Vai a Team World Shop
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11
  1. #1
    New Kid on TW


    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    20

    Predefinito Recensioni ufficiali dell'album

    Che ne direste di aprire un thread dove postiamo tutte le recensioni all'album che troviamo su internet? Intendo le recensioni ufficiali, non quelle scritte da noi, per non fare confusione.
    Naturalmente, per fare un lavoro accurato, propongo di postare l'originale e la traduzione (non solo uno dei due), così che chiunque sia in grado di capire.
    Io ho cominciato da una recensione a caso, e per sbaglio è stata una recensione poco positiva. Non me ne vogliate, a breve cercherò di tradurne di più positive!!

    Ah, non dimentichiamo di pubblicare anche il link originale da cui si è presa la recensione, così che si possa risalire alla fonte.

    Grazie!!!!



    Kelly Clarkson, "All I Ever Wanted" (RCA) [2.5 STARS]
    By
    Jim DeRogatis

    http://blogs.suntimes.com/derogatis/...ever_want.html

    When last we heard from 26-year-old Texas singer Kelly Clarkson, the first season winner of "American Idol" was feuding with record label chief Clive Davis over her third album "My December," a soggy and sullen effort that Davis accused of tamping out the spark fans loved most from the mildly rocking, gently female-empowering pop songstress. And Davis was right: When Clarkson toured in support of that disc, playing scaled-down theater shows after failing to sell out the arenas, the best tunes from her first two releases ("Behind These Hazel Eyes," "Miss Independent," "Breakaway") put to shame the disappointing, self-obsessed and bitter new material.
    Clarkson returned to her old sugar-buzz form earlier this year with the blunt but catchy single "My Life Would Suck without You," tapping the talents of veteran teen-pop maestro Max Martin and setting a record for the largest leap to No. 1. And much of the rest of her fourth album, which was in large part produced by another teen-pop giant, Ryan Tedder of OneRepublic, falls giddily in line, with the auteur cheerfully eschewing all talk of trying to rewrite Bruce Springsteen's "Nebraska" this time around.
    As this genre goes, I've long preferred Clarkson's peers Pink (before she got married and went soft), Joss Stone (who's a lot more soulful in a prefab way) and even Hilary Duff. Still, it's hard to deny the bubblegum charms of up-tempo songs such as "Long Shot" and "I Do Not Hook Up" (both co-written by Katy "I Kissed a Girl" Perry) and the Walmart-safe grunge anthem "Whyyouwannabringmedown." Sappy ballads such as "Cry" and "If No One Will Listen" aren't nearly as successful, but there's more than enough of the old Kelly (however genuine or manufactured that might have been) to please the faithful and modestly entertain--or at least not offend--anyone else within earshot of their daughters' cranked- up iPods.

    TRADUZIONE

    L’ultima volta che abbiamo sentito parlare della 26enne cantante texana Kelly Clarkson, prima vincitrice di “American Idol”, stava combattendo contro il manager della propria etichetta discografica Clive Davis per il suo terzo album “My December”, un disco più personale e cupo che Davis riteneva allontanarsi troppo da quel genere pop post-femminista con venature rock che tanto piace ai fan. Davis aveva ragione: quando la Clarkson ha iniziato il tour promozionale del disco, esibendosi in venue più piccole di quelle precedentemente pianificate a causa della scarsa vendita di biglietti per le arene più grandi, i brani migliori dei suoi primi due dischi (“Behind These Hazel Eyes”, “Miss Independent”, “Breakaway”) hanno fatto impallidire il nuovo deludente, egocentrico e aspro materiale.
    La Clarkson all’inizio di quest’anno è tornata al suo vecchio stile con l’innocua ma accattivante “My Life Would Suck Without You”, ricorrendo al talento di un veterano del teen-pop Max Martin e stabilendo un record per il più grande balzo fino alla posizione numero 1 [della Billboard Chart, ndr]. E l’intero quarto album, che è stato in gran parte prodotto da un altro gigante del teen-pop, Ryan Tedder dei One Republic, prosegue nella stessa direzione, con l’autore che allegramente evita di parlare del tentativo di riscrivere “Nebraska” di Bruce Springsteen.
    Ho sempre preferito alla Clarkson le colleghe Pink (prima che si sposasse e si ammorbidisse), Joss Stone (che è molto più profonda, seppur “prefabbricata”) e persino Hilary Duff. Nonostante tutto, è difficile ignorare il piacevole appeal di canzoni up-tempo come “Long Shot” e “I Do Not Hook Up” (entrambe scritte in collaborazione con Katy “I Kissed A Girl” Perry) e l’inno [scusate, non riesco a tradurlo!] “Whyyawannabringmedown”. Le sdolcinate ballate come “Cry” e “If No One Will Listen” non reggono neppur lontanamente il paragone, ma si sente maggiormente la vecchia Kelly (genuina o costruita che sia) per compiacere i fedeli fan e modestamente intrattenere (o offendere) chiunque altro sia a portata d’orecchio degli iPod a palla delle proprie figlie.


    Chiedo scusa per ogni eventuale errore di traduzione, ho cercato di italianizzare il tutto, per quanto fosse possibile. Ci sono un paio di punti poco chiari, mi scuso, ma non sapevo veramente come tradurli.

  2. #2
    Supporter


    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    127

    Predefinito Riferimento: Recensioni ufficiali dell'album

    Vabbè cosa ci si può aspettare da uno che preferisce la Duff che è tutto tranne che una cantante e dice che Joss Stone è prefabbricata?! Vorrei tanto le VERE recensioni dei giornali tipo Blender, Rolling Stone..

  3. #3
    New Kid on TW


    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    20

    Predefinito Riferimento: Recensioni ufficiali dell'album

    Eccoti servito...

    Rolling Stone
    Kelly Clarkson, All I Ever Wanted
    (3/5)

    Jady Rosen, 03/03/09

    http://www.rollingstone.com/reviews/..._i_ever_wanted

    Seven years ago, when Kelly Clarkson triumphed in the first American Idol competition by blasting out the high-schlocky inspirational ballad "A Moment Like This,"who could have guessed that she would become the early 21st century's exemplary Angry Chick? Everything changed in 2004, when Clarkson released a little song called "Since U Been Gone." That exploding stick of bubblegum pushed Clarkson to the forefront of the new girl-power pop, establishing her as the leader of a wave of pugnacious female stars — Avril and Pink and Katy Perry — who have stormed the Top of the Pops, bellowing their outrage over bright hooks and punchy guitars.

    Even when Clarkson is happy, she sounds pissed. Exhibit A on the singer's fourth CD is the opener, "My Life Would Suck Without You." The keen-eared will detect a similarity between that chart-topper and "Since U Been Gone," from jittery guitar intro to shout-along chorus. Scrutinize the credits and you discover why: The new hit was co-written by Max Martin, the Swedish mad scientist behind some of the best radio pop of the past decade-plus (". . . Baby One More Time," "I Want It That Way" and, yes, "Since U Been Gone").

    Clarkson's recourse to Martin's Stockholm hit factory is not insignificant. Her 2007 album, My December, was a declartion of independence, released over the reported objections of her label. Its 13 gloomy songs, all co-composed by Clarkson, had scarcely a hook to wrap your ears around. So "My Life Would Suck Without You" is a kind of repentance, a chastened pop star's retreat from auteurdom. It's also, as it turns out, fantastic — the early favorite for single of the year.

    It's hard to match that thunderclap opening, but Clarkson does, for a couple of songs, at least. "I Do Not Hook Up" is another spitfire mix of melody and crashing guitars — one of the most raucous odes to chastity in recent memory. Next comes "Cry," a big waltz-time ballad whose tune holds a hint of Nashville-pop twang. Clarkson grew up in Texas listening to country; "Cry" serves notice that she could give Carrie Underwood a run for her money.

    Clarkson's voice remains one of the most powerful in pop, and on Wanted it flattens everything in its path, blasting through piano ballads, chirpy retrosoul and, on "Whyyawannabringmedown," a kind of AM-radio punk. "I'm not your love monkey, so be takin' back all of the lies you sold," cries Clarkson over a pogo-ing beat.
    That state of high dudgeon is her default mode. In song after song, she proclaims self-reliance in the face of ne'er-do-well men. It's a fine message, but Clarkson's sense of grievance, inflated to gargantuan size by her huge voice, can be wearying over 14 songs, particularly when the music sags. And sag it does. Clarkson has wedded her fate to Ryan Tedder, the heavily moussed OneRepublic songwriter: He contributes to four dreary songs, awash in strings and insipid sentiments like "Why are my convictions blinded by your spotlight?"

    Clarkson snarls gamely through such moments, but as My December proved, virtuoso vocals carry you only so far. Like everyone else, she rises and falls on the strength of her tunes. She has made brilliant singles, and may yet record a great album. It's no mystery how to start. Three words: more Max Martin.

    TRADUZIONE

    Sette anni fa, quando Kelly Clarkson trionfava nella prima serie di American Idol con la ballata super ispirata “A Moment Like This”, chi avrebbe potuto immaginare che sarebbe diventata il modello di Ragazza Arrabbiata di inizio 21esimo secolo? Tutto cambiò nel 2004, quando la Clarkson rilasciò una piccola canzone intitolata “Since U Been Gone”. Quella perla esplosiva spinse la Clarkson sulla copertina del nuovo pop femminista, incoronandola come la leader di una schiera di star femminili molto toste – Avril, Pink e Katy Perry – che hanno assaltato Top of the Pops, gridando a squarcia gola la loro indignazione a suon di ritmi accattivanti e chitarre perforanti.

    Anche quando la Clarkson è felice, suona arrabbiata. Ne è esempio il primo brano del quarto CD della cantante, “My Life Would Suck Without You”. Gli affezionati noteranno delle somiglianze tra la canzone in cima alle classifiche e “Since U Been Gone”, dalla nervosa introduzione delle chitarre fino al ritornello da urlare. Leggete i credits e scoprirete perché: la nuova hit è stata co-scritta da Max Martin, lo scienziato pazzo Svedese dietro ad alcune delle migliori hit pop passate in radio dell’ultimo decennio e anche più (“… Baby One More Time”, “I Want It That Way” e, sì, “Since U Been Gone”).
    Il ricorso della Clarkson al gruppo di Stoccolma sfornatore di hit di Martin non è insignificante. Il suo album del 2007, My December, fu una dichiarazione di indipendenza, rilasciato nonostante le ufficiali obiezioni della sua etichetta. Le sue 13 cupe tracce, tutte co-composte dalla Clarkson, avevano una scarsa attitudine a fissarsi nelle orecchie. Così “My Life Would Suck Without You” è una specie di pentimento, la resa di una star del pop castigata. Ma è anche, appena si scalda, fantastica – il primo favorito per la nomina a singolo dell’anno.

    È difficile mantenere il livello dopo una tale roboante apertura, ma la Clarkson, per un paio di canzoni, lo fa. “I Do Not Hook Up” è un altro mix sanguigno di melodie e incredibili schitarrate – una delle più rauche odi alla castità nella storia recente. Successivamente viene “Cry”, una grande ballata a tempo di valzer il cui motivo ha un accenno del pop vibrante di Nashville. La Clarkson è cresciuta in Texas ascoltando country; “Cry” è una dimostrazione del fatto che potrebbe dare del filo da torcere a Carrie Underwood.
    La voce della Clarkson resta una delle più potenti nel pop, e in All I Ever Wanted mette tutto il resto in secondo piano, esplodendo tra ballate con il solo pianoforte, pimpante retro soul e, in “Whyyawannabringmedown”, una specie di punk. “I’m not your love monkey, so be takin’ back all of the lies you sold”, strilla la Clarkson su un ritmo tutto da pogare.

    Lo stato di forte risentimento è la sua modalità standard. Canzone dopo canzone, proclama la propria indipendenza in faccia a ….??... uomini. È un messaggio carino, ma il senso di lamentela della Clarkson, ampliato dalla sua voce enorme, può essere stancante dopo 14 canzoni, specialmente quando la musica si distende. E si distende. La Clarkson ha unito il proprio destino a Ryan Tedder, il compositore dei pesantemente addolciti One Republic: lui ha contribuito a quattro canzoni monotone, immerse negli archi e in sentimenti insipidi come: “Perché le mie convinzioni sono accecate dai riflettori?”.

    La Clarkson ringhia giocosamente in alcuni momenti, ma come My December ha dimostrato, le abilità vocali ti possono portare solo fino ad un certo punto. Come chiunque, ha alti e bassi a seconda della forza dei motivetti. Ha sfornato singoli brillanti, ed è ancora in grado di registrare un grande album. Non è un segreto il come iniziare. Tre parole: più Max Martin.
    Ultima modifica di cinciu; 06-03-2009 alle 01:15

  4. #4
    V.I.P


    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    917

    Predefinito Riferimento: Recensioni ufficiali dell'album

    Citazione Originariamente Scritto da [email protected] Visualizza Messaggio
    Vabbè cosa ci si può aspettare da uno che preferisce la Duff che è tutto tranne che una cantante e dice che Joss Stone è prefabbricata?! Vorrei tanto le VERE recensioni dei giornali tipo Blender, Rolling Stone..
    quoto, ma io son dell'idea che pure le recensioni che tu definisci VERE non hanno senso, la musica è bella perchè ognuno ha i propri gusti, e per me un album del genere è un grande album, per altri 1 cacchetta.. certo, quando però mi parli di voci o cose del genere, là non capisco quando leggo che certi vengono definiti "Cantanti" quando al massimo li potrei definire "Dilettanti da Karaoke".. il succo del mio discorso è, in sostanza, che non mi piacciono le Recensioni per cui non le leggo quasi mai

  5. #5
    New Kid on TW


    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    45

    Predefinito Riferimento: Recensioni ufficiali dell'album

    In un certo senso Silvia hai ragione..difficilmente in una recensione sei d'accordo con questa..ovviamente lo scrittore esprime un'opinione personale che puo coincidere con la nostra, come assolutamente no..

  6. #6
    Supporter


    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    137

    Predefinito Riferimento: Recensioni ufficiali dell'album

    Vorrei correggere un attimo la seconda recensione:

    “Cry” è la dimostrazione del fatto che del filo da torcere a Carrie Underwood.

    E poi sinceramente ritengo che sia troppo facile darle addosso per questo album: prima nessuno parla di My December, e poi tutti criticano l'intervento di Martin che serve a risollevarla. Troppo facile!
    Ultima modifica di abraxas; 06-03-2009 alle 14:56

  7. #7
    KELLY MOD


    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    260

    Predefinito Riferimento: Recensioni ufficiali dell'album

    Three words: more Max Martin.
    Onestamente da una rivista che si sente abbastanza Dio sceso in terra, come è Rolling Stones, questa frase è abbastanza fuori luogo, e secondo me sottolinea che anche loro si fanno attirare alla grande dal pop prefabbricato come è quello di Max Martin, e dai testi abbastanza terra-terra, che lui produce.
    Ma d'altronde, hanno dedicato copertina + servizio a Britney Spears, e a Kelly ancora nada...Sono controsenso vivente, senza contare che hanno dato 5 stelle all'album degli U2, che fa schifo anche ai loro fans

  8. #8
    New Kid on TW


    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    5

    Predefinito Riferimento: Recensioni ufficiali dell'album

    secondo me in entrambe le interviste nn parlano della vera kelly e ne prendono sl i lati "peggiori", la fanno sembrare la prima arrivata...nella seconda intervista, ad esempio, sembra ke my december sia stato un fiasco totale mentre in realtà è piaciuto ccomunque ai fan, anke se magari nn cm breakaway. ma nn si può certo dire ke kelly sia una da buttare e ke abbia bisogno di Max Martin per avere successo...un conto è fare della vera musica e un conto è fare canzoni "poppettare" sl per vendere milioni di dischi...qua siamo nel primo caso!!!

  9. #9
    Supporter


    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    127

    Predefinito Riferimento: Recensioni ufficiali dell'album

    Citazione Originariamente Scritto da cdf84 Visualizza Messaggio
    quoto, ma io son dell'idea che pure le recensioni che tu definisci VERE non hanno senso
    Recensione vere PER DEFINIZIONE intendevo io, la prima postata era più un commento (idiota per di più ^^).. E come volevasi dimostrare sono in profondo disaccordo con quella del Rolling Stone (che almeno ha scritto qualcosa di un pochino più interessante e dato un voto decente)

  10. #10
    New Kid on TW


    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    25

    Predefinito Riferimento: Recensioni ufficiali dell'album

    Non sono quasi per nulla daccordo a queste recensioni.. innanzitutto non capisco perchè nessuno parla di Already Gone dato che è una delle tracce più belle dell'album, poi non capisco perchè elogiare così tanto LWS (ascoltando l'album ci si dimentica quasi della sua presenza dato che ci sono tracce molto meglio) e infine quel "more Max Martin" poteva evitarlo dato che Kelly ha sempre avuto una certa influenza negli album e facendo come dicono loro di certo non sarebbe più lei ma una delle solite cantanti da canzonette poppettare. L'unica cosa a cui un po mi trovo daccordo invece riguarda Ryan Tedder..sicuramente dalle tracce in collaborazione con lui mi aspettavo molto di più e invece mi hanno colpito solo AG e SY

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •