Vai a Team World Shop
Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 39
  1. #1
    Roadie


    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    738
    Inserzioni Blog
    35

    Predefinito ♥ ~♪ Ma Non Svaniranno Mai, Resteranno Sempre Tuoi, SOLTANTO TUOI..</3

    Salve raga!!
    questa è la mia prima FF!! spero vi piaccia anke se non sono molto brava visto che sono alle prime armi (: spero di non farla troppo corta..
    Finalmente sono riuscita a scriverne una trovando un tema carino spero di finirla e di non xdere mai l'ispirazione

    ECCOLA QUI:

    Capitolo 1

    Era una domenica mattinata come tutte le altre, era il 22 novembre del 2009, ma quella domenica non l’avrei mai più scordata, per tutta la mia vita mi avrebbe inseguito il suo ricordo, ne ero certa, ma io ancora non lo potevo sapere.
    Faceva freddo non avevo proprio voglia di alzarmi dal letto, si stava troppo bene sotto le calde coperte.
    Fortunatamente era domenica così non mi sarei dovuta alzare presto per andare a scuola, avevo tutto il tempo che volevo, accesi lo stereo che era sul comodino e la dolcissima “Ad Occhi Chiusi” partì cullandomi tra le sue dolcissime note.
    Ascoltai tutto il CD e poi mi preparai.
    Scesi le scale, da basso mia mamma stava già preparando il pranzo, la mia colazione era pronta sul tavolo ad aspettarmi, come ogni mattina.
    Io e mia mamma abbiamo sempre avuto un buon rapporto, non avevo problemi a confidarmi con lei, appena mi sedetti la salutai e partii all’attacco, avevo un unico obiettivo: convincerla a portarmi al prossimo concerto dei Finley!
    “Mamma, allora, ci hai pensato?”
    “Di cosa stai parlando?”
    “Come di cosa sto parlando??Del concerto!”
    “Ne abbiamo già parlato, se ti impegnerai di più a scuola ti ci porterò”
    “Ok, però come ti ho già spiegato i biglietti finiranno in un batter d’occhio, il concerto è tra 2 settimane….Poi in questo periodo non abbiamo molte interrogazioni a scuola, non saprei come portare a casa dei risutati in così poco tempo!”
    Mia mamma sbuffò e aggiunse “Tu impegnati e poi si vedrà, ora per favore accendi la televisione così guardiamo il telegiornale”
    A casa mia era diventata un’abitudine quella di guardare il telegiornale ogni giorno anche più volte: il mattino, a pranzo e poi anche alla sera. Io invece ho sempre odiato il telegiornale, fin da quando ero piccola non l’ho mai sopportato, danno solo le peggiori notizie ingigantendo al massimo l’accaduto per tenere incollati allo schermo i telespettatori.
    Presi quel maledetto telecomando e accesi la televisione su Canale5, quello forse fu il più grande errore che potessi fare in tutta la mia vita, quella mattina non mi sarei dovuta svegliare, sarei dovuta rimanere in camera, ascoltare tutti i CD dei Finley all’infinito e non uscire mai più dalla mia cameretta, chiudermi tra quella quattro mura ed isolarmi dal mondo esteno per non avere più notizie sulla notizia che stavano passando al telegiornale.
    Appena il breve servizio finì il telecomando mi scivolò cadendo sul pavimento rompendosi, proprio come si era spezzato il mio cuore vedendo quelle immagini e sentendo quelle parole.
    Sprofondai in un abisso interminabile, tutto era nero attorno a me, le lacrime che scendevano dai miei occhi mi impedivano di respirare e di ragionare, mi accasciai sul pavimento e capii che non avevo più una ragione di vita, non avevo più un motivo per vivere e per respirare.



    Ecco qui il primo capitolo!!^^

    Per i commenti CLICK HERE mi raccomado, commentate!!

    Ciao baci

    Marty
    Ultima modifica di fibixfinleyna; 19-12-2009 alle 22:35

  2. #2
    Roadie


    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    738
    Inserzioni Blog
    35

    Predefinito Riferimento: ♥ ~♪ Ma Non Svaniranno Mai, Resteranno Sempre Tuoi, SOLTANTO TUOI..</3

    Ecco a voi il secondo capitolo
    vi avverto già che è tristissimo xò più avanti le cose cambieranno..non preoccupatevi!!! per ora non posso svelarvi altro

    BUONA LETTURA!!


    Capitolo 2


    Non capivo più niente. Non volevo capire..
    Era terribile.. Ora cosa avrei fatto? Non potevo andare avanti..
    Come avrei fatto senza la mia ragione di vita?
    Come avrei vissuto senza LORO?
    Loro.. Gli unici che mi facevano volare con la loro musica..
    Loro che grazie alla loro musica mi avevano fatto ridere, piangere, emozionare, saltare, ballare, sorridere..VIVERE..
    Ora non potevo più vivere…potevo solo tornare ad esistere, proprio come prima, prima che li incontrassi, che comprassi i loro Cd e che mi innamorassi della loro Musica..
    Ora sarei tornata ad esistere come fanno le piante...o i sassi..esistono ma non vivono davvero..il fatto è che nessuno mai pensa che vivano davvero..che soffrano o che siano felici perché nessuno è in grado di capirli, sono soli, unici al mondo e non fanno niente per far parte di qualcosa perché non vogliono.
    Io ora sarei diventata questo e anchio non avrei voluto più fare parte di qualcosa, ora non aveva più senso.
    Più ricordavo le magiche notti dei loro concerti, le loro melodiose canzoni, i loro volti, i loro sorrisi, le loro espressioni, le loro voci e più soffrivo, ad ogni ricordo un pezzo del mio cuore li seguiva, staccandosi mi impediva di respirare. Prima o poi credevo che sarei rimasta senza il mio cuore e che poi non sarei stata più in grado di provare qualsiasi emozione.
    Emozione: l’unica cosa che solo loro sapevano darmi.
    Le immagini di quell’incidente accaduto quella notte, il loro pulmino fracassato sul ciglio di un burrone mi tornarono in mente: terribili e fortissime come un uragano, come un terremoto, un’apocalisse che spazza via tutto quello che attraversa. Questa tempesta aveva attraversato il mio cuore spezzandolo. Non aveva retto. Non aveva più una ragione per combattere.
    Mia mamma mi abbracciava ma io non me ne accorgevo nemmeno. Non volevo più sentire niente, ora nulla aveva più senso.
    Mi rifugiai nel mio piccolo mondo, la mia camera, appena entrai avvertii un’altra forte ondata di dolore, quasi peggiore delle precedenti: i poster appesi alle pareti mi guardavano sorridendo felici.
    Non potevo vederli ancora, avrei sofferto troppo per troppo tempo.
    Continuando a piangere staccai i loro poster dalle pareti, cercai tutti gli oggetti che mi ricordavano loro e li misi in uno scatolone, uno scatolone che non avrei mai più riaperto fino a quando non sarei stata pronta, forse sarebbero passati mesi, forse anni, forse non l’avrei aperta mai più.
    L’unico modo per non morire era dimenticare. Dimenticarmi di loro e della loro esistenza, come non ci fossero mai stati, come non fossero mai nati, ora non desideravo altro.
    Sapevo che così non avrei più vissuto, ma almeno avrei potuto continuare ad esistere senza morire.

    che ve ne pare??commenti please!!(:

    baci

    Marty

    Commenti QUI
    Ultima modifica di fibixfinleyna; 19-12-2009 alle 22:35

  3. #3
    Roadie


    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    738
    Inserzioni Blog
    35

    Predefinito Riferimento: ♥ ~♪ Ma Non Svaniranno Mai, Resteranno Sempre Tuoi, SOLTANTO TUOI..</3

    rieccomi qui ^^
    ora posterò il terzo capitolo..sto cercando di scrivere il + possibile x rendere la storia un pò più lunga e tenervi in suspane..
    Spero piaccia..

    Buona lettura!


    Capitolo 3



    Quello che rimaneva di quella tremenda giornata sembrava non passare mai. Mi ero rifugiata sotto le coperte continuando a piangere senza sosta, ero certa che non mi sarei mai più ripresa perché non lo desideravo nemmeno.
    Desideravo solo isolarmi da tutto.
    Mia mamma continuava ad insistere che io mangiassi qualcosa, ma io non avevo fame.
    Mi parlava e io non rispondevo nemmeno, la guardavo con un’espressione vuota, a volte mi faceva pena, avrei voluto risponderle, ma non ne avevo la forza.
    Continuava ad entrare con qualcosa di diverso da manguare che secondo lei poteva invogliarmi, un po’ come fanno le mamma con i loro bimbi piccoli quando non c’è verso di farli mangiare niente e si preoccupano per la loro salute.
    Leggevo negli occhi di mia mamma il terrore quando mi guardava.
    Ero certa che pensasse che sarei potuta andare fuori di testa, magari che avrei perso l’uso della parola o che prima o poi mi sarei buttata dalla finestra. Sembrava che ogni volta che entrasse venisse per controllare se fossi ancora viva.
    Io non ero più viva, ma lei questo non lo poteva ancora capire, a lei bastava vedermi respirare perché per la sua visione del mondo quello significava vivere.
    Le bastava avermi lì per ora.
    Probabilmente sperava in una mia futura ripresa, forse non si rendeva conto di quello che provavo veramente, forse credeva che era solo una fase di sfogo, come fanno le ragazzine quando il fidanzato le lascia.
    Ma lei non poteva nemmeno lontanamente immaginare cosa fossero loro per me, loro erano più di una droga per me, praticamente li amavo, ma non li amavo singolarmente, amavo Pedro, Ka, Ste e Dani quando erano uniti, quando erano i Finley e suonavano o componevano musica o qualsiasi cosa facessero insieme e così erano una cosa sola.
    Io non potevo vivere senza di loro.
    Quando calò la sera feci di tutto per non pensare a loro, desideravo solo dormire, dormendo non avrei provato più nulla e anche se avrei sognato sapevo che poi al mio risveglio l’avrei dimenticato.
    Quanto desideravo poter dormire fino a quando non li avrei dimenticati e svegliarmi libera da ogni pensiero.
    Era arrivata a sperare di dimenticarmi di loro, era l’ultima cosa che desideravo fino al giorno prima.
    Sentivo di essere ero troppo debole per riuscirci, il loro pensiero popolava ogni angolo della mia mente torturandomi continuamente.
    Chiusi gli occhi e cominciai a lottare.

    Commenti QUI

    Fatemi sapere ^^
    commentate

    baci

    Marty
    Ultima modifica di fibixfinleyna; 19-12-2009 alle 22:36

  4. #4
    Roadie


    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    738
    Inserzioni Blog
    35

    Predefinito Riferimento: ♥ ~♪ Ma Non Svaniranno Mai, Resteranno Sempre Tuoi, SOLTANTO TUOI..</3

    Salve raga ^^ rieccomi con il quarto capitolo
    Non aspettatevi una ripresa per ora, perchè non ci sarà, arriverà con il tempo

    Spero piaccia ^^

    Buona lettura


    Capitolo 4



    Non mi addormentai subito, mi ci volle qualche ora, prima decisi di pregare.
    Io non pregavo mai, pregavo solo quando non sapevo più cos’altro fare e in quel momento mi sentivo in colpa per non pregare abitualmente.
    Succedeva sempre così, Dio era l’ultima spiaggia, mi rifugiavo in lui quando non sapevo più dove andare a parare e quando nessun altro poteva aiutarmi.
    In quel momento in effetti nessun’altro poteva darmi una mano.
    Se qualcuno mi chiedeva se credevo in Dio io rispondevo che non lo sapevo e che non m’importava, che ero troppo giovane per perdere tempo a pensare se Dio esiste, avevo una vita intera davanti per pensarci.
    Il fatto è che quando si sta bene non si pensa mai alla sofferenza e a chi soffre, non ci passa nemmeno per la testa, pensiamo solo a noi stessi. Poi, quando si sta male non si desidera altro che stare bene, guarire e smettere di soffrire.
    Quella notte pregai per loro e pregai per me, pregai per non farmi soffocare dal loro ricordo, pregai per alleviare il mio dolore e per cancellarli per sempre.
    La mattina dopo mi svegliai con una sensazione stranissima, il dolore se n’era andato, mi sentivo come anestetizzata, era sepolto in me, mi sembrava di vivere tra la nebbia, era come che non potessi più provare niente, avvertivo solo il vuoto attorno a me.
    Le lacrime si erano fermate, ma sentivo che il nodo nel mio cuore non si era sciolto, qualsiasi minimo pensiero a loro e sarei scoppiata di nuovo, ma dovevo resistere.
    Mi venne fame ed uscii dalla camera, era presto, le 7 e mezza, naturalmente davo per scontato il fatto che non sarei andata a scuola.
    In cucina mia mamma preparava la mia colazione come fosse una mattina normale, come tutte le altre in cui dovevo andare a scuola.
    Appena mi vide spalancò la bocca e mi disse “tesoro, cos’hai?? Stai male??”.
    Spalancai la bocca anchio e tirai fuori la voce: “Ma cosa pensavi?? Che per me fosse facile?? Come fai a non capire?? Nessuno mi capisce!! Ma andate tutti a ca**re!”
    Scoppiai di nuovo a piangere e tornai in camera.
    Mia mamma mi seguì all’istante entrando prima che potessi chiudermi dentro a chiave.
    Era furiosa e cominciò ad urlare anche lei: !Ma cosa ti ho fatto?? Come osi parlami così?? Cosa ti succede?? Come mai sei ridotta così?? Ormai non parli più con me!! Poi sarei io quella che non ti capisce?? Tu mi stai abbandonnando!!”
    “O mio Dio” – pensai – questa è pazza!!! O Maria ma cosa ho fatto per avere una madre id**ta come lei??”.
    Ormai singhiozzavo troppo forte per poterle rispondere, i miei tentativi di resistere erano andati a farsi benedire.
    Lei si addolcì vedendomi piangere così, continuava a fare finta e questo mi irritava da morire, al masimo ero io quella che poteva fare finta!
    Si avvicinò e mi abbracciò chiedendomi sottovoce: “Centra per caso un ragazzo?”
    La allontanai subito e gridai più che potevo.
    “Perché fai così?? Perché fai finta di niente?? Credi che così potrei stare meglio?? Tu sei pazza!! Esci subito da qui!! Non ti voglio mai più vedere!!”.
    Lei si allontanò tristemente, ma non provai pena per lei, provavo solo rabbia mescolata ad un dolore fortissimo causato dal loro ricordo che tornava, era così forte che superava quello del giorno precedente.
    Era in quei momenti che avrei avuto bisogno di Loro e della loro musica.
    Me ne fregai delle conseguenze e della mia scelta di dimenticarli, l’avrei rimandato, sapevo che quello che stavo per fare mi avrebbe causato delle conseguenze, ma comincia a cantare a squarcia gola “Ad Occhi Chiusi” tra le lacrime, decisi non fermarmi mai perché sapevo che quando mi sarei fermata sarei rimasta soffocata dal testo di quella canzone.

    “Ricorderò ad occhi chiusi quei momenti che..

    ricorderò come se fosse solo un ora fa..

    e lascerò che i miei pensieri ti tormentino..

    saranno lì per farti compagnia se vorrai,

    se vorrai,….”


    Eccola qui...
    Spero piaccia..
    Commenti QUI

    baci

    Marty (:
    Ultima modifica di fibixfinleyna; 19-12-2009 alle 22:36

  5. #5
    Roadie


    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    738
    Inserzioni Blog
    35

    Predefinito Riferimento: ♥ ~♪ Ma Non Svaniranno Mai, Resteranno Sempre Tuoi, SOLTANTO TUOI..</3

    Ecco voi il quinto capitolo (:
    Enjoy it

    Buona lettura

    Capitolo 5



    Avrei voluto continuare per sempre, ma decisi di tornare di là da mia mamma per chiederle scusa e per farla ragionare.
    Appena smisi di cantare cominciai a pensare a quelle parole.. Potevano avere decine di significati.
    In ogni momento potevi scegliere quello che faceva per te. Potevi vederla iin modo felice, oppure triste.
    Era così per molte altre canzoni, di solito loro mi tiravano sempre su di morale, ma da quando non c’erano più era tutto diverso, ma anche se non era più come prima sentivo ugualmente il bisogno di averli accanto a me nei momenti difficili.
    Ma cosa fare quando coloro che sono gli unici che potrebbero aiutarti sono la “causa” della tua sofferenza?
    Ci sono due alternative, o decide di vedere tutto nero, oppure lotti e decidi di cominciare a cancellare l’oscurità intorno a te.
    Sentivo di non essere molto forte, ma decisi di scegliere la seconda opzione e decisi di aprire la loro scatola, era lì sul pavimento, ferma dove l’avevo lasciata, volevo ascoltare i loro Cd, riattacare i loro poster e guardare le loro foto, decisi che non potevo sempre scappare. Era sbagliato, bisogna lottare per ottenere ciò che si desidera e io desideravo averli accanto..PER SEMPRE.
    Sembrava l’unica scelta giusta che avessi fatto fin ora, ma non si rivelò così.
    Aprii la scatola e rimasi a bocca aperta.
    Era completamente vuota!
    Dov’erano tutte le mie cose?? Che fine avevano fatto??
    Mi sedetti per terra con la testa fra le mani, sapevo dov’erano, mia mamma le aveva prese, chi altro poteva essere stato??
    Nervosissima tornai in cucina e le chiesi subito: “Dove hai messo le mie cose??”
    Lei era seduta sul divano, mi guardò con stupore e disse “Quali cose??”
    Non avevo più energie per arrabbiarmi, ora potevo solo supplicarla.
    “Mamma ti prego, smettila di fare finta! Non ha più senso, io non voglio dimenticarli, devo riuscire a convivere con il loro ricordo e così tu non mi stai aiutando!”
    Scoppiai di nuovo a piangere.
    Lei mi abbracciò forte e mi chiese: “Tesoro, cos’hai? Cosa ti succede? Ti giuro che non capisco di chi tu stia parlando..”
    Mi alterai di nuovo:
    “Sto parlando di loro mamma! Sto parlando dei Finley, sto parlando delle loro cose che tu hai fatto sparire! Dove hai messo quello che c’era nela scatola??”
    “Quale scatola? E chi sono i Finley??”
    A questo punto pensai che mia mamma fosse andata fuori di testa, mi arresi e tornai in camera.
    Continuai a cercare il contenuto della scatola in tutta la stanza, ma continuavo a non trovare niente.
    Mia mamma dopo pochi minuti entrò in camera e mi disse :”Allora non mi vuoi spiegare?”
    “La scatola è quella!” sbottai indicando la scatola vuota sul pavimento.
    Lei la gusrdò e rispose “Io quella scatola non l’ho mai vista.. Ora voglio parlare con te.. Di chi stavi parlando prima?”
    A questo punto capii che mia mamma non stava facendo apposta, lei gli aveva dimenticati.
    Trattenni i singhiozzi e le dissi “Di nessuno.. Lascia perdere.”
    Lei uscì dalla camera e così scoppiai a piangere, non capivo come avesse fatto.
    Mi calmai un po’ e mi connettei ad internet: www.finley.it, avevo bisogno di chiarimenti.
    Schiacciai invio e…..

    “Spiacenti! Questo link non sembra essere funzionante.”
    Provai a connettermi a Temworld, ma i Finley non erano tra gli artisti, cercai su google “Finley”, ma niente..Comparivano link correlati solo al famoso cestista.
    In quel momento capii di essere veramente sola al mondo, capii che io ero l’unica che sapeva della loro esistenza, capii che ora ero veramente l’unica a soffrire per loro e l’unica a poter ricordare le loro canzoni.
    Non riuscivo a capire se fosse una cosa positiva o meno.
    Venni colta dal panico e ricomincia a soffrire più che mai.
    Dovevo fare qualcosa, il mondo doveva sapere di loro, e io dovevo capire se ero realmente l’unica.


    Ok raga
    che ve ne pare?

    Commenti QUI

    baci
    Marty
    Ultima modifica di fibixfinleyna; 19-12-2009 alle 22:36

  6. #6
    Roadie


    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    738
    Inserzioni Blog
    35

    Predefinito Riferimento: ♥ ~♪ Ma Non Svaniranno Mai, Resteranno Sempre Tuoi, SOLTANTO TUOI..</3

    Ed eccomi con il sesto cappy xD
    pensavate fossi sparita, eh??xD
    Eccolo qui!
    Buona lettura


    Capitolo 6



    Non sapevo più che cosa fare.. Mi misi a cantare le loro canzoni per vedere se le sapevo ancora, le parole mi uscivano senza alcun problema, non volevo essere io la prossima a dimenticarli, ora non lo desideravo più, ora volevo capire dove fossero finiti.
    Tornai di là, mia mamma mi guardò stupita chiedendomi: “tesoro, che c’è? Sei sconvolta..ma perché non mi spieghi che c’è?”
    “Mamma senti.. Ho bisogno che mi fai un favore, ora io ti canterò una canzone, tu mi devi dire se la conosci oppure no..”
    “Ok, Ma cosa centra?”
    “Niente.. E’ solo così.. Vorrei sapere il titolo ma non so di chi è..”
    “Ok..”
    Decisi di cantare Domani, mia mamma sapeva che era la mia preferita, guardavo sempre il video nel DVD fino ad esasperarla, non poteva averla dimenticata.
    “tattatarattàttara…tattàtarattatàra..tattàttaratta ttàra..Quante volte ancora troppe volte ti dovrai svegliare, leggere i saluti che ti scrivo prima di partire, quanti quei momenti in cui hai bisogno della mia presenza..”
    Il mio tono non era molto allegro, ma la canzone si intuiva alla perfezione, lei continuava a guardarmi concentrata, si sforzava di ricordare se l’avesse sentita oppure no, capii subito che non la ricordava più, per lei non era mai esistita.
    “Allora mamma, la conosci?”
    “No… Non mi pare proprio.. Ora mi puoi spiegare che succede?”
    “Sei proprio sicura?”
    “Si!”
    “Ok grazie, non importa..”
    Mi incamminai verso la mia camera ma lei m’interruppe:
    “Martina aspetta..”
    “Che c’è?”
    “Non ti va di parlarmi?”
    “No, non capiresti, nessuno capirebbe….”
    Mi chiusi nella mia camera, era immersa nel panico, ricominciai a piangere continuando a pensare ad un modo per capire cosa fosse successo.
    Poi ebbi un’illuminazione: l’Eleonora! Si certo. La mia migliore amica, lei era venuta con me ai miei primi due concerti dei Finley e anche se non li ammirava come me anche lei era una fan.
    Mi asciugai le lacrime, sospirai e presi il telefono in mano.
    Composi il numero e lei mi rispose subito: “Ehi ciao Marty!! Ma che fine avevi fatto??”
    “Ciao Ele..”
    “Cos’hai?? Che succede?? Hai pianto??”
    “Emh.. No no.. Ho preso il raffreddore….”
    “Ah ok, però su con la vita, almeno salti scuola!”
    “Si giusto.. Senti volevo chiederti una cosa..”
    “Dimmi..”
    “Ti sembrerà strana come domanda… Allora.. Tu sai qual è il mio gruppo preferito?”
    “Mmm.. Beh, ti piacciono un po’ i Dari e i Lost… Ma non hai un gruppo preferito..”
    Proprio quello che mi aspettavo di sentire, ma che non avrei mai voluto come risposta.
    “Ok.. E senti.. Noi siamo mai andate ad un concerto.. Uno vero però..”
    “E’’?? Marty stai maale?? Cmq no..”
    “Ok.. Volevo solo sapere questo.. Ora devo andare, ci sentiamo.. Ciao ciao Ele..”
    “Ah.. Ok.. Ciao Marty…”
    Anche lei li avevi dimenticati..
    Avevo il terrore di essere veramente l’unica a ricordarli ancora, ormai tutto faceva sembrare che fosse così, scoppiai di nuovo a piangere e ripassai in mente tutte le loro canzoni, per non dimenticere, MAI!


    Eccolo..che ne pensate??
    Commenti QUI

    baci
    Marty
    Ultima modifica di fibixfinleyna; 19-12-2009 alle 22:37

  7. #7
    Roadie


    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    738
    Inserzioni Blog
    35

    Predefinito Riferimento: ♥ ~♪ Ma Non Svaniranno Mai, Resteranno Sempre Tuoi, SOLTANTO TUOI..</3

    Ed ecco a voi il colpo di scena tanto atteso finalmente!!
    Spero piaccia!!xD

    Capitolo 7



    Quella sera decisi di reagire, il giorno dopo dovevo andare a scuola, fare finta di niente, fingere di aver preso la febbre durante il week end e non parlare mai di loro, altrimenti mi avrebbero presa per pazza, proprio come stava per fare mia mamma.
    Chissà cosa pensavano ora i miei compagni di classe di me, prima mi vedevano come una fan dei Finley, ora chissà come.. Probabilmente mi vedevano come una senza alcun interesse verso niente, come molte altre ragazze, una di quelle a cui basta fare shopping ogni settimana e andare in giro con le amiche, una ragazza normale insomma, non una fan.
    Mi sentivo ancora molto triste e sapevo che andando a scuola così tutti mi avrebbero chiesto cos’avevo, dovevo inventarmi qualcosa….
    Decisi di dire a tutti che era morto mio nonno, quello che abita in Brasile, tanto nessuno lo conosceva e probabilmente non sarebbe mai tornato in Italia, mi sentii stupida ed egoista, non avrei mai voluto che mio nonno morisse però dovevo inventarmi qualcosa di credibile che giustificasse il mio umore.
    Erano le dieci di sera quando mia mamma entrò nella mia stanza, io stavo preparando la cartella e tutti i vestiti per farmi la doccia.
    “Allora domani vai a scuola?” Mi chiese lei.
    “Si…”
    “Ok bene, sono contenta.. Ora però voglio che mi parli..”
    E rieccoci alle solite… Dovevo scampare alla discussione in un modo o nell’altro…
    “Di cosa?” Chiesi senza guardarla in faccia.
    “Di quello che ti è successo, mi preoccupi…”
    “Non mi è successo niente… Lascia perdere.. Fai come fosse niente.. Ora è tutto apposto..”
    “Mi stai mentendo.. Voglio che mi spieghi..”
    “Uff.. Mamma ti prego lasciami in pace! Un giorno forse ti spiegherò, quando sarà tutto apposto, ora fai finta di niente per favore!”
    “Ok.. Tu non mi parli più..” Disse lei tristemente.
    Io senza aggiungere altro mi diressi verso il bagno, lei mi seguì e mi chiese: “Non mangi niente?”
    “Si dopo…”
    “Ok”
    Dopo la doccia mangiai un po’ di pasta e scappai in camera prima che mia mamma ricominciasse ad insistere.
    Mi addormentai quasi subito con l’ansia di sapere ora com’era cambiata la mia vita, ora come mi vedevano gli altri e cosa pensavano di me.
    La mattina dopo mi svegliai con nessunissima voglia di uscire di casa, avevo paura, paura della mia nuova vita senza di loro.
    Nonostante tutto andai lo stesso a scuola, mi sembrava di vivere un’altra vita ad attraversare il portone del “Dante” (la mia scuola) con tutti quei pensieri per la testa, cercai di sembrare normale e non una depressa cronica che attraversa il corridoio come uno zomnie.
    Arrivata dentro la mia classe mi sentii subito tranquilla, le mie compagne corsero subito a salutarmi, strano, non era da loro.
    “Ciao Marty!!Che è successo?? Perché non sei venuta ieri??”
    “Ciao.. Beh, è successa una cosa.. Vi spiegherò..”
    “Ah cavolo, non dev’essere molto bella..”
    “No infatti..”
    Inventai la storia di mio nonno che avevo già programmato e tutti furono dispiaciuti per me, ora oltre al dolore provavo anche vergogna per aver mentito, ma sapevo che era la cosa giusta.
    All’uscita da scuola mi sentivo già meglio, aver passato un po’ di tempo con i miei compagni mi aveva fatto bene, ma comunque il vuoto dentro al mio cuore non era sparito.
    Per tornare a casa presi l’autobus, guardavo fuori dal finestrino con un’aspressione vuota mentre pensavo a loro e alle loro canzoni, cantavo sotto voce per non dimenticarle mai.
    Fuori dal finestrino vidi qualcosa che attirò la mia attenzione: era un ragazzo, un ragazzo che a Vittorio ero certa di non aver mai visto, ma a tutti i concerti dei Finley si, era lui, era Dani, ne ero certa! Suonai subito per prenotare la prossima fermata e quando scesi comincia a correre verso la strada in cui lo avevo visto, arrivai lì e cercai tutto attorno ma lui non c’era, probabilmente stavo andando fuori di testa, loro erano morti, non sarebbero mai più tornati e io dovevo smetterla di sperarci.
    Mi sedetti su una panchina e cominciai a pensare a lui e a loro e scoppiai di nuovo a piangere.
    Era tutto così difficile e io ero troppo confusa.


    Commenti please (: QUI
    baci
    Marty
    Ultima modifica di fibixfinleyna; 19-12-2009 alle 22:37

  8. #8
    Roadie


    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    738
    Inserzioni Blog
    35

    Predefinito Riferimento: ♥ ~♪ Ma Non Svaniranno Mai, Resteranno Sempre Tuoi, SOLTANTO TUOI..</3

    Ohilà ragazze!!
    Ecco a voi il nuovo capitolo, ormai dimenticate i vecchi tristi capitoli xD

    Spero piaccia (:

    Buona lettura


    Capitolo 8




    Cominciai a farmi mille domande, chissà chi poteva essere quel ragazzo, probabilmente era un sosia di Dani, oppure, cosa più probabile. io stavo impazzendo.
    Mi alzai dalla panchina e continuai la strada verso casa a piedi, il prossimo autobus sarebbe passato dopo troppo tempo e io non vedevo l’ora di arrivare a casa a rifugiarmi sotto le coperte.
    Cominciai a preoccuparmi, forse stavo davvero impazzendo, avevo le allucinazioni, Dani non poteva essere lì, e anche se non fosse morto cosa ci faceva a piedi in centro a Vittorio Veneto?? Ammirava forse le statue sulla prima guerra mondiale??
    Non poteva essere lui, non ero a Milano, ero nella piccola e insignificante Vittorio, dove non c’è mai niente di nuovo e interessante, dove nessuno sarebbe mai andato a farci delle vacanze, tantomeno qualcuno che era….morto.
    Chissà se l’avevo visto solo io…
    Ero immersa tra i miei pensieri quando mi sentii chiamare:
    “Ehi scusa!!”
    Mi girai e rimasi a bocca aperta, non ci potevo credere, era Dani, era lui, in carne ed ossa, allora non era morto e io non ero impazzita! Non sapevo più cosa pensare, ne cosa dire, mi veniva da piangere dalla felicità.
    Dopo qualche secondo riuscii solo a mormorare un “Ciao”
    “Scusa se ti ho spaventata, io sono Danilo, piacere!”
    Lui non lo sapeva, ma io lo conoscevo già, sapevo tutto di lui.
    “Piacere, io sono Martina..”
    “Sembri sconvolta, devo averti proprio spaventata!” disse lui ridendo..
    Aveva un sorriso fantastico, avrei voluto abbracciarlo e scoppiare a piangere tra le sue braccia.
    “No no tranquillo..” Dissi io ancora confusa.
    “Comunque, volevo chiederti se sai per caso dove si trovano le poste, mi sono appena trasferito da Milano e ci devo andare.”
    “Si si, so dove sono..” Gli spiegai tutta la strada e lui mi ringraziò, scoprii che era venuto a stare qui con dei suoi amici, avevano un gruppo, non gli chiesi chi fossero, ma sapevo che erano loro..
    “Beh, ora è meglio che vada.. I miei si staranno preoccupando..” dissi io anche se avrei voluto rimanere lì per sempre..
    “Ok, se vuoi ti accompagno a casa, ho parcheggiato non molto lontano da qui..”
    “Ok grazie mille!” Aggiunsi io con un sorriso, il primo dopo troppo tempo..
    “Dovrai spiegarmi bene la strada perché non sono molto pratico”
    “Si certo.. Scusa se te lo chiedo, ma come mai avete deciso di venire a stare proprio qui? Milano è così grande e bella… Qui non c’è niente..”
    “Volevamo staccare un po’ la spina, non è molto bello vivere in una città così grande, Milano è bellissima, ma è anke molto cupa, soprattutto d’inverno..”
    “Ah ok..” Non riuscii ad aggiunggere altro.
    Lui rise sottovoce, chissà a cosa stava pensando, era così bello, non ci potevo credere.
    “Eccoci arrivati, è qui..”
    “Ok..”
    Scesi dalla macchina e lui aggiunse: “Grazie ancora per l’indicazione, spero di rivederti presto, ti devo presentare ai miei amici..”
    “Si ok, ciao ciao Dani”
    Lui mi guardò stranamente, forse non si aspettava lo chiamassi con il suo soprannome..
    “Ma come.. Vabbè niente.. Ciao Marty, ci vediamo!”
    Entrai in casa e mia mamma corse subito da me:
    “Martina, ma dov’eri finita?? Ti pare l’ora di tornare??”
    Io non mi arrabbiai con lei, ero troppo felice per perdere tempo così.
    “Scusa mamma, mi dispiace…. Mi sono fermata a parlare con delle mie compagne..”
    “Vedo che stai molto meglio, sono contenta..”
    “Si infatti ” dissi sorridendo.
    Mangiai velocemente e poi corsi in camera, ero troppo felice, non potevo crederci, loro erano ancora vivi, era l’unica cosa che contava ora.
    Non riuscivo ancora a capire come fosse cambiata la loro vita, probabilmente non erano riusciti a diventare famosi ed in qualche modo la loro strada li aveva portati qui da me, io però non avrei mai potuto dirgli quello che sapevo di loro, mi avrebbero presa per pazza, ma non potevo nemmeno lasciarli sprecare così il loro talento, chissà se le loro canzoni erano sempre le stesse, sapevo che loro erano fatti per stare sul palco, circondati da un mucchio di fans, tenerli solo per me sarebbe stato un gesto troppo egoista.

    Et voilà xD

    commenti QUI please xD

    baci
    Marty
    Ultima modifica di fibixfinleyna; 19-12-2009 alle 22:37

  9. #9
    Roadie


    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    738
    Inserzioni Blog
    35

    Predefinito Riferimento: ♥ ~♪ Ma Non Svaniranno Mai, Resteranno Sempre Tuoi, SOLTANTO TUOI..</3

    Salve raga ^^
    siccome domani parto per il mare oggi non ho avuto molto tempo x scrivere, porterò il portatile ma siccome poi non so se riesco a connettermi da lì perchè dovrei usare il cell x una promozione e non so nemmeno se sotto gli alberi della pineta di Jesolo riesco a prendere il segnale ho deciso di postare quello che sono riuscita a scrivere fin ora del 9 capitolo..
    Scusate se l'inizio non è bello come i precedenti, ma oggi non avevo proprio molta ispirazione e nemmeno molto tempo
    Io intanto vi saluto, ci sentiremo x sms con chi ho il numero se non riesco ad avere internet..(:
    Vi adoro e adoro anke i vostri commenti che mi fanno morire dal ridere
    Ne aspetto moltissimiiiiii xD
    Scusate ancora se qst fa schifo ma è solo l'inizio..
    Buone vacanze a tutteeeeeeeeeee




    Capitolo 9 - Part 1




    Quel pomeriggio passò velocissimo, feci un po’ di compiti, ma non riuscivo a concentrarmi come al solito, pensavo solo che loro non erano morti, in qualche modo erano tornati, mi chiedevo come avessero fatto… Forse era tutto un sogno.. Forse se quella sera sarei andata a dormire l’indomani mi sarei ritrovata in quel terribile incubo in cui ero immersa fino al giorno prima ed avevo paura accadesse veramente.
    Chissà se avrei mai rivisto Dani, e chissà se i suoi amici di cui mi aveva parlato erano proprio Pedro, Ka e Ste.. Magari erano altri ragazzi, dopotutto se ora Dani si trovava qui di sicuro in qualche modo le loro vite erano cambiate, magari avevano preso strade diverse, si erano divisi e gli amici di Dani non erano loro.. Non potevo saperlo, avrei dovuto aspettare ed avere pazienza.
    Quella notte mi addormentai a fatica piena con la testa piena di dubbi.
    La mattina dopo pioveva, fuori il cielo era buio, faceva ancora più freddo dei giorni precedenti e l’atmosfera metteva tristezza, ma io non riuscivo a smettere di sorridere .
    Finalmente ero di nuovo felice e sempre grazie a loro, in fondo non era cambiato niente, la loro vita poteva aver preso strade diverse, ma alla fine io continuavo ad avere bisogno di loro.
    Sapevo che questo era dovuto al fatto che io continuavo a conservare il loro ricordo, se li avessi dimenticati come avevano fatto tutti gli altri magari ora non sarei stata dipendente da loro, ma non era così ed ora che sapevo che non erano morti non c’era cosa che mi rendesse più felice e orgogliosa di ricordarli, di essere loro fan e di sapere tutto quello che erano in grado di trasmettere con la loro musica.
    Arrivai a scuola molto più felice e diversa rispetto al giorno precedente, le mie compagne si stupirono di vedere un cambiamento così veloce, non me lo dissero, ma sentivo i loro discorsi fatti alle spalle, loro non erano cambiate affatto.



    Eccolo (:

    Commenti QUI, tantissimi mi raccomandooooooooo xD

    Vvttttttttttttttttttttttttb!!!(:
    baci
    Marty
    Ultima modifica di fibixfinleyna; 19-12-2009 alle 22:38

  10. #10
    Roadie


    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    738
    Inserzioni Blog
    35

    Predefinito Riferimento: ♥ ~♪ Ma Non Svaniranno Mai, Resteranno Sempre Tuoi, SOLTANTO TUOI..</3

    Salve raga ^^
    causa imprevisto sono già tornata a casa dalle vacanze..): scrivere mi fa bene..mi tira su quindi ho continuato il nono capitolo, al mare ci tornerò tra qualche giorno..
    Ora posto la seconda parte del capitolo..
    Buona lettura!!(:



    Capitolo 9 - Part 2





    Ora però mi rendevo conto di essere vista in modo diverso rispetto a qualche giorno prima, ora in un certo senso ero come loro, per loro non avevo niente di diverso, non avevano più nulla che potesse rendermi ridicola ai loro occhi o che potessero invidiarmi, non avevo più nulla da seguire, niente concerti, niente foto di loro nel diario, niente canzoni cantate in classe, nessun interesse insomma. Assomigliavo a loro molto più di prima.. Non avrei mai desiderato essere come loro, non che le odiassi, ma loro erano compagne di classe e basta, magari potevo anche definirle amiche ed uscirci assieme, ma quelle a cui volevo veramente bene erano al di furi della scuola.. Non avrei mai voluto modificare qualcosa di me per loro anche se mi sarebbe piaciuto andare un po’ più d’accordo, purtroppo però non avevamo gli stessi interessi..
    Dopo scuola presi l’autobus come il giorno precedente, mi concentrai per tutto il tempo sulla strada al di fuori del finestrino, ma stavolta non vidi Dani da nessuna parte.
    Arrivai a casa un po’ delusa, avrei voluto vederlo anche oggi, già mi mancava ed ero curiosa di conoscere i suoi amici per capire se fossero davvero loro.
    Quel pomeriggio non avevo molto da studiare quindi decisi di portare fuori il cane per distrarmi un po’ e magari chi lo sa, avrei rivisto Dani e i suoi amici..
    Non amavo portare a spasso il cane, da piccola lo riempivo sempre di attenzioni, ma ora non lo consideravo nemmeno, lo vedevo solo come un impiccio anche se comunque li volevo bene..
    Passeggiammo fino in centro e andammo ai giardini, decisi che ormai avevamo passeggiato abbastanza, ero stanca e volevo tornarmene a casa.
    Durante il ritorno ero immersa tra i miei pensieri molto più del solito, stava anche cominciando a piovere e io avevo lasciato l’ombrello a casa, come minimo mi sarei presa un bel raffreddore, cominciai a correre per arrivare il prima possibile e poi decisi di aspettare al riparo sotto ad un tendone di un negozio.
    Ero tutta bagnata e mi stavo congelando, non vedevo l’ora smettesse di piovere per tornarmene a casa al caldo quando vidi correre sotto la pioggia quattro ragazzi fradici, appena li vidi mi illuminai, erano loro *_* c’erano tutti e quattro: Pedro, Ka, Ste e Dani, non mi sembrava vero, ero troppo felice, ora ero sicura stassero tutti bene, erano vivi ed erano qui, cominciai a tremare dall’emozione, ormai non sentivo più il freddo, l’adrenalina mi aveva assalita.
    Corsero fino ad arrivare sotto al mio stesso tendone per ripararsi, Dani mi vide e sorridendo mi saluto: “Ehi ciao! Anche tu qui?” Sembrava un angelo venuto dal cielo per salvarmi, io lo guardavo come un’idiota e lui scoppiò a ridere aggiungendo: “Non dirmi che anche stavolta ti ho spaventata?!” rimasi imbambolata e dissi: “No no tranquillo..”
    “Ok..” disse lui continuando a ridere, poi si fece serio e si girò verso gli altri tre:
    “Questi sono i miei amici di cui ti avevo parlato: Stefano, Carmine e Pedro” Per presentarmeli li indicò, ma io non avevo certo bisogno di presentazioni. Erano così vicini a me, non ci potevo credere, rimasi a bocca aperta e feci ridere tutti quanti, stavo morendo di imbarazzo e dopo un po’ riuscii a dire “Piacere, io sono Martina..”.


    Ok raga, eccolo qui (:
    Commenti pleaseeeeeee (: QUI

    Baci
    Marty
    Ultima modifica di fibixfinleyna; 19-12-2009 alle 22:38

Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •