Vai a Team World Shop
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 20

Discussione: RecensionI di SAF

  1. #1
    New Kid on TW


    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    76
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito RecensionI di SAF

    "Il nostro nuovo album sarà più duro e più anni '80 rispetto a The Poison".

    E bene la prima cosa che si evince ascoltando il ritorno dei gallesi Bullet For My Valentine, è che in realtà il tanto atteso 'Trash' è presente solo a sprazzi sulla loro ultima fatica "Scream Aim Fire" in uscita oggi 28/01.

    A diversi anni di distanza dai precedenti lavori (l'album di debutto "The Poison" può essere considerato un esperimento con più risultati, infatti si suddivise in plurime versioni con tanto di bonus track sparse qua e la), il genere che si può attribuire alla band è sempre quello: "Emotional Metalcore"; non c'è alternativa, lo dimostra la diversità di stile presente nell'album, vedesi la dolcissima "Hearts Burst Into Fire" seguita immediatamente dalla più dura e 'Metallica' "Waking The Demon", senza ovviamente snobbare la buona title-track "Scream, Aim, Fire" che rimanda tantissimo (fin troppo) alla più conosciuta "Master Of Puppets" dei Metallica.

    Per poter dare un giudizio obiettivo, l'album deve essere ascoltato almeno 2-3 volte, ed è dopo codesti ascolti che si nota lo splendore di "Deliver Us From Evil", a mio avviso pezzo migliore del CD. Certamente non supporta lo spirito Metalcore dell'album, ma la miscela vocale tipicamente Bullet (Vocals/Scream) interpretata da Matt Tuck in studio, con la collaborazione (soprattutto in live) di Michael Padget è praticamente perfetta. Non manca l'attento lavoro alla batteria di Michael Thomas, sempre pronto ad accelelare in caso di 'pericolo sonnolenza'.
    Nella prima parte dell'album, da sottolineare anche l'ottimo secondo singolo "Eye Of The Storm", parlo di prima parte perchè come nel precedente album, anche in "Scream, Aim, Fire" si nota una netta linea separatrice a metà viaggio, infatti dalla settima traccia "Take In Out On Me" in poi, l'album inizia clamorosamente a scemare, vedesi "Say Goodnight", ballata sulla falsariga di "One", grande successo della già citata band di Hetfield & Company, ma l'emulazione questa volta sembra non aver portato grandi risultati. Si va avanti fino a chiudere con la tonica "Last To Know", unica nota positiva della seconda parte dell'album e con la soporifera "Forever And Always", anche in questo caso il Metal sembra essere lontano anni luce, il merchandising invece sembra essere spudoratamente a portata di mano.

    In conclusione 'squadra che vince non si cambia', la pozione vincente di "The Poison" funziona ancora, che lo vogliate o no l'Emo-Metalcore è di moda, a dispetto della copertina e del roboante titolo, questo album è più Emotional che Metalcore.

    7 su 10, tradotto in Debaser-voto sarebbe 3,5 quindi 3 stelle punitive per la mancata, ma tanto osannata evoluzione anni '80. Sia chiaro non è una bocciatura, bensi un invito a fare un ulteriore e definitivo passo in avanti.

    fonte www.debaser.it


    secondo me questa è la migliore recensione del cd,che ho letto finora...se pensate non sia cosi,spostate anche voi la vostra recensione

  2. #2
    Supporter


    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    150
    Inserzioni Blog
    10

    Predefinito Riferimento: RecensionI di SAF

    Wooow, ottima recensione u.u
    Complimenti al sito :P

  3. #3
    TW superstar


    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    2,287

    Predefinito Riferimento: RecensionI di SAF

    grazie mille per la recenzione ^^

  4. #4
    Backstage Addicted


    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    555

    Predefinito Riferimento: RecensionI di SAF

    Citazione Originariamente Scritto da KArolstar Visualizza Messaggio
    secondo me questa è la migliore recensione del cd,che ho letto finora...
    concordo, è una recensione davvero ben fatta, e completa

  5. #5
    TW superstar


    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    2,287

    Predefinito Riferimento: RecensionI di SAF

    Ecco una recenzione che ho trovato su PunkWave:

    A poco più di due anni dallo strepitoso album d'esordio "The Poison", i Bullet For My Valentine rientrano in corsa dando alle stampe il loro secondo lavoro di originali sulla lunga distanza, "Scream Aim Fire". I quattro britannici, insieme (non senza dissidi) da ormai dieci anni, mantengono alta la reputazione ed il nome procuratisi con "The Poison", che li aveva lanciati sulla scena internazionale affiancandoli a nomi del calibro di Slayer e Metallica. Non bisogna infatti farsi ingannare dal look della band: pur non disdegnando richiami al mondo ormai affermato dell'emo, il gruppo propone sonorità di stampo metal-core, recuperando numerose caratteristiche di quella scuola thrash metal americana che tanto ha segnato l'ultimo ventennio.

    Sono proprio questi gli elementi che bisogna avere chiari in mente per un corretto approccio ai Bullet For My Valentine, la cui ricerca di un connubio tra melodia ed aggressività paga spesso l'orecchio dell'ascoltatore. I gallesi hanno il merito di aver attinto da diverse culture musicali e di aver fuso tutte queste influenze sotto un profilo originale capace di accattivarsi le simpatie di un pubblico quanto mai variegato. "Scream Aim Fire" ne è testimone, costituendo un album paradossalmente più aggressivo del predecessore - sia nelle musiche che nelle liriche - ma contemporaneamente più sofisticato per quanto riguarda il carattere melodico delle linee vocali spesso adottate da Matthew Tuck. D'altronde, per bocca dello stesso chitarrista Michael Paget la band sostiene di "non proporre musica rumorosa solo per il gusto di farlo", prendendo così le distanze da quella parte del panorama mediatico attuale che li voleva come l'ennesima band omologatasi al sound del momento.

    A patto di accettare queste premesse, non si può che essere ben disposti verso un album come quello proposto dai Bullet For My Valentine in collaborazione con Sony BMG. Anche solo ascoltando l'omonimo primo singolo estratto dall'album, disponibile già qualche settimana prima dell'uscita del disco, si poteva intuire che il vento in Galles non ha cambiato direzione: basta la tensione delle pelli su cui viene eseguita la rullata iniziale (che potrebbe addirittura ricordare le ritmiche dei Children Of Bodom) per inserire l'ascoltatore in un'atmosfera quanto mai aggressiva, resa tale dall'uso frequente di due tecniche vocali quali il growl e lo screaming, capaci di creare ottimi contrasti con le parti melodiche.

    Tutta l'influenza thrash da cui il gruppo ammette di aver preso spunto emerge in particolare in episodi come "Waking The Demon", brano che offre degli apprezzabili riff di chitarra, sempre violenti e precisi nell'esecuzione, affiancati dal caratteristico profilo bivalente di voci, posto a completare il suono metal-core di cui la band si fa portatrice. Sulla falsa riga di questo brano si pongono "Deliver Us From Devil" e "Last To Know", ma i Bullet For My Valentine, quasi a volere confermare l'attitudine da band thrash metal, sono anche capaci di cimentarsi con successo in brani più lenti e melodici, dei quali l'emblema nell'album è sicuramente costituito da "Say Goodnight". La canzone propone in avvio un fitto diluvio, su cui si inserisce un malinconico arpeggio spalleggiato prontamente da un assolo melodico, che ai nostalgici porterà alla mente parecchi passaggi del celebre "Black Album" dei Metallica. Inizialmente più melodica della media dell'album è anche "Hearts Burst Into Fire", la quale, composta seguendo la falsa riga della precedente, conduce all'orecchiabile linea vocale del ritornello grazie ad un crescendo sapientemente reso grazie alle ritmiche di batteria, affidate alle bacchette di Michael Thomas.

    L'obiettivo che i Bullet For My Valentine sembrano avere voluto rincorrere è stato centrato in pieno, proponendo una sorta di "The Poison" parte due maturato sotto ogni aspetto compositivo ed in cui la violenza esecutiva emerge in ogni secondo d'ascolto. I Bullet For My Valentine si consacrano così al pubblico delle grandi occasioni, guadagnando di diritto un posto come nuove stelle delle scene thrash e metal-core mondiali.

    a cura di Silvio Lugaro

  6. #6
    Supporter


    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    182
    Inserzioni Blog
    4

    Predefinito Riferimento: RecensionI di SAF

    Grazie mille, l'albume è effettivamente molto strepitoso! ^^'

  7. #7
    New Kid on TW


    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    10

    Predefinito Riferimento: RecensionI di SAF

    recensione meravigliosa e nn ho parole x descrivere l'album che è una cosa strepitosa!!!

  8. #8
    Supporter


    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    187

    Predefinito Riferimento: RecensionI di SAF

    Bellissime recensioni

  9. #9
    Roadie


    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    772
    Inserzioni Blog
    17

    Predefinito Riferimento: RecensionI di SAF

    molto belle, grazie ^^

  10. #10
    Roadie


    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    613
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Riferimento: RecensionI di SAF

    mmm sinceramente a me la recensione non piace molto, da come la pongono non ti invogliano molto a comprare il cd se dicono "'pericolo sonnolenza'".
    cioè ben strutturata, ma ha molte critiche, che siano costruttive o no, non sono molto positive.
    anyway è comunque una cosa soggettiva alla fine

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •