neglio occhi di mio Pedro che però si fidava di me. Ballammo tutta la sera e ci scatenammo in pista. Quella sera io e Ste non ci staccammo mai una volta neanche per andare a prendere dei drink. Eravamo due calamite, o forse eravamo estasiati che avessero accettato la nostra storia. Finita la serata, volevo tornare a casa con Ste....
    P: bene grazie fratello per la serata
    D: figurati amico sono contento che vi siate divertiti
    K: facciamo più spesso feste di questo tipo
    P: si si ti ho già capito. Chiara torni a casa con me?
    Tutti lo fulminarono
    Elisa: lasciala tornare a casa con Ste, vorranno passare una nottata tutta per loro no?
    P: maaaa.....
    Omar: eh dai non fare il peso
    P: proprio tu parli
    Omar:
    P: ok, puoi tornare a casa con Ste, ma sia chiaro torni a casa nostra e non vai da lui.
    Ero alquanto incazzata, volevo passare la serata con Ste, lui era tranquillo
    S: tranquilla, ti porto a casa, poi dopo entro dalla porta di retro e ti raggiungo.
    IO: ok, attento a non farti beccare. Mi fece l'occhiolino.
    Ci salutammo tutti e salì in macchina con Pedro. Eli intanto si lamentava con mio fratello.
    Elisa: non hai sensibilità, potevi lasciarli da soli
    P: si così si portava ancora a letto mia sorella
    E: ma smettila di essere così pesante, Chiara è grande ed è giusto che cominci ad avere dei rapporti protetti con il suo ragazzo
    P: che per di più è il mio migliore amico
    E: ecco, di che cosa ti lamenti
    IO: ehm scusate ma la diretta interessanta sare io
    E: scusa bellezza
    IO: ascolta fratellone Ste mi piace davvero e io voglio impegnarmi in questa storia, lo voglio davvero.
    P: ok ve lo concedo e digli di utilizzare la protezione altrimenti lo ammazzo!
    Io: tranquillo l'abbiamo già usata.
    P:
    E:
    Portammo Eli a casa e poi arrivammo da noi
    Scesi dalla macchina ed entrai in casa ma Pedro mi fermò
    P: perdonami se sono così duro con te è che sei la mia sorellina e sono preoccupato
    IO: ehy tranquillo
    p: spero che sarai felice con Ste e che duri davvero tanto la vostra storia. Insomma lui è più grande di te e conoscendolo mi sono preoccupato.
    e poi ti devo rivelare che è già da un pò che ti aveva notata infatti mi sembrava strano che non fosse passato già all'attacco
    IO: ahhahahhahah
    P: però evitate di fare rumori molesti se doveste farlo quando sono in casa, risparmiatemi almeno questo
    iO: hahahha tranquillo
    P: ok ora dai un bacino al tuo fratellone e fila a letto.
    Gli diedi un bacino sulla guancia e andai in camera. Ste era già coricato sul letto che mi aspettava.
    S: ce ne hai messo di tempo
    IO: Pedro non mi lasciava più
    S: ti ha fatto la ramanzina?
    Io: no, volevo solo mettermi all'erta, niente di che
    S: ok, ma tu hai intenzione di dormire ora?
    Io: se devo dire la verità no
    S:
    Mi sedetti sopra di lui e ci baciammo facendo coincidere le nostre lingue
    io: hai i preservativi?
    S: certo, li abbiamo usati anche le altre volte, non farti mica condizionare da mio fratello, sò controllarmi
    Io:
    Mi tolsi delicatamente il vestito mentre si spogliava anche lui
    S: ma questo intimo?
    IO: ti piace?
    S: cavoli, però stai meglio senza
    iO: sei un caso a parte
    Ci sdraiammo e mi misi sopra di lui per baciarlo mentre lui percorreva il mio corpo con le sue mani
    IO: dobbiamo fare piano c'è Pedro, non voglio mica che ci senta
    S: tranquilla
    Facemmo l'amore in modo passionale per tutta la notte, ci amammo come mai lo avevamo fatto, si staccò da me e si spostò di fianco per abbracciarmi.
    S: cavoli, ma che ore sono?
    IO: è tardissimo e io domani ho scuola, cavolo!
    S: eh va bè, tanto sei stra secchia non muore nessuno se salti un giorno
    io: si ma cosa scrivo nella giustifica nelle motivazione
    S:bè direi: scopata da urlo con il proprio fidanzato durante tutta la notte, ci stà direi
    io: che cretino che sei
    Mi misi sopra di lui
    S: non incitarmi con queste posizione che dopo poi potrei ricominciare.
    io: ma non ne hai avuto abbastanza?
    S: mica mi stanco di fare l'amore con te
    Io: bè io ora dormo.
    S: comunque ka ha detto di volere organizzare una festa mascherata per halloween. Cosa ti metti?
    Io: non lo sò, ci devo pensare sù
    S: idem
    Io: buonanotte, gli dissi baciandolo
    S: notte
    e mi baciò il collo
    IO: ma domani mattina?
    S: cosa?
    io: di solito mi sveglia Pedro, ma se ci trova nel letto insieme?
    S: chiudiamo la porta a chiave allora, poi vedremo
    io: ok
    Chiuse la porta a chiave e ritornò nel letto con me.
    Ci addormentammo insieme esausti dopo una notte di passione folle.....
    il mattino dopo........

    a domani il continuo.... commentate in tanti. Baci.

  9. #19
    Supporter


    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    147

    Predefinito Re: You'll be always part of me

    Forza con i commenti! dai che oggi posto ancora.

  10. #20
    Supporter


    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    147

    Predefinito Re: You'll be always part of me

    Ciao a tutte care lettrici! eccomi qui per postare un altro capitoletto.

    cap 13 beautiful lie

    La mattina seguente, erano le sette ed in teoria dovevo svegliarmi, peccato che stavo dormendo come un ghiro avvinghiata a Ste. Pedro si stava muovendo pericolosamente verso la mia camera. Arrivato davanti...
    P: ma che cazz.... ma c'è la porta chiusa... non dirmi che Steeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee! adesso vado a prendere la chiave di scorta e li ammazzo tutti e due.
    Omar: ma cos'è tutto stò casino alle sette di mattina? ma ti calmi?
    P: Chiara ha chiuso la porta a chiave, è sicuramente in camera con Ste e stanotte hanno fatto.
    Omar: ma lasciala stare, sù dai, anche tu hai accettato la loro storia.
    P: si hai ragione, meno male che mamma e papà sono a lavoro, altrimenti eravamo nella ****a, anche perchè loro non sanno niente della loro storia.
    Omar: Glielo dirà poi, cerca di capirla. é sempre stata innamorata di Ste e ora è giusto che si goda il momento. Taci che tu alla sua età e anche prima ne combinavi di tutti i colori, per non parlare del casino che combinavi quando te le portavi a letto. Lei è stata un angelo in confronto a te.
    P: si si hai ragione.
    Omar: stamattina la lasci a casa da scuola, per una volta nn succede niente cavoli, non fa mai assenze.
    P: lo sò è molto brava
    Omar: ora prendo la chiave a apriamo con calma, e non azzardarti a fare delle scenate
    P: va bene
    aprirono la porta e mi trovarono abbracciata a Ste mentre dormivamo
    P: ma c'è la battaglia in questa camera, vestiti sparsi ovunque
    Omar: lasciali stare, hanno passato la notte come due innamorati
    P: oddio, i preservativi
    Omar: ***** c'è la scatola sul comò.
    P: meno male
    Omar: guarda che Ste è responsabile sotto questo punto di vista, andiamo *****.
    Uscirono dalla stanza e per le nove mi svegliai. Ste dormiva ancora beato, com'era bello e dolce, sembrava un cucciolotto.
    Io: amore svegliati sono le nove di mattina
    S: mmmmmmm che sonno. Ciao cucciolotta, hai dormito bene?
    io: si, te?
    S: una favola, vieni qui a farti spupazzare un pò
    lo raggiunsi sotto le coperte mentre ci baciavamo con passione.
    IO: andiamo a fare colazione và
    S: caspita mi sono dimenticato di mettermi i boxer ieri sera prima di dormire
    io: ahhahahahaha!
    Andai in bagno poi uscì per vestirmi
    Ma Ste mi tirò via i vestiti di mano, e dai rimani in intimo sei così sexy
    Io: ok, scemo
    S: guarda rimango anche io in Boxer
    Scendemmo le scale con Ste che mi stava avvinghiato abbracciandomi da dietro e mettendomi le mani sul seno.
    io: ma la smetti
    S: eddai non è colpa mia se mi ecciti con poco
    Io:
    IO: cazzzz.......
    c'era Pedro che ci stava guardando
    P: Buongiorno ragazzi, dormito bene?
    iO: ehmm si
    S: ehylà
    P: sei pregato di togliere le mani dal seno di mia sorella in mia presenza
    S: infatti le ho tolte
    P: Ste, ascolta, io mi fido di te perchè ti conosco da una vita ma comportati bene perchè ti tengo d'occhio. Ora vado a prendere Eli la devo accompagnare a fare un pò di shopping. E voi due fate i bravi e basta cose oscene che avete già fatto abbastanza stanotte.
    Uscì di casa lasciandoci soli
    S: bè non è andata male.
    io: già io vado a fare colazione.
    Passammo tutta la mattinata a scherzare tra baci e carezze varie.
    S: ora devo andare, devo aiutare mio padre, ci sentiamo piccola
    io: ok
    *bacio*
    Se ne andò chiudendo la porta, decisi allora di mettermi sui libri e di studiare un pò per l'interrogazione di Sabato. Era strano però Ste era scappato troppo in fretta. Mi stava nascondendo qualcosa.

Pagina 2 di 7 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •