Vai a Team World Shop
Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 234
Risultati da 31 a 32 di 32
  1. #31
    Supporter


    Data Registrazione
    Aug 2008
    Messaggi
    142
    Inserzioni Blog
    56

    Predefinito Re: *Ti prego, salvami da questa trappola;

    Credo che mi dovrei solo nascondere per tutto il tempo in cui non mi sono fatta sentire. Vi giuro che non mi veniva nulla per questa fan fiction. E' un totale disastro perchè purtroppo mi sono immersa un casino totale senza rendermene contro. Secondo me è colpa dei personaggi che si sono ribellati; fanno tutto come vogliono loro ormai!
    E anche in questo capitolo è tutto molto "non voluto", nel senso che i personaggi hanno deciso autonomamente cosa fare. Vi giuro che tra poco mi sfuggiranno di mano; si stanno ribellando XD
    Okay, a parte le cazzate eccovi il capitolo. Non vi sconvolgete troppo eh!
    Buona lettura.
    Alis


    CAPITOLO TRENTUO.

    La mia solita routine va avanti. Un altro mese è passato e le cose sono rimaste le stesse. Niente Alice, niente passatempi...niente di niente. Riesco a sentire la mancanza di Alice fin dentro le vene, è come una persecuzione. Le telefonate lunghe ore di notte o le email lunghe chilometri tutti i giorni non mi bastano; non riempiono in vuoto che ho dentro. Solo il lavoro ha il potere di tenermi occupato per qualche ora. Forse è per questo che passo intere serate in studio a strimpellare la chitarra. Sono sempre lì, a passare il tempo a fare nulla. Sono sempre lì a parte quando Alessia mi costringe ad accompagnarla a fare shopping. Ormai è diventata un'abitudine ed ogni settimana mi tocca scarrozzarla in ogni negozio del certo di Milano. La cosa non mi pesa più di tanto anche perchè almeno mi tengo occupato in qualche modo. Alessia continua a sostenere che presto o tardi diventerò un vegetale con la chitarra attaccata addosso. Non ha tutti i torti in effetti! Questa mattina è una di quelle giornate dove mi tocca fare l'autista - appunto! Mi preparo in fretta e furia e corro a casa di Alessia. Non mi conviene fare ritardo altrimenti posso considerarmi morto!
    <<Ben arrivato. Sei in ritardo di tre minuti!>> dice Alessia appena varco la porta di casa sua.
    <<Ehy, sono solo tre minuti. Non vorrai incaz*arti per questo!?>> dico baciandole la guancia.
    <<Stavolta passi. Dai, vieni che ti faccio un caffè!>> m'invita, dandomi anche lei un bacio.
    Entro in casa e mi accomodo in una sedia della cucina. La guarda per un pò e sorrido. Il profilo della pancia inizia un pò a vedersi. Non potrà più nasconderlo per molto ormai!
    <<La pancia inizia a vedersi. Possibile che Pedro non si sia accorto di nulla?>> chiedo accarezzandole il ventre appena mi si avvicina.
    <<Invece mi sono accorto di tutto!>>
    Entrambi ci voltiamo verso la porta e restiamo pietrificati a guardare Pedro che varca la soglia della cucina ridendo sarcastico. <<Mi sono accorto che ve la state spassando alle mie spalle. Mi sono accorto che Alessia vomita continuamente e che la sua pancia lievita di giorno in giorno. Avete deciso di fare i genitori, i miei complimenti. E io che ti consideravo mio amico!>> dice Pedro avvicinandosi a me con fare minaccioso.
    Guardo Alessia che abbassa il viso probabilmente sentendosi colpevole per quell'enorme malinteso.
    <<Pedro, non è come pensi tu...>> cerco di spiegargli la situazione.
    Lui però m'interrompe, troppo incaz*ato per stare a sentire come stanno davvero le cose. <<Non m'interessa sentire le tue caz*ate Ka. Tu hai messo incinta la mia ragazza. Io ti credevo mio amico. Invece, dato che la tua ragazza è lontano, ti sei divertito con la mia!>>
    Scuoto il capo, ma non faccio in tempo a dire niente che mi arriva un pugno dritto nel naso. Cado in terra con il naso sanguinante mentre Pedro mi guarda quasi con aria soddisfatta.
    <<Dovresti vergognarti di fare questo ad Alice. Credo che lei debba saperlo!>>
    Estrae il telefono dalla tasca dei jeans e velocemente scorre la rubrica probabilmente cercando il numero di Alice. Alessia si avvicina e Pedro cercando di fermarlo, ma lui con uno strattone la fa cadere per terra. La situazione sta decisamente degenerando!
    <<Pedro, smettila. Ti pentirai di questo comportamento quando saprai la verità!>> dico pulendomi dal sangue che ho anche nella mano.
    <<No, credo che non mi pentirò per niente. Vediamo cosa ne pensa Alice di tutta questa situazione adesso!>>
    Mi porge il telefono dove dall'altra parte c'è Alice che continua a ripetere "Pronto!" senza ricevere risposte. <<Tesoro, Pedro ha solamente sbagliato numero. Ti richiamo stasera!>>
    Faccio per riattaccare, ma Pedro mi straccia il telefono dalle mani e prende la parola. <<Alice, ciao. Ti ho chiamato per darti una bella notizia: Alessia è incinta e il padre è Carmine!>> appena finisce di parlare mette giù il telefono, sorridendo soddisfatto. <<Avrai una bella gatta da pelare adesso. Devi solo vergognarti per quello che hai fatto. E adesso fuori da casa mia. Tutti e due!>> dice poi guardando prima me e poi Alessia.
    <<Ale, per favore digli qualcosa!>> cerco di spronarla, ma lei è divorata ormai dalle lacrime. <<Quando saprai come stanno davvero le cose ti pentirai di tutto questo. Andiamo Ale!>>
    Aiuto Alessia ad alzarsi e senza dire niente usciamo di casa. Appena varchiamo la soglia Alessia si lascia andare e si mette a piangere sulla mia spalla. <<Scusami, io non volevo che succedesse tutto questo! Alice non doveva c'entrare nulla. Ti prego perdonami!>> cerca di dire tra i singhiozzi.
    <<Ehy, non è colpa tua. Vedrai che risolveremo tutto. Adesso chiamo Alice e vedrai che capirà la situazione!>> dico sorridendole dolcemente e le accarezzandole la guancia. <<Fammi un bel sorriso adesso!>>
    Accenna un sorriso finto e poi mi da un bacio nella guancia. <<Grazie per tutto quello che stai facendo per me. Sei davvero un amico!>>
    <<Grazie, ma lo faccio con piacere! Ora andiamo a casa dai!>>
    Saliamo in macchina e in poco tempo siamo già arrivati a casa.
    <<Ecco quella che sarà casa tua finchè le cose non si sistemeranno!>> dico facendola entrare nel mio appartamento.
    <<Sei sicuro che non disturbo?>> mi chiede abbassando il viso.
    <<Nah, Angelica sarà contenta di averti qui!>>
    Mi sorride grata e poi mi abbraccia.
    <<Alessia, come mai qui?>> chiede Angelica scendendo le scale.
    Decido di lasciare Alessia nelle mani di Angelica mentre io decido dai andare a chiamare Alice. Devo spiegarle come stanno davvero le cose altrimenti potrebbe davvero credere a tutte le bugie che le ha detto Pedro.


    http://forum.teamworld.it/forum1743/...alvami-da.html

  2. #32
    Supporter


    Data Registrazione
    Aug 2008
    Messaggi
    142
    Inserzioni Blog
    56

    Predefinito Re: *Ti prego, salvami da questa trappola;

    Avete ragione, stavolta sono davvero da odiare. Il problema sostanzialmente è che non ho mai ne tempo ne voglia di scrivere. In più metteteci il fatto che mi sto dedicando a scrivere altro e ho mollato un pò questa fan fiction perchè - come sapete - non so proprio come andare avanti.
    L'altro giorno però a scuola - sì, nelle ore noiose XD - mi sono messa a scrivere e per miracolo è venuto fuori un capitolo. Non è il massimo, lo so, ma è meglio di niente no?
    Non ho idea di quando tornerò a postare, però voi state sintonizzate. Prima o poi ricompaio!


    CAPITOLO TRENTADUE.

    Sono due settimane che non sento Alice. Da quando Pedro le ha fatto quella telefonata lei non ha più risposto a me, nè al cellulare nè alle email. Sembra come se avesse creduto alle cazzate che Pedro le ha raccontato. La cosa un pò inizia a spaventarmi: se lei davvero ci avesse creduto significherebbe che pensa che io l'abbia tradita e ovviamente le cose non stanno così. Nonostante la nostra convivenza, ormai giunta a due settimane, tra me e Alessia non è mai successo nulla; nemmeno un bacio.
    <<Ancora preoccupato per Alice?>> chiede all'improvviso Alessia sedendosi vicino a me nel divano.
    <<Un pò, ma spero vada tutto bene!>> rispondo sospirando.
    Non sentire Alice per tutto questo tempo mi ha fatto pensare a quanto la distanza ci stia distruggendo. Non siamo più un "noi" - se mai lo siamo stati! - ormai siamo solo Alice e Carmine; lei e io. Lei a Cagliari e io a Milano. Sapevo fin dall'inizio che questa storia non sarebbe potuta andare avanti!
    <<Non pensare di aver sbagliato. Tu e Alice siete stati coraggiosi a provarci. E poi non è ancora finita no?>>
    Mi volto verso Alessia e la guardo scioccato: non è una strega che mi legge nella mente, è solo la mia migliore amica che mi capisce con un solo sguardo.
    <<Devi smetterla di leggermi nel pensiero!>> dico ridendo mentre l'abbraccio.
    Anche lei ride e poi mi da un bacio nella guancia. <<Io credo in voi!>> afferma convinta.
    <<Grazie!>> dico accarezzandole la pancia. <<E io credo in te e in questa piccola creatura. Credo nella vostra immensa forza. Ce la farete, lo so!>> continuo poi tenendola tra le braccia.
    All'improvviso suonano alla porta. Angelica si reca ad aprire, passandoci davanti. <<Tranquilli voi, non andate ad aprire!>> dice con tono sarcastico.
    Mi alzo dal divano sorridendo e la raggiungo alla porta. Appena la apre sento il mio cuore accelerare. Alice è lì davanti che appena mi vede sospira.
    <<Ali, tesoro, sei qui!>> affermo incredulo andando ad abbracciarla.
    <<Sì, ciao!>> dice con tono freddo.
    <<Vieni, ti accompagno in camera!>>
    Prendo la sua valigia e la faccio accomodare in casa.
    <<Alice, non ci posso credere!>> dice Alessia correndo ad abbracciarla.
    Appena la vede Alice si infastidisce ancora di più di quanto già non fosse. Quando Alessia si avvicina per abbracciarla lei indietreggia di qualche passo e le fissa la pancia, già abbastanza grande.
    <<Carmine, possiamo parlare?>> chiede senza levare lo sguardo dalla pancia di Alessia.
    <<Sì, certo!>> rispondo sospirando.
    Sono sicuro che parlare con lei con calma sarà molto difficile. Le parole di Pedro le staranno sicuramente frullando ancora per la testa. Salgo le scale in silenzio seguito da Alice, fino ad arrivare alla mia stanza. Entriamo, chiudo a chiave la porta e poi mi siedo nel letto prendendo Alice per mano.
    <<Non immagini nemmeno quanto mi sei mancata!>> dico incoraggiandola a sedersi nelle mia gambe.
    Lei fugge dalla mia presa e si allontana quanto basta per non farsi raggiungere da me, che sono ancora seduto nel letto.
    <<Pedro mi ha detto la verità quindi; tu e Alessia state insieme!>> dice dandomi le spalle.
    <<No, Ali, no. Pedro non ha capito niente...>>
    Non mi fa finire di parlare che m'interrompe girandosi verso di me con le lacrime agli occhi. <<Io sì che ho capito. Tu ti sei preso gioco di me, mi hai usato quando eri in vacanza e poi mi hai illuso che potevamo stare nonostante i chilometri! Sei un bugiardo e un maledetto bastando!>> cerca di dire tra i singhiozzi.
    <<Alis, ascoltami!>> quasi la supplico prendendola per il polso.
    Lei scappa dalla presa e scuote la testa. <<No, non voglio ascoltarti!>>
    Sbuffo irritato e reprimo la voglia di urlare. Non ha nessun diritto di venire a casa mia e accusarmi di qualcosa che non ho fatto.
    <<Adesso che tu voglia o no mi ascolti!>> affermo facendola girare verso di me. <<Sì, Alessia è incinta e sì, sta abitando qui, ma le cose non stanno come credi tu. Alessia mi ha chiesto di aiutarla perchè ha paura di dire la verità a Pedro. Il figlio è di Pedro, non mio come credi tu!>> continuo con tono pacato guardandola negli occhi.
    <<Mi...mi stai dicendo la verità?>> chiede a voce bassa mentre si asciuga qualche lacrima.
    <<Sì. Non ti sto mentendo, ma sta a te decidere se credermi o no. Vedo che in me non hai tanta fiducia!>>
    La lascio sola nella stanza mentre io torno di sotto e mi siedo nel divano.
    Il fatto che per verificare la situazione sia addirittura venuta fino a Milano mi fa capire che di me non si fida; forse non si è mai fidata. Probabilmente i chilometri, stavolta, hanno vinto su quello che c'era tra noi. Siamo stati degli stupidi a credere ad un amore a distanza, a quanto pare.



    http://forum.teamworld.it/forum1743/...alvami-da.html

Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 234

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •