Vai a Team World Shop
Visualizza Feed RSS

Simply...Me

...12 novembre 2009...

Valuta Questa Inserzione
Di , 14-11-2009 alle 16:20 (279 Visite)
Ho pensato tanto prima di scrivere questo post perchè la domanda che mi ronzava in testa era sempre quella: ma è possibile descrivere a parole tutto quello che ho provato?
La risposta è, molto probabilmente, no.
Ma ho deciso di tentare.

Tre giorni di ansia, quelli precedenti al concerto.
Troveremo i posti o ce li ruberà qualcuno?
Saranno dei bei posti?
Rimarrò delusa?
Riusciremo ad arrivare in tempo?

Quando mi sono trovata davanti a quel palazzetto con i miei amici ancora non avevo ben realizzato.
Quando siamo entrati e ho visto l'enorme palaolimpico che si stava velocemente riempiendo mi sono venute le gambe molli, tanto che stavo per cadere dalle scale, ripidissime tra l'altro.
I posti non erano il massimo, eravamo abbastanza lontani e non sono riuscita a distinguere bene le facce.
Questo mi rode parecchio quando ci penso, a dir la verità.
Poi, però, ho pensato: cavoli, ma ho davanti i Green Day! Quanta gente vorrebbe essere al mio posto?

Venti alle nove le luci si spengono e subito un urlo sale dalla folla.
Uno dopo l'altro entrano Loro.
Loro.
Quelli che io considero veri e proprio Dei della Musica.
Fin dalla prima canzone è una carica pazzesca.
Indescrivibile l'adrenalina e l'energia che riescono a trasmetterti quei tre pazzi.

I momenti più belli e speciali?
-"Holiday". La mia canzone preferita in assoluto. Quando Billie Joe ha cominciato a suonarne le prime note ed ho realizzato di che canzone si trattava, bè, lì non mi ha trattenuto più nessuno. Ho cominciato a saltare come una pazza e a cantare ogni singola parola della canzone, tanto che alla fine non avevo più fiato.
-"Minority" e "Basket Case". Anche queste sono fatte per saltare come matti e, guardando giù nel parterre, si notava un pogo assurdo!
-"American Eulogy". Adoro questo pezzo, soprattutto il pezzo in cui ha cantato Mike.
-Il "grazie Torino" e "Noi amiamo l'Italia" di Billie Joe. Troppo tenero il modo storpiato in cui l'ha detto. Il suo graffito: "I love Italy" su una delle scenografie del palco. I baci che ha mandato al pubblico e ancora i numerosi ringraziamenti... Siamo noi a dover ringraziare Voi per le emozioni uniche che sapete regalarci con un live e non solo.
-Billie Joe che cede la sua chitarra a Trè e si dirige alla batteria, mentre Trè, imbracciato lo strumento del cantante, comincia a cantare e suonare. Quanto era buffo, ma troppo bravo!
-"King for a day" e i loro strani ma divertentissimi travestimenti. Trè vestito da donna con un reggiseno rosso addosso. I giochi con il pubblico.
-Tutte le persone che Billie Joe ha fatto salire sul palco. Quanta invidia, lo devo ammettere che stavo quasi male a vederli. D'altronde, chi non avrebbe dato qualunque cosa per essere al loro posto? Quella che ha cantato tutta "longview", quelli che hanno fatto il duetto insieme a Billie, quella che ha ballato insieme a lui uno strano valzer improvvisato.
-Trè e Mike che escono di scena e Billie Joe che rientra e si dirige alla fine del palco con la chitarra. Non una chitarra qualsiasi, però. No. Perchè io l'ho riconosciuta: era la stessa del video di "21 guns" e quindi in pochi secondi realizzo. Mi vengono già le lacrime agli occhi.
Le prime note iniziano e il pubblico urla, con le mani al cielo, cantando insieme a Billie Joe, parola per parola. Io abbracciata alla mia amica, tutte e due con le lacrime agli occhi.

E poi quel Momento. Il finale.
Le note di "Wake me up" risuonano nel palazzetto, alcuni tirano fuori gli accendini e si vedono tutte le braccia che, a tempo, vanno da una parte all'altra, accompagnando il ritmo della canzone.
Finito il pezzo è tempo di "Time of your life" e io canto. Canto con gli occhi lucidi ripensando a tutte le volte in cui l'ho ascoltata ed ero triste, ripensando a quanto mi piaccia il suo significato, ripensando a quando la sentivo nella mia cameretta e sognavo di poterla un giorno ascoltare dal vivo. Ho realizzato che li avevo davvero lì davanti a me, anche se non vicino, Loro erano lì.
Finita la canzone Billie Joe si prende i suoi strameritatissimi appalusi mentre Mike e Trè lo raggiungono e poi spariscono così, di corsa, dando ancora un ultimo sguardo a quella folla in delirio per Loro e per la Loro Musica.

Vedere la loro grande energia e pazzia è stata un'emozione unica.
Era il terzo concerto di seguito, ma questo non ha impedito loro di dare il massimo e di essere straordinari.

E che dire di più?
Quella serata resterà sempre nei miei ricordi, nel mio cuore, nella mia mente.
E' stata una della più belle della mia vita.
Non scorderò mai i momenti in cui avevo la pelle d'oca alta tre metri e i brividi in tutto il corpo
e questo ancora non basta per dire tutto quello che ho sentito.
Il 12 novembre 2009, io ho realizzato uno dei sogni della mia vita.
E ho capito che, allora, i sogni non esistono per rimanere tali
.

Invia "...12 novembre 2009..." a Google Invia "...12 novembre 2009..." a Facebook

Categorie
,‎

Commenti