Vai a Team World Shop
Visualizza Feed RSS

Catherine

Racconto di un'esportata all'estero

Valuta Questa Inserzione
Di , 13-08-2008 alle 11:04 (1242 Visite)

Buongiorno!
Questo intervento lo scrivo dall'estero, purtroppo.
Inizio dicendo che non vedevo l'ora di venire in Ungheria, peccato però che qualche giorno lo devo passare anche in Romania.
Ma parto dall'inizio, sabato notte torno con la Giuli alle 4 a casa poi il tempo di mettere le valigie in macchina e verso le 5 si parte per 15 ore di viaggio. Non ho dormito niente e non mi riesce dormire in macchina.. avrò dormito si e no 2 ore in pratica ho dormito fino a dopo dopo Bologna. Simo arrivati a Venezia e già non ne potevo piu' anche se con me avevo il computer, libri da leggere, e tanti cuscini per dormire visto che con la forza mi sono presa tutto il dietro della macchina.
Siamo passati attraverso le Alpi e quei posti sono davvero ma davvero stupendi, tutte le casine tipo Heidi e le montagne che sono allucinanti. Passato il confine siamo entrati in Austria che io AMO. Non so nemmeno spiegare quanto è bella, per non parlare di Vienna che è una città stupenda. Ci sono delle campagne bellissime, dei grattaceli spettacolari, delle fabbriche enormi ed è pieno di italiani. Dall'Austria siamo entrati in Ungheria dove alla dogana un ragazzo che biascicava contento il chewing gum era convinto che io non fossi quella nel passaporto dei miei, e mi continuava a dire "Caterina?" e io a ripetere "da" e non ci credeva..
Siamo passati per quei posti che mi ricordavano quando ero piccola che non sono cambiati per niente, siamo arrivati a Budapest che è esattamente come la ricordavo ma non ci siamo fermati perchè ancora ci aspettavano 6 ore di viaggio.
Stavo per avere una crisi di nervi.
Poi finalmente siamo arrivati a casa alle 21 locali ovvero le 20 in Italia, c'è un ora di differnza ma noi da sempre non si cambia nemmeno l'orario quando si viene qui.. siamo italiani e l'orario rimane quello, così dice i mi nonno ahaha mamma mia..
Abbiamo mangiato ho disfatto le valigie e ho dovuto dormire con il mi fratello.. che disperazione.
Ora sono in Romania, che boh non so se riesco a descriverla perchè è una cosa oscena, orrenda, deprimente, non c'è NIENTE, per strada passano liberamente le mucche, i cavalli, delle cose che in Italia non ci passano manco per la testa. Le case non sembrano nemmeno case, meno male che sono a casa mia ed è stata fatta per noi quindi è una casa vera e propria perchè qui sembra davvero di essere nel terzo mondo, anzi non sembra, ci sono proprio.
Non faccio altro che dormire, leggere, stare al pc e basta. Davanti a casa mia ci stanno due ragazzi di circa 20 anni che ci provano e ringraziando il dio ho la scusa che non so il rumeno! Della gente che io mi chiedo come fa a vivere qui e in questo modo ma non sono zingari sono proprio gente a cui piace stare così. A me mi sembra assurdo ma è la verità.
Ieri esco di casa e mi passano davanti 5 cavalli a corsa, m'è presa una paura mica avevo visto cosa erano. Le mucche vanno in giro felicemente indisturbate e accanto casa mia ho una vecchia rompi***** che c'ha i galli che la mattina alle 6 cominciano a cantare e svegliano tutti, mi fa prendere un nervoso assurdo.
Non so se ridere o se piangere ma qui mi tocca dormire di pomeriggio o di sera perchè tanto la notte non c'è verso.
Ho bisogno di casa mia, del mio letto matrimoniale, della mia mansarda dove faccio cosa mi pare, della mia televisione perchè qui è tutto in rumeno o ungherese anche se abbiamo Sky ma è tutto un continuo litigare perchè ognuno vuole vedere cosa vuole lui, ho bisogno delle mie amicheeeeeee
Mi sento una sfollataaaaa
Domenica torno a casa ringraziando il cielo, non vedo l'ora.
Il casino ora è che io voglio andare a Debrecen dove ho vissuto, sempre in Ungheria, ma è lontano da qui come Firenze - Roma e l'unico modo per andare e per passare il confine e portare i mi babbo visto che sono nel suo passaporto ma ha da lavorare e sarà dura, anzi direi impossibile. Ho bisogno di vedere casa mia, anzi ex casa mia, la fontana, il gelato con il cono a bicchiere, il pane che è buono solo con la Nutella e sembra quello della pubblicità nell'etichetta, ho bisogno di rivedere tutto.
Ora qui è mezzogiorno e in Italia sono le una ma qui sono le una anche per noi. Andrò a mangiare..stasera si mangia rumeno ma vi rendete conto? Qui sto già dimagrendo! Se non torno in Italia è perchè sono morta perchè vi giuro che non ne posso piu'.
Ora vi lascio, vado a suicidarmi in piscina.



Meno male che ho Internet

Invia "Racconto di un'esportata all'estero" a Google Invia "Racconto di un'esportata all'estero" a Facebook

Categorie
Non Categorizzato

Commenti