Vai a Team World Shop
Visualizza Feed RSS

walkingwithaghost.

"Avril Lavigne" e tutto il resto

Valuta Questa Inserzione
Di , 06-11-2013 alle 04:34 (855 Visite)
Scrivo sempre nei momenti di vuoto, quindi automaticamente questo coincide con "a notte fonda".
E' appena finito il 5 novembre e sto riascoltando per la millesima volta "Avril Lavigne" ed i pensieri vanno un po' da sé, come se fosse in atto un flusso di coscienza alla Joyce, quindi non mi prendo molto la responsabilità di quello che scriverò in questo post.

Cosa ne penso? penso che sia tutto un po' un pasticcio, tentativi di trovare un nuovo sound che possa rispecchiare la nuova Avril (perché di questo si tratta, di una nuova Avril) ma con dei picchi di maturità e introspezione notevoli.
Nel complesso è un album buono, promosso male e con qualche canzone che avrei volentieri saltato (es. Here's to never growing up) ma compensate da altre che hanno la capacità di far venire la pelle d'oca all'istante.
La mia preferita attualmente è Hello Heartache, nonostante sia allo stesso livello di Fallin' Fast e di Hush Hush, mi sono sentita subito, come dire, travolta. E' qualcosa inspiegabile a parole.

Molti sostengono che il primo ascolto di un album è il momento cruciale, io sono di tutt'altra opinione. Ho scoperto la bellezza di Hush Hush dopo averla ascoltata almeno 8 - 9 volte, mentre camminavo per Milano è partita dalla riproduzione casuale e mi ha colpito in pieno, mi sono dovuta letteralmente fermare.
Eccetto qualche "scivolone", quest'album è riuscito a rendere a parole quello che non riuscivo a dire da tempo.

"I didn't mean to kiss you
You didn't mean to fall in love
I never meant to hurt you
We never meant for it to mean this much

Hush, hush now

I wanted to keep you
Forever next to me
You know that I still do
And all I wanted was to believe

Hush, hush now

So go on, live your life
So go on, say goodbye
So many questions but I don't ask why
So this time I won't even try
Hush, hush now
"

Lo canterei a scquarciagola se potessi, se fosse sufficiente, se qualcuno mi ascoltasse. (se non fossi stonata, aggiungerei)
E' come se questa canzone fosse un duetto, so che la terza strofa che non ho postato è per me.
Non è presunzione, è che purtroppo questo è quello che non siamo mai riusciti a dirci.

Domani mi arrivano i biglietti per Londra, dovrei trasferirmi definitivamente il 2 dicembre e ho solo pensieri malinconici per la testa. Spero di realizzare il mio sogno, di essere accettata nell'università di fotografia, di avere una vita migliore di quella che ho adesso.

Avrei tante cose da dire ma non credo di potercela fare, non voglio nemmeno provarci in realtà.
gioavr likes this.

Invia ""Avril Lavigne" e tutto il resto" a Google Invia ""Avril Lavigne" e tutto il resto" a Facebook

Categorie
Non Categorizzato

Commenti