Vai a Team World Shop
Pagina 5 di 5 PrimaPrima ... 345
Risultati da 41 a 47 di 47
Like Tree67Likes

Discussione: Avril vecchia/nuova/critiche e altro: al forum Italiano piace

  1. #41
    TW superstar


    Data Registrazione
    Dec 2011
    Messaggi
    2,316

    Predefinito Re: Avril vecchia/nuova/critiche e altro: al forum Italiano piace

    Citazione Originariamente Scritto da AviE_MileY Visualizza Messaggio
    Ad Avril non interessava vendere con GL, voleva farlo uscire a qualunque costo e così è stato..Avril ha scritto WTH non la RCA, una canzone può essere una hit e profonda allo stesso tempo anche ai questi tempi: Somone Like You di Adele ne'è l'esempio vivente!
    I Love You è radiofonica ma ha un significato, la RCA le ha solo chiesto di scrivere canzoni più radio-friendly non di scrivere di andare con 1000 ragazzi perchè tanto che diavolo sono stata brava tutta la mia vita.

    E man man che il tempo passava quella canzone l'ha adorata e ha snobbato tutte le altre canzoni per cui ha lottato..se GL non ha avuto successo è anche per colpa sua!
    Penso che se doveva cantare una canzone commerciale come What the hell penso che a sto punto ha dovuto per forza adattarsi a quella e renderla commerciale anche in quello da scriverci nella canzone! Doveva renderla completamente commerciale anche nel suo contenuto voglio dire! Infatti con what the hell mi ha delusa ma per il resto dell'album no sinceramete, le altre canzoni non sono commerciali nè per il sound nè per quello che c'è scritto in tali canzoni. Goodbye Lullaby non sarà un album grande come Let go e Under my skin ok, ma resta cmq un album da rispettare io penso

  2. #42
    Roadie


    Data Registrazione
    Apr 2012
    Messaggi
    613
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Avril vecchia/nuova/critiche e altro: al forum Italiano piace

    Citazione Originariamente Scritto da JeAVRIL_93 Visualizza Messaggio
    mi trovo a concordare con ogni cosa detta da gioavr e con il post con le foto che mostravano i vari look di Avril nel tempo postato da Avie_Miley...ormai Avril riesco a vederla solo come una eterna ragazzina che ha raggiunto il successo e quindi come qualcuno ha detto "vive di rendita" e pensa più che altro a divertirsi e a fare meno del minimo indispensabile per continuare ad avere un nome nella scena musicale (nome che sta iniziando a scomparire però)...che tristezza! Sul look ho già espresso diverse volte il mio parere quindi non mi esprimo, per il carattere...si, è vero che Avril è sempre stata fredda coi fan ma ora se possibile è peggiorata! E poi mi sono stufata di vedere che perde tempo per twittare del 40% di sconto sui capi Abbey Dawn ma non scrive mezza riga su How You Remind Me o sul nuovo album! Per lei siamo solo una massa di ragazzini (anche se tanto ragazzini non lo siamo più ormai) con in mano dei soldi da spendere per riempire le sue tasche? Prima aveva passione nel fare musica, pensava solo a quello, andava fiera di essere una cantante...ora sembra quasi essere diventato un hobby che inizia anche a scocciarla! Oggi è uscita HYRM e io nemmeno avevo voglia di ascoltarla...non avevo aspettative, quasi nemmeno mi interessava! Poi l'ho ascoltata e mi sono innamorata per l'ennesima volta della voce di Avril ma nonostante ciò se penso a come si comporta non posso fare a meno di essere tremendamente arrabbiata e delusa con lei...è il suo modo di fare che mi sta allontanando da lei, la sua musica mi piace ancora come il primo giorno ma lei mi sta diventando veramente ANTIPATICA e fino a 3/4 anni fa non avrei mai minimamente immaginato di poter dire una cosa del genere di lei, il mio idolo da sempre! Almeno ora pretendo che inizi a smuovere qualcosa per il nuovo album o veramente non so cosa le passi per la testa
    quoto ogni singola parola, anche le virgole.
    JeAVRIL_93 likes this.

  3. #43
    Supporter


    Data Registrazione
    Sep 2011
    Messaggi
    155

    Predefinito Re: Avril vecchia/nuova/critiche e altro: al forum Italiano piace

    Secondo me Avril è sempre la stessa. Da quando indossava le cravatte sino ad oggi che ha mille ciocche colorate, Avril ha sempre fatto ciò che si sentiva di fare.
    Fregandosene se cambiando da ragazza arrabbiata di UMS a tutto quel rosa di TBDT avrebbe perso fan. è sempre stata se stessa; poi, anche io la preferivo, quando jeans e maglietta, suonava le chitarra e metteva emozione, ma in fin dei conti Avril è sempre la stessa, ha sempre fatto ciò che voleva e credo l'abbiamo ( e continuiamo) ad amarla proprio per questo. Sincera fino alla fine.

  4. #44
    AVRIL MOD


    Data Registrazione
    Oct 2007
    Messaggi
    1,327

    Predefinito Re: Avril vecchia/nuova/critiche e altro: al forum Italiano piace

    Per me Avril è sempre uguale, non m'importa come si veste ,di che colore si fa i capelli cosa pubblica su twitter ,certo un po di rabbia me la fa quando sparisce per mesi,però penso che il tempo di attesa ripaghi sempre

  5. #45
    Backstage Addicted


    Data Registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    372

    Predefinito Re: Avril vecchia/nuova/critiche e altro: al forum Italiano piace

    Citazione Originariamente Scritto da kolpevole52 Visualizza Messaggio
    Per me Avril è sempre uguale, non m'importa come si veste ,di che colore si fa i capelli cosa pubblica su twitter ,certo un po di rabbia me la fa quando sparisce per mesi,però penso che il tempo di attesa ripaghi sempre
    quoto tantissimo, non ha bisogno di dimostrarci che ci ama e bla bla bla, ha bisogno di parlarci di musica quando c'è musica, anche per me è sempre la stessa

  6. #46
    EliosPriors91
    Guest

    Predefinito Re: Avril vecchia/nuova/critiche e altro: al forum Italiano piace

    Discorso ostico da affrontare, questo.
    E il concetto che racchiude ha messo in discordanza generazioni di fans.
    Quante guerre, quante polemiche. Ma per cosa, poi?
    Meglio prima o dopo? Under My Skin o The Best Damn Thing?
    Io la penso in un modo un po particolare, e per esprimere il mio pensiero, dovrò scrivere in maniera dettagliata, dal prima al dopo di lei.
    Inizio con il dire che prima di Avril c'era non dico il nulla, ma quasi. Il mondo della musica smise di interessarmi dal '98. Prima di questa data, i miei interessi a livello musicale erano esclusivamente in Italia. La musica straniera non mi interessava per nulla. Dopo questa data l'interesse cadde: con Zucchero, con Pino Daniele e con gli 883 avevo già ascoltato tutto. Si, c'erano le hit del momento, alcune mi piacevano pure. Ma allora non mi interessava chi cantava, chi c'era dietro la canzone, a differenza di oggi. Usa e getta, praticamente.
    A volte conoscevo i nomi di chi cantava, ma alla fine che importava? Non seguivo nessuno o nessuna, figuriamoci poi se lo consideravo rilevante.

    Ma passiamo al 2002-2003, quando Avril esordì. Venni piacevolmente colpito da quella ragazza, dalla sua grinta, dal suo stile, dai vestiti particolari, originali, e soprattutto inusuali, considerando che allora la scena musicale era dominata da volgari e svestite scosciate, sculettate ed iperpoppute mignotte mai troppo sverginate (però a pensarci bene non è che la situazione sia cambiata poi tanto -_-), delle quali ero arcistufo. Per questo dicevo metaforicamente "questa cantante mi piace perchè porta i pantaloni". Però non sapevo ancora quanto, successivamente, mi sarebbe piaciuta. Non avevo idea dell'importanza che poi avrebbe avuto in un futuro non troppo lontano.

    Posso considerare Avril, senza utilizzare troppe parole, come la prima. Non c'è da dire altro, è sufficiente questo. La prima di un sacco di cose, chiarirei. La prima cantante che amai, la prima cantante straniera che amai (prima di lei c'erano Alanis Morissette, Natalie Imbruglia e Lene Marlin, ma non contano per le ragioni più sopra scritte), la prima cantante che seguii assiduamente, la prima persona ad avermi riportato nel mondo della musica, il mio primo amore. Ed altre cose per cui Avril precede gli altri.

    Infatti, la hit "I'm with you" mi rapì. Era sulla strada per avermi in pugno. La trovai poi nella seconda audiocassetta del Festivalbar 2003, che custodii gelosamente. Considero I'm with you come la più bella canzone dell'album Let Go, e precede Complicated che, seppur bella, come tutte le canzoni di quell'album, non ebbe su di me lo stesso effetto.
    Fino ad allora non credevo possibile che una cantante avesse su di me un tale fascino. Ma il sentimento di idolatria non si era ancora in me acceso. Di li a breve, Avril avrebbe assestato un colpo dopo l'altro. Sarebbe salita in vetta.
    Arrivò Under My Skin. Avril era tornata. Era cambiata. Presi al volo il cd. Vidi la sola foto sul suddetto cd... E capii che la amai. Capii che io e i miei soldi ormai appartenevamo a lei. Capii che ormai ero diventato un fanatico.
    L'album Under My Skin, non solo incontrava i miei gusti molto complicati (come lo sono adesso), ma era praticamente perfetto. Le sonorità, la linea melodica, profonde ed evocative, suscitavano in me così tanto entusiasmo, che ogni volta che ascoltavo l'album, era sempre come se lo ascoltassi per la prima volta. Non successe mai per nessun'altro. Me ne sbattevo dei testi. Solo la musica era tutto in quell'album. Questo, unito all'aspetto della cantante, mi travolse.
    Dopo aver comprato il CD, ne feci addirittura 5 copie, trasformando l'originale in una reliquia, divenni un profondo conoscitore del Canada, in particolare dell'Ontario, proibii in casa l'utilizzo della parola Deryck Whibley, ogni volta che in un telefilm, come canzone di sottofondo c'era una delle sue, il cambio del canale si bloccava finchè non finiva, rimasi male per un mese quando, cercando di staccare il foglietto delle traduzioni di UMS, lo strappai. Non avendo ancora internet mi arrangiavo come potevo: registravo tutti i suoi live, tutti i suoi video musicali, e ogni singola intervista su Mtv. La qualità video era pessima, ma non importava: mi bastava vedere Avril Lavigne, tutte le volte che volevo. Cercavo nelle riviste, foto di lei, che ritagliavo, e che mettevo via. Studiavo addirittura le sue canzoni, ogni singola perla, e le facevo mie, per usarle come criterio per valutare tutto ciò che prima o poi avrei ascoltato: cantanti o gruppi musicali di ogni genere. Fu un'estate che definirei superlativa. Ed Avril ne era la colonna sonora. Lei era tutto. Ed io ero molto ingenuo, perchè mai mi ritrovai in una simile situazione. Avril aveva scritto, ed era diventata la colonna sonora della mia vita. Entrambi gli album erano per me, tesori di inestimabile valore. Ed io, in continuazione ero scontento, perchè a quel tempo su TRL, nei sondaggi erano sempre favoriti i Blue ad Avril, che appariva sempre poco sul canale. Dovevo aspettare giorni, prima di vedere un suo video.
    Ma si. Quella fu una bellissima estate. Ed Avril ebbe una buona parte di merito.
    Ma andiamo alla parte del racconto che ai più potrà risultare banale, ma che contiene il sunto del percorso che avrebbe formato la mia opinione in merito.
    Passati pochissimi mesi, il 2005, mentre guardavo Mtv prima che trasmettessero il video di "Nobody's home", ci fu un'intervista fatta alla stessa Avril sul video in questione. Vidi qualcosa che mi lasciò un po così: non sconvolto, non basito, ma perplesso: il colore dei capelli di Avril era biondo platino. Ora, NON SIA MAI CHE PENSIATE CHE IL COLORE DEI SUOI CAPELLI MI DIEDE PERPLESSITA', CI TENGO A CHIARIRE.
    E solo che dopo quell'intervista ebbi una spiacevolissima sensazione, come se di li a breve un presagio, un malaugurio si sarebbe abbattuto sulla classifica dei miei cantanti e gruppi preferiti. Forse perchè sapevo che infondo anche Avril, come tanti altri prima di lei, avrebbe deciso di vendersi, di conformare la sua musica alle mode, di commercializzarla all'eccesso. Ma io non ci volevo credere.
    Dopo il matrimonio di Avril, che era sempre meno presente sui media, mi accorsi con mia grande sorpresa che i "chi se ne frega" aumentavano più dei "mi interessa, fammi vedere, fammi sentireeeee", che pur non diminuendo, rimanevano stabili.
    Ma c'era un'altra cosa che nel frattempo aumentava: l'attesa per il nuovo album: The Best Damn Thing. Ricordo ancora l'impazienza di quei giorni. Ma prima venne il primo singolo, Girlfriend. Ero felicissimo, raggiante. Finalmente Avril era tornata!!! Ci avrebbe deliziato di nuovo come solo lei sapeva fare!!! Finalmente quel brutto presentimento che mi sono portato dietro da quella maledetta intervista, si sarebbe rilevato privo di fondamento!!! Dicevo "stupiscimi, Avril"!!!

    Mi stupì, infatti...

    Al termine della canzone, e del suo video, ero sconvolto, basito, scioccato. Quasi cadevo a terra. Alle mie spalle mancava solo la leggendaria palla di fieno sospinta dal vento nel silenzio di un deserto.
    Mancava solo il suono del grillo emesso nel silenzio di una foresta quando vi è imbarazzo generale. Una sola cosa mi venne da dire dopo essermi ristabilito: "quella non è Avril Lavigne. Avril non farebbe mai così in un suo video: moine trashose al limite del ridicolo, improponibili ed improvvisati balletti alla Britney Spears o peggio, anonimato generale che pervade il tutto. Perchè?"
    L'album mi convinse ancora meno: già la copertina rigorosamente rosa mi fece tremar di paura, figuriamoci poi il suo contenuto. Scontato,
    banale e soprattutto privo di personalità, e di quella passione che contraddistingueva i suoi album. Under My Skin e Let Go erano lontani anni luce da questo lavoro. Ma ciò non è positivo, anzi, è MOLTO negativo, in quanto questi ultimi due album erano molto più maturi, molto più profondi, molto più belli. Avril non era maturata affatto come artista; si era venduta. Ha venduto se stessa e la sua musica, rendendola senz'anima, e dandola in pasto alla massa. Fu lei, nei primi anni del 2000, che diventò l'artista preferita di molti, la boccata di aria fresca nel panorama musicale, il punto di riferimento di tutti coloro che mai e poi mai avrebbero comprato l'ennesimo album dell'allora onnipresente Britney Spears, e della sua rivale Christina Aguilera. In quel momento però la vedevo come l'ennesima sua copia. La copia riuscita male di se stessa.
    Presi dunque l'album, si. Ma lo misi lontano dai precedenti due, in un posto a parte, e mi occupai di altro.
    Il tempo passava, l'esperienza musicale cresceva, e i gusti musicali cambiavano. Ma Avril, anche dopo la delusione del precedente album, è rimasta li. E' riuscita a strapparsi a forza un posticino speciale nel mio cuore. Anche con il nuovo album "Goodbye Lullaby" il discorso era il medesimo. Prima della sua uscita Avril disse che sarebbe stato dalle sonorità più scarne ed essenziali. Speravo che non fosse neanche simile a quello che l'ha preceduto. E comunque lo sforzo che Avril avrebbe dovuto fare per riparare al danno precedente, sarebbe dovuto essere più che considerevole.
    Esce il nuovo album e lo compro. Che dire...
    Si, va bene. E' carino, è bellino. Un buon album. Ma dove sono le emozioni, le sensazioni che con Under My Skin è riuscita a far provare? Dov'è quella maturità artistica che ho sempre desiderato vedere? dov'è quell'albero grande e forte che doveva nascere dal seme chiamato Under My Skin?
    Si, lo so, ho fatto troppe volte il nome "Under My Skin", ma è QUELLO, l'apice, il più alto traguardo mai raggiunto da Avril.
    Quindi GL è un album da buttare? Assolutamente no. E' valido ma in parte anonimo.
    JeAVRIL_93 likes this.

  7. #47
    EliosPriors91
    Guest

    Predefinito Re: Avril vecchia/nuova/critiche e altro: al forum Italiano piace

    Ed eccoci qui, con un nuovo album, e una nuova canzone alle porte.
    Come sempre ho fiducia. Sta solo a lei non tradirla.

    Quindi, dopo questo papiro, qual'è tutto sommato, la mia opinione in merito? Potrei dire "generazione precedente", ma continuo a seguirla.
    Potrei riassumerla dunque in una frase: "CHI SE NE FREGA!!! Chi se ne frega di Abbey Dawn, chi se ne frega di Brody Jenner, di Chad Kroeger, del suo Manga, dei festini, di Twitter, di un pezzettino di canzone tradotto in tutte le lingue del mondo ecc ecc. Rivoglio Avril Lavigne! Rivoglio il suo entusiasmo mentre suonava, mentre cantava. Rivoglio Avril Lavigne nelle sue stesse canzoni. Rivoglio l'indomita Avril Lavigne, l'incommerciabile, l'invenduta. La rivoglio quando ci faceva emozionare, entusiasmare, SOGNARE!!!"

    Penso sia tutto.
    E' stato più uno sfogo che una vera e propria risposta. Fiumi di parole, ecco.
    Per concludere, però, una precisazione è dovuta: è pur vero che i miei gusti musicali e i miei interessi sono mutati con il tempo. Ma UMS, dopo tanto tempo è ancora li, esposto a mo di reliquia, sottratto alla polvere e al tempo (ho già le 5 copie, quindi non potrò lamentarmi di non ascoltarlo XD) insieme ad altri due cd.
    ovunque vada, e qualunque sia il mio stato d'animo, la vedo ancora lì, mentre suona e canta I'm With You, in un estate da tempo finita, ma nel mio cuore mai terminata.
    JeAVRIL_93 likes this.

Pagina 5 di 5 PrimaPrima ... 345

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •