Vai a Team World Shop
Visualizza Feed RSS

lukina95

Palazzina 19.08.10

Valuta Questa Inserzione
Di , 30-08-2010 alle 09:29 (443 Visite)
In questo post vi racconterò della mia gita a Palazzina quest'estate. Vi avviso subito che non ha proprio un lieto fine...

Palazzina 19.08.10

Martedì 19 Agosto 2010, io e i miei genitori, che abitiamo a Milano, abbiamo deciso di andare a Verona per una giornata in famiglia. Ovviamente io ero emozionata e carichissima, non c'ero mai stata e poi si sa cosa significa quella città per noi sonohrine!
Al mattino, mentre stiamo per arrivare a Verona, ci fermiamo in un bar e i miei genitori mi dicono che se volevo al pomeriggio saremmo potuti passare per Palazzina a salutare Luca e Diego. Io quasi muoio per la gioia, soprattutto perché non me lo sarei mai aspettata da loro, dato che non hanno propriamente una grande simpatia per i Sonohra. E poi, per me che nonostante li segua da due anni non sono mai riuscita a vederli dal vivo, sarebbe stata una grandissima opportunità per avverare il mio sogno più grande...
Così, terminato di visitare la città, decidiamo di raggiungere Palazzina. In macchina tremavo, ero tesissima e cercavo il più possibile di non pensarci, ma era tutto inutile, ero troppo emozionata! Dopo molte difficoltà per trovare la strada e un po' di confusione, eccoci arrivati a Palazzina. Avevo il cuore che mi stava scoppiando. Mio padre in macchina si mette a ridere e a prendermi in giro tanto per farmi un po' sorridere, ma io sono troppo nervosa, e mi metto a gridargli contro!
Arrivati nella via di Luca e Diego, noto che non c'è nessuna fan davanti casa. "Brutto segno" penso. Però le macchine dei ragazzi ci sono. E anche quella del tour. Questo mi da un po' di speranza, ma non mi illudo. Scendo dalla macchina come fossi un pezzo di legno. Non ho mai provato tanta tensione in tutta la mia vita, giuro!
Mi avvicino al campanello ma non ce la faccio a suonare. Così suona mia mamma. Dopo circa una ventina di secondi si affaccia una bionda alla finestra del primo piano. è Elisa.

"Si?" fa lei.
"Ci sono Luca e Diego?" chiedo io, quasi urlando.
"No, mi dispiace!" risponde lei.

Ecco, in quel momento ho sentito il mondo crollarmi addosso. E la tensione, invece che andare via, si intensifica. Comincio a tremare come quando esci dalla doccia d'inverno. Sento freddo, ma sono le tre del pomeriggio e il sole scalda. è una sensazione che non riuscirò mai a spiegare...

"Oh, no!" esclamiamo io e mia mamma.
"Se volete trovarli potete passare verso le 6 o le 7" dice Elisa.
"Signora, ma noi siamo di Milano" dice mia madre.

Macché. Io non posso aspettarli fino alle 6. A quell'ora devo già essere a casa.
Salutiamo Elisa e lei chiude la finestra.
Basta.
è tutto finito.
Il mio sogno si è all'improvviso volatilizzato.
Scatto alcune foto e salgo in macchina. Sapevo che i ragazzi erano in casa. Non solo perché fuori c'erano le macchine, ma perché me lo sentivo. Mentre stiamo andando via esce Elisa, e prende qualcosa nella macchina di Luca.
"Ma bene!" penso. Ora ho la certezza che almeno Luca, era in casa. Questo mi fa male.

Durante il viaggio del ritorno mi rilasso un po'. Sapete, è brutto credere in qualcosa che poi non si avvera. Soprattutto se sai che si sarebbe potuto avverare con un niente. E invece no.
Tornata a casa, vado su Facebook e parlo con alcune fans. Mi dicono che anche loro parecchie volte li hanno dovuti aspettare fino alle 7, perché prima non escono. Però ho parlato anche con ragazze che sono riuscite a farli uscire anche alle 3 del pomeriggio...
Che grande casino, cavolo.

Il ricordo di quei momenti davanti casa loro è dolce. Insomma, ero davanti casa loro, mica è poca roba! Però a volte mi sento un po' triste ripensandoci. E so di essere terribilmente egoista. è ovvio che è meglio andare a un concerto piuttosto che rompere le balle a casa loro. Ma io ai concerti non posso andare.
Va bhè, almeno ci ho provato, no? Sempre meglio che non andarci proprio. E chissà, magari un giorno ci ritornerò. è andata male? Pazienza...dal resto mica posso avere tutto...

L'unica cosa che posso fare è continuare a seguire la loro stupenda musica
Quella si che ti fa stare bene...

E il resto, chissà, forse il resto verrà da sé. La pazienza è la virtù dei forti!
E nonostante quel giorno...

GRAZiE SONOHRA...
PER TUTTE LE EMOZiONi

Invia "Palazzina 19.08.10" a Google Invia "Palazzina 19.08.10" a Facebook

Categorie
Non Categorizzato

Commenti