Premetto con il dire che a me fa schifo. L'ho scritta il giorno del compleanno di Ka ma è stata nascosta nel pc fino ad oggi. Accetto - anzi, adoro - le critiche.

● Make a Wish

30 maggio 1995
“3 – 2 – 1 .. TANTI AUGURI MIMMO!!”
Un bambino che soffia le candeline, ridendo come un pazzo per aver appena fregato una ditata di panna dalla sua torta enorme dei power rangers. Una folla di altri bambini, tutti sui dieci anni d’età, che lo abbracciano alcuni applaudendo, altri battendo i piedi a terra per fare ancora più chiasso. “Hai espresso il desiderio?” “Certo!” “Cos’hai desiderato?” “Dai che se te lo dico non si avvera!” il bambino scuote il capo sorridendo ed abbraccia l’amico, poi torna a bere coca cola, saltellando per tutto il giardino.
“Eddai Mimmo dimmelo” eccolo, Dani, che torna alla carica con il classico tono da –tipregotipregotiprego-
mentre lui gioca a pallone.
“Ok che palle” questo sbuffa e poi riprende “che staremo tutti sempre insieme ok?” la bambina, sdentata, sorride “io, tu, Marco e Stefano?” “Si e Giulia” “Si e anche Giulia” finalmente il bambino viene azzittito e torna a giocare in un angolo del porticato con altri ragazzini.

30 maggio 2011
“Perché è un cattivo ragazzo, perché è un cattivo ragazzo, perché è un cattivo ragaaaazzooooooo nessuno lo può negar” un coro di amici che finita la canzoncina / presa per il culo, brinda al compleanno del loro migliore amico con un boccale di birra a testa mentre il festeggiato spegne le candeline, ventisei per l’esattezza, posizionate su una sottospecie di torta minuscola. “Cos’hai desiderato?” Dani si affaccia sulla sua spalla, cinguettando allegro a causa di un bicchiere di troppo “Che palle che sei oh” “******a in tutti questi anni non è mai cambiato” “ste vai a farti friggere” il gruppo ride e scherza come circa sedici anni prima. Manca solo una persona “Dov’è l’idiota?” “sempre a chiedere di lei” “sai com’è… è il mio compleanno, vi vorrei tutti qui oltretutto il regalo mio ce l’ha lei e poi è tua sorella dovresti saperlo” “ma non lo so usciva da lavorare tardi stasera” e circa mezz’ora dopo arriva pure la bruna, consegnando al festeggiato un pacco enorme “Auguri Ka” gli sorride imbarazzata e si va a sedere. “Una chitarra? Ma voi siete pazzi” “tutto merito di Pedro!” “modestamente!” il cantante si esibisce in un inchino “io tanto lo so cos’hai desiderato. In sedici anni non sei ancora cambiato” ancora Dani. Sorride, il chitarrista, brindando a quel gruppo di amici un po’ bizzarro.