Vai a Team World Shop
Visualizza Feed RSS

~ The Dark Side of the Moon

Giulietta & Romeo

Valuta Questa Inserzione
Di , 13-06-2008 alle 21:34 (722 Visite)
Se volgo il pensiero a quello a cui ho assistito ieri, le mie labbra si stendono in un sorriso e mi sembra di essermi appena svegliata da un sogno.
Ieri, 12 giugno 2008, l’Adriatic Arena di Pesaro è stato il luogo dove un sogno ha preso forma.
Un fantastico gruppo di artisti ha portato sul palco Giulietta & Romeo con le musiche di Riccardo Cocciante e i versi di Pasquale Panella.
Un vigoroso applauso e un poderoso inchino a chi ha dato vita a tutto questo.
Non oso immaginare quanta fatica, quanto impegno, quanta volontà, quanta determinazione ci sia dietro un progetto del genere.
Senza dimenticare una buona dose di sogni. Se uno non è capace di sognare, non credo possa dare vita ad un sogno del genere.
Per non dimenticare il talento degli artisti. Lodevole ed immenso. Scoprire poi che quasi la metà degli artisti ha la mia età o poco più, è stato motivo di maggiore ammirazione.

Mi sono innamorata di quest’opera guardando Sanremo. Sul palco dell’Ariston erano stati presentati alcuni pezzi che compongono l’opera. E mi è rimasta subito nel cuore.
Quando ho saputo che l’avrebbero presentata a pochi passi da casa mia, ho fatto di tutto per andare. E non mi pentirò mai di aver assillato mia madre così per ottenere ciò che volevo.

Quest’opera è più di un musical. Nell’immaginario collettivo quando si pensa a un musical, basti portare gli esempi di West Side Story o Grease, ci si figura nella mente degli artisti che cantano, ballano e recitano.
La vera protagonista di Giulietta & Romeo è la musica.
Gli artisti per 2 ore consecutive non fanno altro che cantare. Ogni parola, ogni pensiero è tradotto in musica.
Le capacità recitative si individuano nei gesti e nelle espressioni del viso.
C’è un corpo di ballo che in alcune scene, come quelle della festa per esempio, si esibisce in una coreografia. Ma i personaggi principali non ballano mai veramente, nonostante in alcune scene, come quella in cui vengono presentate le divergenze tra il clan dei Montecchi e dei Capuleti, è evidente che i loro colpi di spada sono regolati da movimenti ben precisi e studiati.
Ma di certo, la cosa che resta più nel cuore sono le fantastiche musiche, a volte possenti, altre volte dolci e soavi, sempre in sintonia con il testo che si adagia sopra di esse.
Attraverso i bellissimi testi, si ripercorre fedelmente la storia di Romeo & Giulietta.
L’unica incongruenza con il testo originale si trova nelle morta di Giulietta, non inflitta da lei stessa per mezzo di un pugnale, ma causata dal suo cuore che, come canta disperatamente lei, si spacca e si spezza. E lei non può fare altro che ascoltare il suo cuore. Non può fare altro che seguirlo. E così si spezza anche lei, si spezza anche la sua vita.
Ho amato questo spettacolo dal primo momento, quando Mercuzio entra in scena e inizia a cantare. In maniera sublime.

Durante l’intervallo, dopo essere riuscita a scavalcare la gente che era in fila al bar per mangiare qualcosa impedendo il passaggio, sono corsa a comprare il cd. Uno dei migliori acquisti che io abbia mai fatto senza dubbio.
Questa mattina l’ho ascoltato e mi sono di nuovo emozionata, anche se essere lì, ieri sera è stata tutta un’altra cosa.

Che altro aggiungere?
Solo un immenso g r a z i e a chi ha reso possibile tutto questo e a tutti coloro che mi hanno regalato un sogno.

Invia "Giulietta & Romeo" a Google Invia "Giulietta & Romeo" a Facebook

Aggiornato il 02-11-2008 alle 07:53 da _ Snow White Queen *

Categorie

Commenti

  1. L'avatar di *Candy*
    • |
    • permalink
    Sogno di poter vedere questo spettacolo.
    Mi hai fatto emozionare, come sempre del resto.
    Posso solo immaginare ciò che hai provato nel vederlo, già di per se la storia è magica.
    (L)