Vai a Team World Shop
Visualizza Feed RSS

* [+ .Ŧยll ๓๏๏ภ.+ ] *

Vite Parallele *

Valuta Questa Inserzione
Di , 29-07-2008 alle 14:11 (1081 Visite)
Sconsiglio questo intervento a persone impressionabili,e spero che i moderatori riusciranno a perdonarmi questa piccola debolezza che mi sono voluta concedere oggi.

Ma era una cosa che sentivo di dover fare.


Con le pubblicità graziose non si arriva da nessuna parte.

Le campagne contro l'abbandono dove l'animale è il tenero gattino curato di un avatar o di una firma,scivolano sull'animo delle persone come pioggia in una fresca giornata estiva.


Quella non è vera sofferenza.

Quelle non sono storie reali,e quell'animale non è infelice come i molti che quotidianamente attraversano le nostre strade.

Molti che probabilmente non riusciranno a trascinarsi sino all'altro capo del marciapiede.


E che se anche riuscissero a farlo,non troverebbero altro che un nuovo dolore pronto ad accoglierli fra le sue possenti braccia.



Credete che le persone che lavorano in un canile possano avere cura del vostro animale,così come avete fatto voi prima di liquidarlo per il primo week-end all'estero?



Vi sbagliate,amici miei.
Ed anche di molto.

Senza cure o alcun vaccino,questi cuccioli è probabile che non vedranno il loro primo inverno.

Separati dalla madre,se al loro ingresso nella struttura avranno la fortuna di averne ancora una.

Messi in box sudici,dove l'igiene cresce di pari passo al buonsenso di coloro che li chiudono in quelle gabbie arrugginite,si spegneranno rapidi come ne sono entrati

Sani accanto a malati.

Quieti affiancati a repressi e maltrattati.

Buoni e cattivi?
No,non vi è animale cattivo per natura
.



I giorni passeranno,e la bellezza selvaggia dell'animale appassirà come un fiore non curato per troppo tempo.


Il pelo si sfoltirà,il carattere docile diverrà sempre più schivo.

E la fiducia che a fatica l'uomo stesso era riuscito a far sgorgare dai suoi sentimenti si trasformerà unicamente in un pallido ricordo.


Nessuno vorrà più quel cane.

Canile compreso.

E la sola scelta possibile da applicare sarà tracciata dall'inevitabile.


Tutto questo per pochi giorni di mare.




Ne vale realmente la pena?

Invia "Vite Parallele *" a Google Invia "Vite Parallele *" a Facebook

Categorie
Non Categorizzato

Commenti

  1. L'avatar di monset
    • |
    • permalink
    noooooooooooooooooooooooooo
    sn esseri umani cm noi
    anzi meglio di noi
  2. L'avatar di » Mitchie
    • |
    • permalink
    Io non ho parole.
    Certe persone sono proprio stupide. Prendono un cane solo come "giocattolo". Poi quando si sono stacanti, o devono andare in vacanza, appunto, lo gettano via.
    Oh, ma sono più esseri umani di noi.
    Anche loro provano le nostre stesse sensazioni.
    Vorrei vedere se fosse il contrario. Vorrei vedere se il cane fosse il padrone dell'uomo. Vorrei vedere il cane, abbandonare il suo "giocattolo" per strada e, dopo, vorrei sapere come l'uomo, si sente.
  3. L'avatar di MichelaLoveLee
    • |
    • permalink
    è davvero Molto triste ttt qst... è ingiusto! io già parto tantissimo, mi sposto parecchio ma il mio gatto lo lascio sempre a qualche parente piuttosto ke lasciarlo solo ed abbandonato! hai fatto bene Sana, certe immagini forse sn quelle ke possono svegliare meglio la gente!
    grande intervento sorrellina Ryanosa dividitrice di fegato paso adelantosa non chè cognatina Ullielosa piena di tanto miele!!! che mondo sarebbe senza di noi????????? povere oche a cui gli bruuuuuuucia ke siamo così Ullielose!
  4. L'avatar di Valsyy*
    • |
    • permalink
    Hai fatto bene a postarlo, chiunque abbia un animale - soprattutto un cane -, deve capire quanto è importante per esso una sistemazione accurata nel periodo estivo in cui i padroni se ne vanno in vacanza.
    Non si può buttarlo in mezzo alla strada, e nemmeno affidarlo a canili (ed hai ragione, tempo fa abitavo accanto ad un canile e gli animali non erano messi certo in posti così lussuosi), non c'è più rispetto per niente e nessuno.
    Certo che il mondo lo stiamo rovinando giorno dopo giorno... perché non tutti se ne accorgono?